Recensione di “The Tender Bar” – The Hollywood Reporter

Non ci sono grandi momenti aha in bar tenero. Episodica e strettamente divisa, la storia dell’età adulta di George Clooney porta George Clooney tanto lontano dal concetto elevato quanto è andato come regista. Il suo ottavo film è anche il film più caldo che abbia mai realizzato, ed è l’esatto opposto del film precedente, l’epopea di fantascienza. cielo di mezzanotte, che è stato tessuto da pezzi fissi e uno strato di ghiaccio. Incentrato su un quartiere operaio di Manhasset a Long Island, il nuovo film privilegia i toni della terra degli anni ’70, e più sbiadiscono e fumano meglio è, un quartiere con scontri caotici e amorevoli e scoppi di gioia.

La storia della maturità dello scrittore, bar tenero Riassume il libro di memorie più venduto del 2005 con lo stesso nome del giornalista J.R. Moringer (l’ultimo è il ghostwriter dell’autobiografia del principe Harry). Lavorando da un adattamento irregolare di William Monahan, Clooney ha un chiaro affetto per il periodo, l’ambiente e i personaggi, e mantiene adeguatamente gli eventi filtrati attraverso gli occhi di J.R., che viene visto per la prima volta come un bambino di 9 anni (ammirevolmente carismatico) Daniele Ranieri) e poi da adulto (Tai Sheridan, attento e sensibile).

bar tenero

Linea di fondo

Un mago compatto con un tocco da asso di Affleck.

luogo: BFI London Film Festival

data di pubblicazione: venerdì 17 dicembre

sputo: Ben Affleck, Tye Sheridan, Lily Rabe, Christopher Lloyd, Daniel Ranieri

Direttore: George Clooney

sceneggiatore: William Monahan

Classificato R, 1 ora 46 minuti

Il film è essenzialmente un San Valentino per lo zio Charlie di JR, l’uomo che interviene per guidare il ragazzo dopo che il suo padre biologico si rivela essere un colpo mortale al MIA. Potrebbe essere un uomo adulto che vive ancora con i suoi genitori, ma Charlie accetta il suo posto nel mondo e ne trae il massimo. È l’epitome della compostezza, un corpo calmo, e Ben Affleck lo ha interpretato con brillante gentilezza proletaria, in una delle sue esibizioni più illuminanti.

Clooney supporta il movimento semplice con canzoni rock e pop contagiose in stile vintage, da Jackson Brown agli Isley Brothers, da Radar Love a Do It Again. Si potrebbe dire che dipende da loro, ma possono sopportarne il peso e iniettano nel film un forte senso di nostalgia. bar tenero, che debutterà negli Stati Uniti a dicembre e verrà lanciato a livello globale su Amazon Prime all’inizio di gennaio, è un film che dà la priorità al feeling rispetto alla struttura. Se trova difficile trovare un ritmo, soprattutto all’inizio, non c’è dubbio che ti sta spingendo a un bel massimo.

READ  Uno dei mostri più famosi di Dungeons & Dragons si unisce alla magia: The Gathering

Il film attraversa un periodo di circa 15 anni, a partire dal 1973, quando il giovane JR Maguire e sua madre a corto di soldi (Lily Rabe) tornano a “casa” – cioè la sua fatiscente casa d’infanzia a Manhasset, ancora occupata dal padre irritabile, ( Christopher Lloyd), sua madre (Sondra James, nel suo ultimo ruolo nel film) e zio Charlie, ospitano spesso un gruppo chiassoso di cugini in visita. Per la madre di JR, il ritorno è la prova del suo fallimento. Ma accoglie con favore il cambiamento: “Mi piace avere persone”, osserva il futuro scrittore, immergendosi in tutto.

JR ama particolarmente la possibilità di stare con suo zio, che si occupa del pub di Dickens, un abbeveratoio del quartiere ben tenuto con i libri che conosce avanti e indietro. Autorità senza pretese in questo mondo finito – potresti presumere che possieda il posto – charlie consiglia JR in Male Science: il suo codice ben rifinito su come agire in modo decente verso te stesso, le donne, il mondo. Accendi il desiderio di un bambino di essere un autore e offri lodi calcolati quando produce un giornale di famiglia con la sua macchina da scrivere manuale.

Tutti quelli che incontra il ragazzo chiedono “Cosa rappresenta JR?” Questo è un punto dolente considerando che suo padre, uno dei 40 migliori fantini pirati di New York City interpretato da Max Martini con un misto di egregio bullismo, maleducazione e patetica millanteria, è il tipo di ragazzo che promette a suo figlio che lo porterà a una partita dei Mets e poi alzalo in piedi. È spesso assente dalla vita di JR, fatta eccezione per il tonante suono baritonale del disco FM. Charlie, al contrario, è uno sparatutto diretto. “Non guardare a tuo padre per salvarti”, consiglia a suo nipote. “Non esercitare”, aggiunge, in base a ciò che ha osservato delle capacità atletiche di JR.

In una rara occasione, il nonno, un tempo uomo di Dartmouth che in qualche modo è caduto in disgrazia, ha messo da parte la sua indignazione per venire anche lui a JR. Questa è un’era ben definita della famiglia nucleare, e non è cosa da poco che il nonno si unisca al suo meglio per unirsi al ragazzo per una colazione padre-figlio nella sua scuola; Lloyd offre scorci di qualcosa che si addolcisce in un uomo, non importa quanto miserabile sia il suo aspetto e il suo comportamento. Ma Dickens, un ritrovo pieno di simpatici clienti abituali (Max Casella, Michael Brown, Matthew Delamatere), è diventato il rifugio di JR. Da bambino, si diverte alla festa di Barfly e ne impara la lingua, e da giovane gravita lì quando ha bisogno di consigli o conforto.

READ  "Abbiamo fatto molta strada"

Prima che il film entrasse negli anni del college JR, Clooney ha scambiato alcune brevi scene di Sheridan che viaggia su un autobus, poi un treno, mentre inizia una conversazione con un prete (Bill Melade). Ci vuole un minuto di distrazione per collegare il suo personaggio con quello di Danieri; C’è poca somiglianza fisica tra loro. Ma in una storia alimentata da sentimenti di connessione, il DNA emotivo li connette. (A un certo punto, due versioni di JR si “incontrano” e, in azione, lo scambio di fantasia è nitido e privo di ingombri.)

In questa storia di ragazzi e uomini, le donne tendono ad essere enigmi, a volte codici. La nonna di JR è un personaggio di sfondo; Una delle ex fidanzate di Charlie (Shannon Collis) fa una breve apparizione; La madre di JR, una segretaria che lavora sodo, è essenzialmente una costellazione di ambizioni per suo figlio. La sua frequenza alla Yale University non è più un augurio che un imperativo, per quanto affettuosamente espresso. Nella performance di Rabe, la devozione del personaggio alla madre non è mai messa in dubbio, ma chiarisce che è l’antitesi dell’equilibrio e della fiducia in se stessi di Charlie. Ci vuole un po’ per vedere l’ideale che condividono questi diversi fratelli.

Quando si verifica un grave problema di salute, l’evento viene gestito così strettamente che è quasi un ripensamento. Ma quella che a prima vista sembra essere una scelta sorprendentemente imbarazzante nell’industria cinematografica sta gradualmente diventando un riflesso del modo in cui il giovane JR vive l’azione, con le informazioni limitate che gli vengono fornite dagli adulti.

Nella parte della storia di Sheridan, J.R. va oltre Dickens e la sua famiglia divisa in un mondo di privilegi (Yale, trascorso a New York Times). Questi anni sono plasmati dalle battute, sia filosofiche che pratiche, con il compagno di stanza Wesley (Renzi Velez), e principalmente dalla storia d’amore di JR con la sua prima ragazza, Sydney (Briana Middleton). Nella loro conversazione iniziale, era così sofisticata e sicura che era difficile credere che fosse una studentessa, figuriamoci una matricola. La sua crudeltà casuale si trasforma nel modello che definisce la loro relazione. Nella sua deliziosa apertura alla presenza di Sydney, Sheridan spiega perché JR continua a tornare per lei. (Al contrario, il modo in cui il suo viso rimane immobile e freddo durante un incidente particolarmente brutto con suo padre suggerisce un resoconto che cambia la vita.) I suoi genitori (Marc Boyet e Quincy Tyler Bernstein) danno consigli sugli scarabocchi, ricordando il pasto scomodo e memorabile che i genitori hanno incontrato in Arrivederci, Colombo, e dando a Clooney la possibilità di esprimere il suo gusto per il terreno più acuto e satirico.

READ  I KISS cancellano il concerto di Filadelfia dopo che Paul Stanley è risultato positivo al COVID-19 | intrattenimento

Gli anelli si uniscono come pezzi di un puzzle, alcuni più semplici ed efficaci di altri. Nelle prime scene, la sceneggiatura di Monahan (il tardi) è prolisso e laborioso. Gli attriti dei personaggi si trovano proprio in superficie e, a volte, il film avrebbe potuto andare più in profondità. Ma c’è qualcosa da dire sul modo in cui Clooney rimane fedele alla prospettiva di JR per tutta la storia, non pompa commenti dall’alto e non lo trasforma in un eroe più tradizionale di un osservatore essenzialmente negativo.

È rinfrescante che nessuno nel film sia trattato come un problema da risolvere, un arco di personaggi da disegnare. Sebbene alcuni di loro affrontino nuove sfide, nessuno cambia davvero nel corso di tutto questo bar tenero. Questo è particolarmente il caso di Charlie, che mantiene un’aura di mistero, umorismo e saggezza. Nella performance stellare di Affleck, Charlie non ha bisogno di un retroscena per spiegare perché è “instabile”. Abbastanza per vederlo portare il suo Caddy con gli amici durante una gita in spiaggia o al Bowladrome (le località dell’area di Boston giocano un ruolo avvincente a Long Island).

Anche con gli splendidi sguardi delle macchine alte e lucenti e tutti quei fantastici brani musicali, niente nel film urla un pezzo d’epoca degli anni ’70; Clooney e i suoi collaboratori evocano questo periodo senza trasformarlo in uno spettacolo. Contro gli interni logori della casa di Maguire e Dickens, una festa nel campus o il trambusto della redazione quando le redazioni erano affollate e piene di azione, le scenografie (di Kalina Ivanov), i costumi (Jenny Eagan) e la fotografia (Martin Ruhe) sono sempre prestanome.

E in Charlie abbiamo un personaggio indimenticabile, sin dalla sua prima apparizione sullo schermo. Dopo aver salutato sua sorella e suo nipote e aver spiegato loro che stavano per entrare in una casa piena di parenti, Charlie fece un sorriso malizioso e disse allegramente: “Vuoi?” Poi ci regala di nuovo quel sorriso tremante, e in qualche modo contiene un’intera storia di vita.

Abelie Lombardi

"Pioniere del caffè. Pensatore appassionato. Creatore. Appassionato di Internet a misura di hipster".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Una donna addormentata evita la morte di un centimetro dopo che una meteora ha colpito il suo tetto
Next Post Grenada cerca di rilanciare il turismo, l’economia in mezzo alla pandemia