Rick Steves: Lago di Como, Dove Luna di Miele Italiani

Disteso su due sedie in cima allo scarno ponte passeggeri di un traghetto da dieci auto mentre pedalava attraverso il Lago di Como, ho guardato a sud nelle nebbie dell’Italia. Mi godo il meglio del mio paese preferito con la mancanza di confusione e intensità che generalmente fa parte dell’esperienza italiana. Guardando a nord, alla fresca brezza alpina, vedo le Alpi innevate.

Sono a pochi minuti dalla Svizzera…ma ovviamente sono in Italia. I traghettatori sono italiani, con quella finezza inquietante ma accattivante ed esilarante per gli insuccessi. La precisione sembra essere limitata alla pasta: esattamente al dente. Invece di banche pubbliche e orologi (che inondano le vicine località lacustri svizzere, come Lugano), le stradine che si snodano in questo lago sono piene di pigri caffè e negozi a parete, riforniti di frutta e verdura croccanti.

In questo romantico distretto lacustre all’ombra delle Alpi, le lugubri ville del XIX secolo sono riempite in modo seducente da antichi vigneti che sembrano agonizzare per le storie che raccontano. I palmi rachitici sembrano essere tenuti contro la loro volontà in questa posizione settentrionale. Le prospettive sono riservate ai poeti. In effetti, sono stati gli amanti della natura dell’era romantica che hanno scritto e dipinto qui a mettere questa regione sulla mappa del turismo nel XIX secolo.

La domanda da un milione di euro: quale lago vedere? Little Orta ha un fascino insolito e meno sofisticato. Maggiore ha le Isole Giardino e Stresa, che è una famosa località turistica. Garda è un successo con gli sciatori tedeschi. Ma per la migliore miscela di paesaggio, antico romanticismo aristocratico e fascino di glicine, la mia scelta è Como.

READ  Città, tra cui Miami e Atene, stanno assumendo "ufficiali del calore senior" per aiutare le imprese e i residenti a resistere al caldo torrido.

Il sonnolento Lago di Como, a solo un’ora a nord di Milano con un comodo treno, è un buon posto per prendersi una pausa dall’obbligatoria cultura italiana delle porte girevoli. La metà dei viaggiatori che ho incontrato sembra aver lasciato le proprie tracce nel lago e, in effetti, è rilassata.

Oggi, l’unica industria seria a Lazy Lake è il turismo. Molti residenti in riva al lago si recano quotidianamente nella vicina Lugano, in Svizzera, per trovare lavoro. L’isolamento e l’economia piatta della regione l’hanno lasciata in gran parte come la dipingevano questi romantici del XIX secolo.

Autoproclamata “Perla del Lago”, Bellagio è il principale resort del Lago di Como, un’elegante miscela di pulizia primordiale ed eleganza del vecchio mondo. Se non ti dispiace sentirti un “vagabondo di palazzo”, questo è un ottimo posto per circondarti dei viaggiatori più avventurosi. I negozi fiancheggiano i vicoli che si affacciano sul lago. Tende pesanti appese tra gli archi impediscono ai visitatori VIP e ai barboncini di sudare. Mentre cravatte e gioielli di lusso si vendono meglio a livello del lago, la gente del posto fa acquisti su per la collina.

Il Lago di Como è famoso tra gli italiani per la sua forma: come una figura stilizzata di un uomo a due gambe che avanza verso l’esterno. Il Bellagio è dove le gambe si incontrano (rendendolo oggetto di divertenti, anche se rozze, canzoni locali che puoi imparare quando visiti). Esco dalla città dritto all’inguine, seguendo la vista del lago. A Punta Spartevento (letteralmente, “il punto che divide il vento”), trovo l’atmosfera di Renoir, perfetta per una passeggiata guardando a nord e contemplando dove l’Italia è saldata alle Alpi svizzere.

READ  Bruxelles si trasferisce a Bari e trova un'Italia diversa - Politico

Mi dirigo verso il paese di Varenna (altri 10 minuti di traghetto). Strette stradine salgono quasi invisibili dal porto all’antica arteria stradale che attraversa la parte alta del paese. Farina racchiude i suoi 800 residenti in un paesaggio urbano compatto, stretto come 50 ostriche che pesano su una minuscola roccia. Le singole case sono identificate solo dai loro colori pastello.

Mentre le Residenze Farina affollano il lago, una deliziosa passerella (board walk) si snoda dal molo dei traghetti al porticciolo attraverso ville private custodite da ferro battuto e glicine. Due secoli fa, il fronte del porto era occupato da persone che sapientemente lavoravano bastoncini di castagno e quercia in botti, scalpellini scolpiti e spedivano prezioso marmo nero e caratteristiche barche di legno dirette a catturare l’unicità del Lago Misoltino: le “sardine” d’acqua dolce che la gente del posto ancora orgogliosamente servire i loro chef. Oggi il commercio portuale è poco più che il noleggio di pedalò e una gelateria gestita da un uomo di nome Eros.

Oltre a guardare i traghetti andare e venire, ci sono poche cose fantastiche da fare a Varenna. Di notte sussurra Luna de Mille – Luna di miele. E vagando per il ponte, oltre quelle ville piene di glicini dove gli amanti del karate sono silenziosamente premuti l’uno contro l’altro, ricordo l’importanza di scegliere il giusto compagno di viaggio.

– Questo articolo è tratto dal nuovo libro di Rick, For the Love of Europe.

Rick Steves Scrive guide europee, conduce programmi di viaggio alla televisione e alla radio pubbliche e organizza tournée europee. Puoi inviare un’e-mail a Rick a rick@ricksteves.com e seguire il suo blog su Facebook.

READ  Il primo segnale di difficoltà tra Pakistan e Turchia per la posizione morbida di Ankara sul Kashmir

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post L’uomo Tempe dà vita all’eroe della guida della slitta in Rudolph la renna dal naso rosso
Next Post 120 arrestati in Pakistan per l’uccisione da parte della folla del direttore di una fabbrica dello Sri Lanka