Rinnovato all’Inter, Lukaku punta all’Italia | notizie di calcio

Ci sono un paio di confessioni registrate dell’adolescente Romelu Lukaku – durante la sua prima volta con il Chelsea – che dicono molto sul suo personaggio. Dopo che il Chelsea ha vinto la FA Cup nel 2012, Lukaku ha rifiutato di celebrare il titolo perché non ha davvero contribuito alla vittoria, con un solo sostituto in questa stagione. “Quando (Salomon) Kalou mi ha messo il trofeo in grembo sull’autobus, gli ho chiesto di portarlo via immediatamente. Anche Lukaku ha detto la stessa storia due settimane dopo, dopo che il Chelsea ha vinto la sua prima UEFA Champions League a Monaco. E quando al belga è stato chiesto “Perché” ha detto alla BBC: “Non sono stato io, ma la mia squadra a vincere”.

Negli anni successivi, Lukaku ha continuato a gestire enormi quantità di denaro per ogni genere di cose inspiegabili. Non solo per la sua posizione e le sue dimensioni (Gary Neville lo ha malamente definito “sovrappeso e poco professionale”) ma anche per la sua razza (Lukaku ha scritto su The Player’s Tribune di come quando le cose non andavano bene era sempre un “attaccante belga di origine congolese”). Ma ciò che apparentemente ha sollevato più di semplici dichiarazioni dispregiative è il fatto che Lukaku non ha avuto fortuna da quando ha lasciato l’Anderlecht da bambino, nonostante abbia giocato per molte grandi squadre di calcio e un grande paese.

Leggi anche | Euro 2020: gli attuali leader nella corsa alla Scarpa d’Oro

Fino a maggio di quest’anno, cioè. Lukaku ha segnato 24 gol in Serie A (solo Cristiano Ronaldo della Juventus ne ha segnati di più) L’Inter ha vinto il suo primo titolo in 11 anni ed è stato il primo del belga da adulto. Ma lo scudetto ha fatto di più che mettere fine alla siccità del titolo di Lukaku, spezzando la presa della Juventus in nove stagioni. Un vero contendente per il trono finì anche per ispirare i vicini Milan e Atalanta ad affrontare anche i Giants (entrambi finirono sopra la Juventus), rendendo la scena del club in Italia notevolmente più eccitante.

READ  Mikel Oyarzabal sul revival della Sociedad, l'esame di italiano di Luis Suarez, il fascino di Barcellona tra le storie sotto il radar

Il rilancio del calcio per club italiano ha avuto un impatto enorme sul campionato europeo in corso. Non solo Ronaldo è ancora in testa alla Scarpa d’Oro con 5 gol, ma anche tra i restanti otto paesi, metà ha giocatori di Serie A come capocannoniere della squadra (o capocannoniere della squadra). Belgio (Lukaku Inter), Spagna (Juventus Alvaro Morata), Danimarca (Joachim Mahle dell’Atalanta) e Italia ovviamente, con tutti i capocannonieri del torneo di Cerro Immobile (Lazio), Manuel Locatelli (Sassuolo), Federico Chiesa (Juventus), Lorenzo Insigne (Napoli) e Matteo Pesina (Atalanta) giocano in casa. Escludendo gli autogol, i giocatori di Serie A hanno segnato il maggior numero di gol finora, 30 (forbes.com).

L’Atalanta da sola può essere una buona misura dell’impatto della Serie A su Euro 2020, con cinque giocatori delle loro fila che trovano il fondo della rete per diversi paesi. Questo è il numero di gol del Manchester City in questo torneo. Niente male quindi per un club che era nel secondo livello del calcio italiano fino al 2011.

Leggi anche | Il ministro tedesco critica la decisione della UEFA sugli stadi pieni

Ma prima che una squadra costellata di giocatori di club di Serie A possa rilanciare completamente la Serie A, deve andare oltre il meglio che i club italiani hanno da offrire a Lukaku. Una figura di grandezza potrebbe tagliare in una squadra belga che potrebbe perdere Eden Hazard e Kevin De Bruyne per infortuni nei quarti di finale, ma non sottovalutare la fame di Lukaku, soprattutto dopo che lo Scudetto gli ha fatto vorticare l’appetito.

“Era importante per me iniziare a vincere trofei”, ha detto Lukaku prima della partita a eliminazione diretta del Belgio contro il Portogallo. “Lo scudetto con l’Inter mi ha dato motivazione e ora voglio vincere anche con i Red Devils”.

READ  Zlatan Ibrahimovic: L'attaccante del Milan è molto vicino alla firma di un nuovo contratto, dice Paolo Maldini notizie di calcio

Con i Red Devils Manchester United, Lukaku ha trascorso due stagioni agonizzanti e senza premi mettendo in dubbio il suo licenziamento. Ma per i Red Devils come in Diabelles Rogues, o in Belgio, è certamente il massimo. “Beh, ora sono anch’io di livello mondiale”, ha detto lo stesso Lukaku la scorsa settimana quando era in una situazione di stallo.

Ravenna Bianchi

"Esperto di tv estremo. Fanatico della birra. Amichevole fan del bacon. Comunicatore. Aspirante esperto di viaggi."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Sony acquista il famoso studio di gioco per le porte del PC
Next Post Ecco come appare Falcon 9 dopo 8 voli nello spazio in un anno