Rinascita del Covid in Europa: l’OMS teme 700.000 morti in più | notizie dal mondo

L’Organizzazione mondiale della sanità ha dichiarato martedì che l’Europa rimane “in una stretta morsa” su Covid e che il bilancio delle vittime nel continente potrebbe superare i 2,2 milioni quest’inverno se le tendenze attuali continueranno.

L’Organizzazione mondiale della sanità ha affermato che circa 700.000 persone potrebbero morire nei prossimi mesi, poiché i casi si diffondono in tutta Europa, spingendo alcuni paesi a reintrodurre rigide restrizioni.

L’Organizzazione mondiale della sanità prevede “stress estremo o grave nelle unità di terapia intensiva (ICU) in 49 paesi su 53 da qui al 1 marzo 2022”.

“Si prevede che i decessi cumulativi segnalati raggiungeranno più di 2,2 milioni entro la primavera del prossimo anno”, ha aggiunto, rispetto agli 1,5 milioni attuali.

L’Organizzazione mondiale della sanità ha dichiarato che il COVID-19 è la principale causa di morte in Europa e in Asia centrale, citando i dati dell’Institute for Health Metrics and Evaluation.

Il rapporto afferma che l’aumento in Europa è stato guidato da una combinazione di un tipo delta altamente contagioso, copertura vaccinale insufficiente e misure di allentamento come l’uso di maschere e il distanziamento fisico.

Secondo i dati dell’OMS, i decessi correlati al Covid sono aumentati la scorsa settimana a quasi 4.200 al giorno, raddoppiando rispetto ai 2.100 decessi al giorno alla fine di settembre.

L’Organizzazione mondiale della sanità ha anche affermato che stanno aumentando le prove che la protezione dei vaccini contro le infezioni e le malattie lievi sta diminuendo.

“La situazione del COVID-19 in Europa e in Asia centrale è molto grave. Stiamo affrontando un inverno impegnativo”, ha dichiarato il direttore regionale dell’OMS per l’Europa Hans Kluge in una nota.

READ  La Russia ha rubato la formula del jab di AstraZeneca Covid? Questo rapporto suggerisce che | notizie dal mondo

Ha chiesto un approccio “vaccine plus”, comprese le vaccinazioni, il distanziamento sociale, l’uso di maschere per il viso e il lavaggio delle mani.

L’Organizzazione mondiale della sanità ha affermato che le maschere per il viso riducono l’infezione da virus Covid del 53 per cento secondo un recente studio e che “più di 160.000 decessi (entro il 1° marzo) potrebbero essere evitati se si raggiungesse una copertura universale della maschera del 95 per cento”.

Baldovino Fiorentini

"Scrittore impenitente. Appassionato di bacon. Introverso. Malvagio piantagrane. Amico degli animali ovunque."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Cone: “Physical Dump” un possibile antipasto in Onwbere Stacked Ginibra
Next Post Testimonianza di Elizabeth Holmes Giorno 3: aggiornamenti della prova dal vivo