Rendimenti obbligazionari: i rendimenti obbligazionari dell’Eurozona sono misti dopo un rally guidato dalla Banca centrale europea

Giovedì i rendimenti obbligazionari dell’Eurozona hanno faticato a determinare la direzione poiché gli investitori hanno valutato costi di indebitamento più elevati all’indomani della riunione della Banca centrale europea della scorsa settimana.

Il rendimento dei bund governativi tedeschi a 10 anni, considerato un punto di riferimento per l’Eurozona, è rimasto stabile al 2,3%. I rendimenti si muovono inversamente rispetto ai prezzi.

Tuttavia, il rendimento del bund tedesco a due anni è balzato al livello più alto dal 2008 nei primi scambi al 2,552%. Il rendimento a 2 anni è molto sensibile alle aspettative sui tassi di interesse della BCE ed è salito di 1 punto base al 2,532%.

La scorsa settimana la Banca Centrale Europea ha sorpreso gli investitori europei assumendo un tono più aggressivo del previsto, alzando i tassi di interesse di 50 punti base al 2%.

Ha indicato che non è ancora vicino al completamento dell’aumento dei tassi di interesse per affrontare l’inflazione, che sta causando un aumento dei rendimenti obbligazionari mentre i prezzi scendono. Le aspettative di tassi di interesse più elevati di solito portano gli investitori a richiedere rendimenti più elevati sulle obbligazioni.

L’improvvisa mossa della Bank of Japan (BOJ) di adeguare la sua politica di controllo della curva dei rendimenti ha aggiunto pressioni sulle obbligazioni globali.

La Banca del Giappone consentirà ora al rendimento obbligazionario a 10 anni del paese di spostarsi di 50 punti base su entrambi i lati del suo obiettivo dello 0%, più ampio rispetto al precedente intervallo di 25 punti base. Gli analisti hanno affermato che ciò ha reso il debito giapponese più attraente. ha affermato Giles Gil, European Head of Pricing Strategy presso NatWest Markets.

READ  I mercati azionari europei inciampano sui timori di supporto Covid | Mercato azionario

Giovedì, il rendimento del decennale italiano è sceso di 3 punti base al 4,395%, dopo essere sceso di 5 punti base mercoledì. Ciò ha ridotto il divario tra i rendimenti del bund decennale tedesco e italiano a 209 punti base.

Il rendimento del decennale italiano è salito di 46 punti base la scorsa settimana e di 11 punti base questa settimana, mentre il rendimento del decennale tedesco è aumentato di 24 punti base la scorsa settimana ed è superiore di 13 punti base questa settimana.

Entrambi sono ancora al di sotto dei massimi registrati a settembre e ottobre, quando l’ansia degli investitori per l’inflazione e gli aumenti dei tassi d’interesse ha raggiunto il picco.

Con pochi dati europei sul calendario economico, gli investitori stanno aspettando i dati sull’inflazione PCE degli Stati Uniti venerdì per suggerimenti sulla politica della Federal Reserve statunitense.

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post La classica tecnica della “camminata stupida” di John Cleese brucia più calorie rispetto alla normale camminata
Next Post L’Arabia Saudita vieta l’abaya nelle sale d’esame e richiede alle studentesse di indossare uniformi scolastiche