Rari colloqui tra il presidente palestinese e il ministro della difesa israeliano | Notizie del conflitto israelo-palestinese

Il ministro della difesa israeliano ha annunciato una serie di iniziative volte a rafforzare l’Autorità palestinese, compresi i piani per prestare 150 milioni di dollari al governo autonomo a corto di liquidità nella Cisgiordania occupata.

L’annuncio è arrivato lunedì il giorno dopo che il ministro della Difesa Benny Gantz ha incontrato il presidente palestinese Mahmoud Abbas nel primo incontro ad alto livello tra le due parti da anni.

L’aumento dei contatti ei gesti israeliani rappresentano un cambiamento di direzione dopo la completa rottura dei contatti tra Abbas ei leader israeliani negli ultimi anni. Il nuovo governo israeliano si è detto interessato a rafforzare Abbas nella sua rivalità con il movimento al potere di Hamas a Gaza.

“Più forte sarà l’Autorità Palestinese, più debole sarà Hamas”, ha detto Gantz ai giornalisti militari israeliani lunedì. “Più può governare, più sicurezza abbiamo e meno dobbiamo fare”.

L’ufficio di Gantz ha detto che ha detto ad Abbas che Israele avrebbe adottato nuove misure per rilanciare l’economia palestinese. Ha detto che hanno anche discusso di questioni di sicurezza e hanno accettato di tenersi in contatto. Si ritiene che sia il più alto incontro pubblico tra le due parti dal 2014.

Più tardi lunedì, l’ufficio di Gantz ha confermato che Israele aveva accettato di prestare all’Autorità Palestinese 500 milioni di shekel (155 milioni di dollari). I soldi delle tasse che Israele di solito raccoglie per i palestinesi devono essere restituiti.

Il ministro della Difesa Benny Gantz ha incontrato il presidente dell’Autorità Palestinese Mahmoud Abbas [Sunday] Lo ha detto in una nota il ministero della Difesa israeliano.

L’incontro includeva il capo del ramo militare israeliano responsabile degli affari civili nei territori palestinesi, Ghassan Alyan, l’alto funzionario dell’Autorità palestinese, Hussein Al-Sheikh, e il capo dell’intelligence palestinese, Majed Faraj.

Al-Sheikh ha confermato l’incontro su Twitter, mentre l’ufficio di Gantz ha affermato che il ministro della Difesa e Abbas hanno tenuto un “incontro faccia a faccia” dopo i colloqui ampliati.

La mossa israeliana arriva due giorni dopo che il presidente Joe Biden ha esortato il primo ministro israeliano Naftali Bennett durante un incontro alla Casa Bianca a prendere provvedimenti per migliorare la vita dei palestinesi.

READ  Taiwan combatte gli aerei contro il ringiovanimento dell'attività militare cinese

Nel frattempo, le fazioni della resistenza palestinese hanno denunciato l’incontro Gantz-Abbas. Il portavoce di Hamas Hazem Qassem ha affermato che tali incontri “approfondiranno la divisione palestinese e complicheranno la situazione palestinese”.

Ha detto che l’incontro di domenica “è stata una continuazione dell’illusione dell’Autorità Palestinese che si potesse ottenere qualcosa per il nostro popolo attraverso il fallito processo di risoluzione”.

Il portavoce della Jihad islamica Tariq Salmi ha descritto l’incontro Abbas-Gantz come una “pugnalata”.

Ha detto che l’incontro “viene in un momento in cui le forze israeliane continuano i loro attacchi a Gaza e mantengono il loro assedio lungo anni sulla Striscia”.

“sangue [Palestinian] Bambini che sono stati uccisi prima [Israeli] Selmi ha detto che l’esercito di occupazione, per ordine di Gantz, è ancora a terra e non si è ancora prosciugato.

Un funzionario palestinese, parlando a condizione di anonimato, ha detto che Gantz e Abbas hanno discusso di potenziali passi per migliorare le relazioni, comprese le richieste palestinesi di fermare le operazioni militari israeliane nella Cisgiordania occupata, consentire alle famiglie di riunirsi con i parenti all’interno di Israele e consentire di più. Lavoratori palestinesi in Israele.

mantenere lo status quo

Bennett è un nazionalista della linea dura che si oppone alla creazione di uno stato palestinese e un tempo guidava una forte lobby di coloni.

Riferendo da Gerusalemme Ovest, Natasha Ghoneim di Al Jazeera ha affermato che i colloqui hanno rappresentato una svolta nella partecipazione, ma ha osservato che è “altamente dubbio” che si muovano verso il rilancio del processo di pace moribondo.

“Il nuovo primo ministro Naftali Bennett Qumi si è detto contrario alla creazione di uno stato palestinese, quindi non possiamo aspettarci che i negoziati sul processo di pace siano nella sua agenda… Ciò che è degno di nota qui è la conservazione dello status quo”.

READ  Gli Stati Uniti e la Cina si scontrano sul Mar Cinese Meridionale in una riunione ad alto livello del Consiglio di sicurezza dell'ONU presieduta dall'India

Lunedì, Bennett ha cercato di minimizzare qualsiasi idea di una mossa verso la ripresa dei negoziati di pace. E i media israeliani hanno citato una “fonte vicina al primo ministro” dicendo: “Non c’è un processo diplomatico con i palestinesi, e non ci sarà”.

Riferendosi alla spaccatura su uno stato palestinese all’interno della fragile coalizione di Bennett, Mossi Raz, un deputato del partito di sinistra Meretz, ha affermato che escludere le prospettive di riprendere i colloqui di pace è “oltraggioso”.

“Il processo di pace è un interesse israeliano”, ha scritto Raz su Twitter.

Dopo la sua visita negli Stati Uniti, una dichiarazione della Casa Bianca ha affermato che Biden ha ribadito a Bennett il suo sostegno a una soluzione a due stati del conflitto israelo-palestinese e “ha sottolineato l’importanza di misure per migliorare la vita dei palestinesi”.

Le relazioni tra Israele e l’Autorità palestinese, che ha sede nella Cisgiordania occupata, si sono notevolmente deteriorate negli ultimi anni.

I palestinesi hanno deriso l’ex primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu, che ha tenuto il potere dal 2009 al 2021.

Non fece alcuno sforzo sostanziale per raggiungere una pace duratura mentre supervisionava la costante espansione degli insediamenti ebraici illegali in Cisgiordania e Gerusalemme Est occupata. Insediamenti e avamposti sono illegali secondo il diritto internazionale.

Netanyahu ha avuto il sostegno dell’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump, che ha approvato politiche filo-israeliane come lo spostamento dell’ambasciata statunitense in Israele da Tel Aviv a Gerusalemme. Abbas sospese la maggior parte dei contatti con gli Stati Uniti e Israele in quegli anni.

Ha anche firmato diversi accordi di normalizzazione e stabilito relazioni diplomatiche con i paesi arabi, inclusi Emirati Arabi Uniti, Sudan, Marocco e Bahrain, mosse che la leadership palestinese ha denunciato come “una pugnalata infida alla causa palestinese”.

READ  Emirates ed Etihad prorogano la sospensione dei voli dall'India a Dubai

L’ufficio di Bennett ha chiarito ripetutamente che la coalizione ideologicamente disparata, che include politici di sinistra e falchi, non ha intenzione di avviare un nuovo ciclo di colloqui di pace.

Ma alti funzionari israeliani hanno segnalato il loro desiderio di rafforzare l’Autorità Palestinese nel timore di un nuovo conflitto con Hamas, il gruppo che governa la Striscia di Gaza, un’enclave palestinese assediata da Israele e separata dalla Cisgiordania.

Un assalto israeliano di 11 giorni a Gaza a maggio ha ucciso 265 persone a Gaza. In Israele sono morte 13 persone. Gli scontri sono continuati nonostante un cessate il fuoco mediato dall’Egitto.

Anche l’Autorità Palestinese, guidata da Abbas, è stata oggetto di crescenti critiche internazionali per la sua soppressione dei diritti fondamentali in seguito alla morte di un importante attivista in custodia palestinese.

La scorsa settimana, le Nazioni Unite e l’Unione Europea hanno espresso preoccupazione per una serie di arresti che hanno preso di mira importanti critici di Abbas e dell’Autorità Palestinese.

L’Autorità Palestinese è ampiamente vista come corrotta e autoritaria, con un recente sondaggio di giugno che mostra che il sostegno ad Abbas, che ha preso il potere per quello che avrebbe dovuto essere un mandato di quattro anni nel 2005, è diminuito drasticamente.

Molti hanno anche criticato lo stretto coordinamento della sicurezza tra l’Autorità palestinese e Israele, che molti palestinesi considerano un tradimento.

Baldovino Fiorentini

"Scrittore impenitente. Appassionato di bacon. Introverso. Malvagio piantagrane. Amico degli animali ovunque."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Il Bengala scambia DL PJ Hill, l’ex primo rounder Billy Price con i Giants
Next Post In che modo le microproteine ​​aiutano i fiori a svilupparsi correttamente e al momento giusto