Rancio! L’American Kennel Club aggiunge una razza, il Bracco Italiano

NEW YORK (AP) – Amanti dei cani negli Usa, dicono “benvenuto” a Bracco Italiano.

L’organizzazione ha annunciato mercoledì che l’antico segugio italiano è il 200° membro dell’elenco delle razze riconosciute dell’American Kennel Club. Ciò significa che i suggerimenti meschini, forti ma amichevoli ora possono apparire meglio in molte mostre canine americane, incluso il prestigioso evento del Westminster Kennel Club del prossimo anno.

Bracco (pronunciato BRAH’-koh) risale a più di 2000 anni fa in Europa ma non è stato portato negli Stati Uniti fino alla metà degli anni ’90, secondo l’AKC. A volte è chiamato puntatore italiano o cane da ferma italiano.


Il Bracco ideale dovrebbe essere “forte, adattabile a tutti i tipi di caccia, affidabile, docile e intelligente”, pur essendo amichevole e non timido o aggressivo, secondo lo standard AKC per le razze medio-grandi.

“È così facile vivere con loro ed essere intorno a loro, eppure è come un interruttore della luce: quando è il momento di saltare sul retro del camion e andare a pescare, e hanno un lavoro, si accendono come un albero di Natale, ” ha detto la proprietaria ed educatrice Lisa Muller di Portage, Wisconsin.

Lei e suo marito, Dale, facevano affidamento sui Labrador retriever come assistenti di caccia ai fagiani prima che un amico li presentasse a un bracco circa cinque anni fa. La coppia è stata subito sbalordita dallo stile di caccia metodico del cane sul campo e dalla natura affettuosa a casa: “È molto velcro”, ha detto Lisa Muller.

Ha notato che i cani – il plurale corretto è “bracchi italiani” – hanno una corteccia profonda e la diffondono facilmente per avvistare la fauna selvatica del cortile, quindi “potrebbe non essere il cane giusto per tutti”.

READ  Il cricket 4WD Lamborghini Urus di Rohit Sharma avvistato per la prima volta a Mumbai, guarda le foto | Notizie sull'auto

Il segretario esecutivo dell’AKC Gina Denardo ha descritto il Bracco come un compagno meraviglioso per le famiglie attive che possono fornire “l’amore e l’attenzione di cui hai bisogno”.

L’AKC ha aperto il registro canino più antico del paese con solo nove razze nel 1878. Solo nell’ultimo decennio, il club ha aggiunto più di 20 razze, che vanno dal piccolo gioco russo al potente Dogo Argentino. I criteri includono il numero totale di cani registrati, le loro generazioni a livello nazionale, la loro distribuzione geografica e altri fattori.

Ci sono ancora molte razze registrate altrove ma non dall’AKC, o non ufficialmente riconosciute affatto. Alcuni appassionati evitano, o sono combattuti, l’esposizione che il riconoscimento AKC porta a una razza.

Gli attivisti per i diritti degli animali deplorano l’allevamento di cani, dicendo che l’aggiunta di più razze non fa che esacerbare la massiccia domanda di animali domestici di razza e alimenta le fabbriche per i cuccioli che li nutrono.

L’AKC afferma di promuovere un allevamento responsabile che mira a preservare le caratteristiche che preparano i cani a vari compiti e rendono più facile per i proprietari cercare un cucciolo con cui possono vivere e con cui restare.

Ravenna Bianchi

"Esperto di tv estremo. Fanatico della birra. Amichevole fan del bacon. Comunicatore. Aspirante esperto di viaggi."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Post Scheletro di dinosauro di 76 milioni di anni all’asta a New York City
Next Post Come vedere nuove immagini web