Sanità: il boom di esami e visite a pagamento fa esplodere i costi per le famiglie – Buzznews

Sanità: il boom di esami e visite a pagamento fa esplodere i costi per le famiglie – Buzznews

La Sanità mette in crisi i bilanci familiari: liste d’attesa lunghe e costi elevati per esami e visite mediche.

La situazione della Sanità in Italia continua ad avere un impatto negativo sui bilanci delle famiglie. Le lunghe liste d’attesa e i costi elevati degli esami diagnostici e delle visite mediche stanno mettendo a dura prova i cittadini italiani.

I dati relativi al 2022 rivelano che i lombardi hanno usufruito di oltre 3 milioni di esami e quasi 4 milioni di visite mediche erogate dagli ospedali pubblici. Tuttavia, solo una piccola parte di queste prestazioni è coperta da un rimborso assicurativo. Questo significa che i cittadini devono sostenere direttamente i costi di gran parte delle cure mediche.

I costi degli esami e delle visite mediche variano notevolmente. Ad esempio, un’elettromiografia può costare dai 120 ai 200 euro, mentre una colonscopia può costare da 350 a 1.200 euro. I cittadini si trovano quindi prigionieri delle liste d’attesa e dei prezzi imposti dai medici.

Inoltre, le richieste di prestazioni a pagamento sono in costante aumento. Dopo i due anni di picco del Covid, la Sanità pubblica è in crisi organizzativa a causa della carenza di medici, mentre i privati accreditati stanno puntando sulle prestazioni a pagamento.

È importante sottolineare che l’Italia investe meno nella Sanità rispetto ad altri paesi europei. Nel 2020 è stata registrata una spesa record, ma i finanziamenti pubblici sono diminuiti negli anni successivi. Questo ha un impatto diretto sui cittadini, che devono fare i conti con costi sempre più elevati per accedere alle cure mediche necessarie.

In conclusione, la situazione della Sanità in Italia richiede un intervento urgente da parte delle istituzioni. È fondamentale garantire un’adeguata copertura assicurativa per le prestazioni sanitarie, ridurre le liste d’attesa e investire maggiormente nella Sanità pubblica. Solo così si potrà garantire a tutti i cittadini l’accesso a cure mediche di qualità senza pesare eccessivamente sui bilanci familiari.

READ  Ministero, Aifa e Iss lanciano allarme sulla resistenza agli antibiotici: Italia in cima alla lista nera, 11 mila morti ogni anno. È una pandemia silenziosa. Arriva una nuova campagna di comunicazione - Buzznews

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *