Rivivere la magia olimpica nel MIQ

le Olimpiadi

La conduttrice di Sky Sport e la conduttrice radiofonica SENZ Kirstie Stanway sopravvivono al MIQ rivivendo i suoi ricordi olimpici preferiti e parlando in onda dal suo hotel con le penne.

Ogni giorno inizia allo stesso modo. Mi sveglio al suono degli stivali dell’esercito che si muovono su e giù per la navata.

Sono il personale militare dell’hotel che fa cadere rapidamente la colazione fuori dalla mia stanza. Non importa quanto ci ho provato, non li ho mai presi. Ti chiedi se Lisa Carrington ha avuto fortuna? È proprio in fondo al corridoio.

È il sesto giorno e sono quasi a metà della mia frase MIQ, ma il mio cervello sta iniziando a esaurirsi. Immagino che questa sia la sensazione di essere rinchiusi dietro le sbarre, ma torno rapidamente alla realtà.

Scrivo questo seduto su un lettino, metà dentro e metà fuori dalla mia stanza; I miei piedi doloranti si stanno riscaldando al sole e mi sto riprendendo dopo aver fatto 20.000 passi al giorno tra gli stadi olimpici. Era come un evento olimpico che stava solo cercando di coprire i Giochi di Covid.

Ho iniziato la mia mattinata a Tokyo con una sessione di sbavatura di due minuti in provetta – un test Covid un po’ meno invasivo di quello che facciamo qui in Nuova Zelanda, ma comunque non un bello spettacolo. Se la saliva non viene naturalmente, tutto ciò che devi fare è pensare al delizioso cibo giapponese.

Prendevo la mia attrezzatura e mi dirigevo al Livello Due e anche se sembra una fuga romantica a Tokyo, la realtà era tutt’altro. All’ingresso del ristorante sei accolto da un tablet molto intelligente che, con il riconoscimento facciale, può controllare la tua temperatura. Numero magico: qualsiasi cosa nell’intervallo 36° Celsius…37 e sei nei guai.

READ  Galleria fotografica: Euro 2020 completa il primo turno e Ronaldo brilla | professionale
Parte del Team Sky Sport alle Olimpiadi (da sinistra): la produttrice Olivia Shea e i giornalisti Christina Eddy Storm Purvis e Kirsty Stanway. Foto: in dotazione.

Dopo aver steso un terzo strato di disinfettante per le mani, indossa guanti monouso prima di scegliere omelette giapponesi, pesce sottaceto, verdure e, se sei fortunato, pollo Karaage, prima di tornare alla tua cabina per mangiare da solo e guardare gli altri attraverso la plastica piatti… Mi aspettavo quasi un telefono vicino al vetro per parlare con i miei visitatori.

Ora per spiegare le ulcere del piede. Mi stavo dirigendo verso l’International Broadcasting Center, una passeggiata di 1,5 chilometri, facendo attenzione a non deviare dal percorso poiché vieni tracciato dal GPS dalle autorità giapponesi. A questo punto erano le 8:30 e 31 gradi, ma l’umidità mi sembra di essere in una sauna.

L’unico modo per rinfrescarsi è un blocco di ghiaccio ed è ora per la prima volta della giornata. Fa caldo e appiccicoso ed è difficile respirare dietro le maschere sudate – ma siamo allo Stadio Olimpico il primo giorno di atletica. Quanto siamo fortunati? Questo è ciò che genera i sogni.

Torno sul mio balcone a Christchurch dove c’è una differenza di temperatura di 30 gradi. La mia pompa di calore non ha colpito nel segno che facevamo giornalmente a Tokyo. Ma io sono uno dei fortunati a cui è stata assegnata una stanza con balcone e, ad essere onesti, l’aria fresca è il più vicino possibile alla conquista di Plutone. È raro come colpire l’Arsenal.

Lo so perché questo non è il mio primo rodeo. Ho completato il mio primo ritardo l’anno scorso dopo essere tornato da Sydney con gli All Blacks, quindi questa volta mi consideravo un professionista esperto. Ma dopo pochi giorni, sono tornato dentro senza la condizionale in vista.

READ  Il giovane centrocampista Bossio segna nel finale il pareggio per il Venezia

Poi Stephen Beaver Donald è decollato nella mia vita, venendo in mio soccorso proprio come ha fatto con gli All Blacks e la nazione nel 2011.

Kirstie Stanway (a sinistra), Stephen Donald e Ricky Swannell collaborano per ospitare il SENZ Sports Radio Show. Foto: SENZI

L’ho sentito sulle onde radio di SENZ: indossa una maglietta degli All Blacks di tre taglie troppo piccola (ok, ha avuto dei rave in quarantena) ed è mio amico. Ma questo è il problema di Biff: è amico di tutti.

In onda si parla di sport, si parla di vita, e da qui conviene parlare del mondo esterno. Le sue parole mi danno speranza senza che lui sappia che lo sta facendo. Mentre ci sono solo così tante volte che riesco a sentirlo camminare intorno a “quel calcio”, a lui importa davvero quando sto camminando in giro il mese precedente ero a Tokyo.

È stato il mio sogno sin da quando ero piccola andare alle Olimpiadi. Con grande sgomento di mio padre, non ero lì come il ciclista medaglia d’oro che “sapeva” che sarei stato lì. Invece, ero lì come giornalista e ho avuto il privilegio di condividere momenti speciali con gli eroi kiwi quando la loro famiglia e i loro amici non potevano essere lì.

Ci sono stati molti momenti “pizzicati”, come quando sono scoppiato a piangere sul bus dei media perché l’atleta Hayden Wilde aveva appena vinto la nostra prima medaglia. Il ragazzo di Waktan che è stato allenato dal mio ex allenatore Greg Willis.

Che ne dici di Jane Nicholas, che è andata a scuola con lei, in canoa nello slalom delle Isole Cook? Due ragazze Tauranga a due metri di distanza alle Olimpiadi. Tutto ciò che volevamo era abbracciarci alla grande, ma dovevamo stabilire un contatto visivo attraverso la barriera e sorridere da un orecchio all’altro dietro le nostre maschere. Ma siamo ancora lì, e abbiamo vissuto i nostri sogni.

READ  Djokovic e Nadal iniziano la strada per il Roland Garros a Monte Carlo, cronaca sportiva
Kirsty Stanway racconta dallo Stadio Olimpico del Nuoto di Tokyo. Foto: in dotazione.

Tornata allo Stadio Olimpico, mi sono alzata e ho guardato la signora Valerie Adams che strappava la medaglia di bronzo dalle scale e la metteva con orgoglio al collo.

Ma il momento che mi ha colpito di più è stato quello di Tom Walsh di Timaru. Con una bandiera della Nuova Zelanda drappeggiata sulle spalle e un’altra medaglia di bronzo al collo, l’umile kiwi ha messo in prospettiva gli ultimi 18 mesi. Trattenendo le lacrime, ha semplicemente detto: “È fantastico”.

Questo momento meritava un caloroso benvenuto da una casa piena, ma invece vedevo posti vuoti ovunque mi girassi. Siamo stati i fortunati, quando non c’era nessuno in giro. Abbiamo condiviso questi momenti con gli uomini e le donne del nostro Paese e non mi sono mai sentito così orgoglioso di essere un neozelandese. Per 16 giorni, questa sensazione non se n’è mai andata.

Ed eccomi lì, in piedi nella fossa dei media, proprio dietro il traguardo, quando il campo olimpico è diventato nero. È la finale dei 100 metri maschili. Una gara che guardo in TV ogni quattro anni da quando ero quella ragazzina con grandi sogni olimpici.

Quella è stata la notte più bella della mia vita. E come tale, la mia esperienza olimpica è stata vissuta in un lampo come la finale dei 100 metri… Ora, se la quarantena dovesse volare veloce come quella notte l’italiano Marcel Jacobs.

* Puoi ascoltare Kirstie Stanway parlare di sport con Stephen Donald su “SENZ Drive con Kirstie, Beav e Rikki” Spettacolo, dal lunedì al mercoledì e il venerdì.

Ravenna Bianchi

"Esperto di tv estremo. Fanatico della birra. Amichevole fan del bacon. Comunicatore. Aspirante esperto di viaggi."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Il Community Day di Pokemon Go Oshawott è fissato per il 19 settembre
Next Post Il New Mexico vede il suo primo caso di peste bubbonica quest’anno