Recensione Acapulco: Apple TV Plus Comedy con Eugenio Derbez

Con un cuore giocoso come un’ambientazione flashback, la commedia eloquente di Eugenio Derbez segue gli alti e bassi di un viaggio nostalgico color caramella.

Tecnicamente, Acapulco parte alla fine. In un pomeriggio limpido e soleggiato nel sud della California, Maximo Gallardo (Eugenio Derbez) osserva l’Oceano Pacifico da una vasta tenuta. In un giorno libero dalla sua vita da magnate finanziario, Maximo accoglie suo nipote Hugo (Rafael Alejandro) per rilassarsi. Celebrando il compleanno del suo giovane parente, Maximo si diletta nella storia della sua adolescenza, lavorando nel resort di lusso di Las Colinas ad Acapulco, in Messico.

Mentre lo spettacolo oscilla tra il presente e il 1984, Maximo si presenta lentamente da giovane (Enrique Arizón) in mezzo a un mare di famiglia e colleghi. L’amico d’infanzia Memo (Fernando Carsa) lo aiuta a navigare nella vita a Las Colinas, dove inciampa dopo una disperata cotta per Julia (Camila Perez), compete con i rivali Hector (Rafael Cibrian) e Chad (Chord Overstreet) e fa del suo meglio per stupire il resort. Manager (Damien Alcazar) e proprietario (Jessica Collins). Dopo lunghi giorni passati a soddisfare una porta girevole di ospiti a bordo piscina, Maximo torna a casa della sua devota madre, Nora (Vanessa Bauci) e della sorella minore Sarah (Regina Rinoso).

Nella storia di Max Hugo, “Acapulco” attinge ad alcune conferenze cinematografiche e televisive consolidate per raccontare storie attraverso generazioni e viaggi nostalgici (anche quelli che non includono il giovane Fred Savage, in un certo senso). Attraverso la nebbia della memoria, alcuni dettagli sono alterati, alcuni dialoghi sono sincronizzati e una manciata di momenti giocano sulle aspettative di Hugo. Sebbene Las Colinas siano dipinte con una lucentezza fiabesca (in senso figurato e letterale, in colori pastello così luminosi che puoi quasi sentire l’odore della lacca per capelli), Acapulco usa queste tecniche di piercing da favola con moderazione. C’è abbastanza interesse guadagnato qui che il vecchio Maximo non ha bisogno di molti trucchi per mantenere Hugo o il pubblico televisivo agganciato.

“Acapulco”

Kate Cameron

READ  Millie Bobby Brown crea la sua nuova storia d'amore per il pubblico con il figlio di Jon Bon Jovi, Jake Bongiovi

Non è l’unico elemento della serie che funziona, ma molto di ciò che rende l'”Acapulco” un orologio così soddisfacente è il fascino semplice dell’Arizon. Passando dall’adorabile fan, all’aspirante fornitore di famiglia e all’occasionale creatore di dispetti, Arrizon tratta ciascuno di questi livelli di Maximo con onesta passione. Mentre gli ottimisti di buon carattere non sono sempre i personaggi più facili da creare (anche con una storia di successo travolgente a pochi clic di distanza sulla lista di Apple TV +), “Acapulco” chiarisce che Maximo non è immune da alcune delle stesse ipotesi e paraocchi metaforici di cui i suoi colleghi si innamorano e i suoi familiari a volte ne approfittano.

E mentre il maggiore Maximo potrebbe essere quello che racconta la storia, il resto delle persone catturate attraverso il suo obiettivo nostalgico ha ancora molto tempo sullo schermo per attingere alla stessa profondità. È impressionante la rapidità con cui “Acapulco” si è adattato alla facilità di fare commedie sul posto di lavoro. Persino personaggi come Memo, che inizialmente sono emersi come un modo per fornire battute finali, hanno più cose da fare man mano che la stagione va avanti. Julia diventa più di un semplice soggetto dell’affetto di Maximo. Non ci vuole molto a Don Pablo, il capo decennale dell’hotel, per andare oltre l’essere solo l’unico al lavoro.

Alcuni di questi thread “Acapulco” tendono a diventare un po’ ripetitivi, specialmente quando le cose si muovono oltre i confini di Las Colinas. Ma anche quei momenti sono presentati con cura e sincerità che aiutano a tenere insieme lo spettacolo. Piccoli dettagli come Maximo e Sarah che parlano attraverso un minuscolo foro nel muro tra stanze adiacenti, gli asciugamani colorati nella lavanderia dove lavora Memo, o le copertine spagnole permanenti della radio degli anni ’80: tutti dipingono un’immagine precisa di tempo e luogo in uno i ricordi dell’uomo.

READ  Rose McGowan chiama Oprah Winfrey un falso perché viene

Acapulco guadagna sottili frammenti di emozione, in parte perché questo è uno spettacolo che non rifugge dalla sfumatura desolante che punteggia tutto. Mentre il romanzo di Maximo ha ottenuto un enorme successo in alcune aree della sua vita, i meccanismi della sua storia mostrano gradualmente che non tutto è fatto con la stessa precisione della sua narrazione esatta. Alcuni di questi episodi provengono da capitoli specifici della storia complessiva che derivano da un oggetto che Maximo ha tenuto con sé come prova. Questi souvenir non corrispondenti possono essere ciondoli o un promemoria di qualcosa perduto. Derbez è un elemento di scherzo dello zio qui, a volte gettando un lato esilarante mentre altri coprono un morso che Maximo ricorda tutti questi anni dopo.

Acapulco Apple TV Maximo Nora

“Acapulco”

Kate Cameron

Aiuta se questa combinazione di promesse, felicità e carenze viene consegnata con un vero senso del tempismo. L’elenco dei manager della stagione è pieno di veterani comici, che aiutano a far rivivere Las Colinas saltando spesso negli stadi. Se la vita di Maximo sembra un singhiozzo, è in parte perché la telecamera è costantemente in movimento, seguendo Hector mentre si assicurava le punte dai lettini con precisione balistica. Si muove attraverso la hall di Las Colinas, in mezzo al trambusto degli ospiti in arrivo. Il cameriere, l’organizzatore di eventi, gli amici di Julia alla reception e il roster dei colleghi di Maximo si aggiungono al ritmo della narrazione, un piccolo ecosistema di cui Maximo è diventato una parte indispensabile.

‘Autenticità’ diventa un’idea che galleggia sempre anche sullo sfondo. I vari colpi di scena di Maximo nella sua ascesa tra i ranghi di Las Colinas sono spesso accoppiati con la messa in discussione di ciò che è veramente vero in un ambiente in cui alcuni pagano ospiti e altri dipendenti. Acapulco non si sottrae ad alcune di queste considerazioni, eventualmente pronunciandole in relazione alla situazione attuale di Maximo. Maximo del 1984 si concentra sull’ottenere i mezzi per raccontare la propria storia. Guardando indietro, Acapulco sottolinea l’idea che arrivare a questo punto comporta una serie di complicazioni.

READ  Jordin Sparks è coinvolto con Michael Xavier in "Christmas Treasure"

Nonostante tutto, però, anche “Acapulco” è un’abile commedia. C’è un ceppo di merda soul da accompagnare con alcune impostazioni piuttosto esilaranti. (Di per sé, la risposta di Maximo a quando gli viene detto l’importanza di essere invisibili è sufficiente per convincere chiunque a continuare a guardare il resto della stagione.) C’è una dolcezza qui che viene non solo dall’incessante ottimismo, ma dal cercare di essere all’altezza del tuo meglio ricordi.

Grado: B +

“Acapulco” debutterà con i suoi primi due episodi venerdì 3 ottobre su Apple TV+. Nuovi episodi verranno rilasciati ogni venerdì fino al 3 dicembre.

Partecipazione: Rimani aggiornato con le ultime notizie di film e TV! Iscriviti alla nostra newsletter via email qui.

Abelie Lombardi

"Pioniere del caffè. Pensatore appassionato. Creatore. Appassionato di Internet a misura di hipster".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post La nuova missione della NASA schiaccerà un veicolo spaziale in un asteroide per reindirizzare il suo corso
Next Post I funzionari finanziari affermano che i rischi di default stanno già danneggiando l’economia