Rishi Sunak affronta la prima grande rivolta partigiana per gli obiettivi abitativi

Rishi Sunak rimane fedele all’obiettivo del governo di costruire 300.000 case all’anno

Rishi Sunak ha ritirato un voto sui piani di costruzione di case del governo britannico mentre dozzine di parlamentari conservatori minacciano la prima grande ribellione della sua premiership.

Circa 47 parlamentari conservatori hanno firmato un emendamento al disegno di legge sull’insediamento e il rinnovo che vieterebbe l’imposizione di obiettivi obbligatori di costruzione di alloggi ai consigli locali. Il disegno di legge dovrebbe tornare alla Camera dei Comuni per il dibattito mercoledì, con una votazione prevista per lunedì prossimo.

Ciò ha lasciato Sunak – che ha una maggioranza attiva di 69 voti – di fronte alla sconfitta se i laburisti e altri partiti di opposizione appoggiano i ribelli.

Mentre il disegno di legge è ancora in discussione mercoledì, un voto su di esso non avrà luogo lunedì, ha detto a Bloomberg un funzionario del governo, accusando un fitto programma parlamentare. Hanno detto che il segretario al sollevamento Michael Gove avrebbe continuato a impegnarsi con i parlamentari nelle prossime settimane e che speravano di poter tenere il voto prima di Natale.

La decisione di ritardare il voto è la prova che Sunak sta avendo difficoltà a gestire un partito conservatore indisciplinato, che è stato definito da insurrezioni su una vasta gamma di questioni politiche che hanno ostacolato i governi successivi. Dà anche ai dirigenti del partito più tempo per scendere a compromessi con potenziali ribelli.

La modifica proposta al disegno di legge è stata una delle numerose introdotte dall’ex ministro dell’ambiente Theresa Villiers per modificare la pianificazione. Martedì scorso, ha salutato la decisione del governo di ritirare il voto come una “vittoria importante” per i conservatori di base.

READ  Nell'ultimo focolaio in Cina, i medici affermano che le persone infette si ammalano più velocemente

Il potere del sentimento
“Dimostra che i ministri sanno che devono ascoltarci e che hanno bisogno di più tempo per trovare una soluzione”, ha detto in un sms. “Non possiamo andare avanti così come siamo con questi eccessivi obiettivi dall’alto verso il basso. Dobbiamo cambiare”.

Ha aggiunto che il livello di sostegno al suo emendamento ha mostrato “la forza di sentirsi lì su questo tema”.

La pianificazione e la costruzione di alloggi è stata a lungo un punto di attrito nel partito, che tradizionalmente domina nelle zone rurali verdeggianti. I ribelli, preoccupati per il contraccolpo degli elettori nei loro cuori, sostengono che le comunità dovrebbero avere più voce in capitolo nel decidere dove costruire le case.

Un aspirante ribelle, Damian Green, ha scritto martedì sul sito Web di ConservativeHome: “Nessun obiettivo centrale può riconoscere le diverse pressioni nelle diverse parti del paese”. “Le tariffe nazionali per i prezzi delle case sono prive di significato nel mondo reale perché la stessa casa sarebbe molte volte più costosa in un sobborgo di Sevenoaks che in quella di Sunderland. Proprio per questo abbiamo bisogno di decisioni locali, espresse in piani locali, sulla scala delle sviluppo necessario in ogni area”.

Il partito conservatore ha promesso di costruire 300.000 nuove case all’anno entro la metà degli anni 2020, ma gli sforzi dell’ex primo ministro Boris Johnson per attuare una politica di pianificazione per consentire una massiccia crescita degli alloggi sono falliti tra le divisioni all’interno del suo partito, che ha incolpato i piani in parte per la sconfitta in un’elezione speciale chiave l’anno scorso. Quasi 206.000 nuove case hanno iniziato a essere costruite dal 2021 a 2.222, secondo i dati dell’Ufficio nazionale di statistica.

READ  La Francia chiude la moschea per difendere la jihad

nimbiano

L’attuale disegno di legge è stato presentato in parlamento a maggio, quando Johnson era ancora primo ministro.

Le proposte dei ribelli sono state criticate dal coautore del manifesto dei Tory del 2019, Rupert Colville, che ha affermato che “avrebbero sancito l”intimità’ come principio guida della società britannica”. NIMBY sta per Not In My Back Yard.

Altre modifiche proposte da Villiers includono rendere più difficile la conversione delle case in case per le vacanze e rendere più facile incentivare la costruzione su terreni verdi piuttosto che su terreni verdi, e sanzioni più pesanti per gli sviluppatori che non riescono a costruire una volta concesso il permesso di costruzione.

Il suo portavoce, Max Blaine, ha detto che Sunak è rimasto fedele all’obiettivo del governo di costruire 300.000 case all’anno.

“Vogliamo lavorare in modo costruttivo per garantire che più case vengano costruite nei posti giusti”, ha detto Blaine ai giornalisti martedì. Ha detto che il Dipartimento per gli insediamenti, gli alloggi e le comunità e il suo ministro degli esteri, Michael Gove, sono “molto concentrati” su questo.

Ma il primo ministro ha detto durante il primo concorso di leadership conservatore di quest’anno – che ha perso contro Liz Truss – che la sua politica di pianificazione sarebbe stata “Brownfield, Brownfield, Brownfield”, suggerendo che era in sintonia con alcune delle opinioni dei ribelli.

“Negli ultimi anni, abbiamo visto molti esempi di consigli locali che eludono le opinioni dei residenti sottraendo terra dalla cintura verde per lo sviluppo, ma porrò fine a tutto ciò”, ha detto all’epoca.

Baldovino Fiorentini

"Scrittore impenitente. Appassionato di bacon. Introverso. Malvagio piantagrane. Amico degli animali ovunque."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Post Le criptovalute nell’economia italiana: tutto quello che c’è da sapere
Next Post La F1 ha un record di spettatori negli Stati Uniti nel 2022