Rajnath Singh: Rajnath potrebbe incontrare il suo omologo cinese prima dei colloqui militari | Notizie dall’India

Nuova Delhi: ministro della Difesa Rajnath Singh Martedì sera è arrivato in Tagikistan con un viaggio di tre giorni per partecipare a una riunione segreta di Organizzazione per la cooperazione di Shanghai (SCO), durante il quale potrebbe incontrare anche il suo omologo cinese, il generale Wei Fengyi Dushanbe.
Fonti hanno affermato che sebbene un incontro bilaterale tra i due ministri della difesa “non sia stato ancora programmato”, l’India non è contraria ad avere una discussione se la Cina lo vuole. “Non esclude un incontro bilaterale con la Cina”, ha detto una fonte.
“Singh, così com’è, sottolineerà la necessità di una soluzione pacifica di tutte le questioni attraverso il dialogo nella regione, compreso l’Afghanistan devastato dalla guerra, durante il suo discorso alla riunione dei ministri della difesa dell’Organizzazione per la cooperazione di Shanghai mercoledì”, ha aggiunto. Il 14 luglio il Ministro degli Affari Esteri S. Jaishankar ha avuto un incontro di un’ora con il suo omologo Wang Yi a margine di un altro incontro dell’Organizzazione per la cooperazione di Shanghai a Dushanbe.
Ciò precede il 12° round di colloqui a livello di comando di corpo tra India e Cina, che ora avrà luogo “entro i prossimi giorni” dopo una lunga pausa dall’ultimo round del 9 aprile, in un altro tentativo di allentare le tensioni. Scontro militare nel Ladakh orientale da aprile e maggio dello scorso anno.
Nei prossimi colloqui militari, è probabile che vada avanti per completare il vacillante disimpegno delle forze a Gojra e Hot Springs, che secondo fonti è il “frutto sospeso” dei due paesi.
Ma qualsiasi mossa per risolvere il punto di attrito in Demchok o vietare le pattuglie indiane da parte dell’Esercito di Liberazione del Popolo (Esercito Popolare di Liberazione Cinese) nel distretto di Depsang, situato in una posizione strategica, è improbabile a questo punto, affermano le fonti.
La Cina finora non ha mostrato alcuna intenzione di calmare la situazione generale, poiché l’Esercito di Liberazione Popolare ha rafforzato seriamente le sue posizioni militari lungo il confine e ha modernizzato le sue basi aeree di fronte al Ladakh, come precedentemente riportato da TOI.
L’India ha sottolineato che il disimpegno delle forze dai “punti di attrito rimanenti”, seguito dalla disinduzione e dalla conseguente escalation, è fondamentale per migliorare le relazioni bilaterali. Ma la Cina vuole mantenere la disputa sui confini in un “posto appropriato”, senza compromettere le pubbliche relazioni.
Singh e Jaishankar hanno incontrato separatamente le loro controparti cinesi durante una riunione dell’Organizzazione per la cooperazione di Shanghai a Mosca nel settembre dello scorso anno. I due paesi hanno quindi concordato di astenersi da ulteriori azioni militari che potrebbero aumentare le tensioni, con i due ministri degli esteri che hanno anche concordato un consenso diplomatico in cinque punti per il disimpegno e la riduzione dell’escalation. Gli incontri alla fine hanno portato al disimpegno delle forze su entrambi i lati del Pangong Tso, dopo alcune false partenze, nel febbraio di quest’anno.

READ  Il segretario di Stato americano Anthony Blinken afferma che la Cina si sta comportando in modo più aggressivo all'estero: rapporto
Baldovino Fiorentini

"Scrittore impenitente. Appassionato di bacon. Introverso. Malvagio piantagrane. Amico degli animali ovunque."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post La situazione attuale degli Yankees è molto simile alla squadra del 2016
Next Post Svelate le date dell’anteprima tecnica del multiplayer di Halo Infinite