Questo non era normale per una scottatura solare. che c’è?

Questo non era normale per una scottatura solare.  che c’è?

La donna ha gridato al marito ottantenne: “Vieni sole”. “Stai diventando rosso!” L’uomo si diresse a malincuore verso la casa. Era tardo pomeriggio, la fine di una splendida giornata estiva a Orange, nel Connecticut. Ma quando si guardò le braccia scoperte, vide che aveva ragione. Era rosa brillante, presto seppe che le sue braccia e la parte posteriore del collo erano probabilmente rosse e pruriginose. È ora di entrare.

Sospettava che il fatto di diventare improvvisamente sensibile al sole come sempre dava a sua moglie una sorta di freschezza. Amava il sole e fino a poco tempo fa pensava che lo ricambiasse, il che rendeva la pelle olivastra di un marrone scuro che gli sembrava un segno di salute. Ma quella primavera cominciò ad arrossire ovunque il sole lo colpisse. Non era esattamente una scottatura solare, o almeno non il tipo di scottatura che si faceva sua moglie che le faceva arrossare la pelle, desquamarsi e dolere per giorni.

La sua scottatura era pruriginosa, non era dolorosa e durava un’ora o due, a volte un po’ di più. Certamente non è durato abbastanza a lungo per essere visto da un dermatologo, il dottor Jeffrey M. Cohen. Ha raccontato al suo medico dell’eruzione cutanea quella primavera quando è andato per il suo esame annuale della pelle. Cohen ha detto che potrebbe essere allergico al sole e ha suggerito un antistaminico e una crema solare forte. Ha preso le pillole quando ci ha pensato e ha messo la crema solare per un po’, ma non era sicuro che facesse molto. Inoltre, chi ha mai sentito parlare di allergie solari?

Ha preso un appuntamento con il suo dermatologo poco prima di Natale. Era una di quelle giornate calde e soleggiate di dicembre, prima che arrivi davvero l’inverno, quindi decise di assicurarsi che il suo medico avesse la possibilità di vedere l’eruzione cutanea. Arrivato presto e parcheggiato nel parcheggio. Si tolse la giacca e si fermò alla luce del sole che filtrava debolmente sull’edificio. Dopo circa 10 minuti ha visto che era diventato rosa, quindi si è diretto in ufficio.

READ  Una nuova ricerca fa luce sulle basi neurali della dipendenza da cocaina

“Ho qualcosa da mostrarti”, disse a Cohen con un sorriso mentre il dottore entrava nella sala d’esame ben illuminata. Si sbottonò la camicia per rivelare il petto. Adesso era rosso vivo. Gli unici punti del suo busto che sembravano essere del suo colore naturale erano quelli che erano stati ricoperti da un doppio strato di tessuto: il nastro sotto i bottoni della camicia, le punte del colletto e le doppie pieghe del tessuto sulle spalle. Bali era l’area sotto il taschino sinistro dove si trovava il suo cellulare.

Cohen era stupito. Ovviamente, questa non era una scottatura. Per Cohen, sembrava un classico sintomo di quella che viene chiamata fotodermatite, una reazione infiammatoria cutanea causata dalla luce solare. La maggior parte di queste insolite eruzioni cutanee rientra in una delle due categorie. La prima è una reazione fototossica, spesso osservata con alcuni antibiotici come la tetraciclina. Quando qualcuno prende questi farmaci, il sole può causare un’eruzione cutanea immediata e dolorosa che sembra una scottatura solare e può durare per giorni, come una normale scottatura solare, causando vesciche e persino cicatrici. Questo paziente apparentemente ha avuto una reazione immediata alla luce solare, ma ha insistito sul fatto che l’eruzione cutanea non gli faceva male. Prurisce come un matto. Ed è sparito in poche ore. La sua reazione è stata più simile a una dermatite fotoallergica, in cui la luce solare provoca orticaria, macchie rosse in rilievo che prudono intensamente e durano meno di 24 ore. Ma neanche questo era adatto; Le reazioni fotoallergiche non sono immediate. Di solito impiegano un giorno o due per apparire dopo l’esposizione alla luce.

Ogni reazione è stimolata dai farmaci. Cohen ha esaminato l’elenco completo dei farmaci del paziente. È noto che l’amlodipina, un farmaco antipertensivo, causa questo tipo di fotosensibilità, ma il paziente ha iniziato a prendere questo farmaco di recente, mesi dopo la prima menzione dell’eruzione cutanea. L’idroclorotiazide, un altro farmaco per la pressione sanguigna, a volte può farlo. Il paziente aveva assunto questo farmaco per anni e stava bene, ma almeno in teoria, questo insolito tipo di reazione poteva iniziare in qualsiasi momento.

READ  Gli africani accolgono con favore il nuovo vaccino contro la malaria. Ma è un "punto di svolta"?

Cohen ha spiegato il suo ragionamento al paziente. Sarà necessaria una biopsia per confermare la diagnosi. La patologia lo aiuterà a distinguere l’orticaria dalle reazioni fototossiche più distruttive che distruggono le cellule della pelle. Questo lo aiuterà a escludere altre possibilità come il lupus eritematoso sistemico, una malattia autoimmune che è più comune nelle donne di mezza età ma può verificarsi in uomini e donne di qualsiasi età.

Due giorni dopo, Cohen ha ricevuto la sua risposta. Era l’orticaria, nota dal punto di vista medico come orticaria. Questa era una fotoreazione. Potrebbe essere stato causato dall’idroclorotiazide. Cohen ha detto al suo paziente che avrebbe dovuto chiedere al suo medico di base di interrompere il trattamento e dopo alcune settimane avrebbe dovuto smettere di avere l’eruzione cutanea.

L’uomo è tornato nell’ufficio di Cohen tre mesi dopo. L’eruzione cutanea non è cambiata. Dopo pochi minuti al sole si sentirà pruriginoso e rosa, anche nell’oscurità dell’inverno. Cohen è tornato nella lista dei pazienti medici. Nessuno degli altri è stato collegato a questo tipo di reazione. Disse: “Raccontami ancora di quell’eruzione cutanea”. Il paziente ha rivisto di nuovo la sua storia. Ogni volta che il sole colpisce la sua pelle, anche se il sole entra da una finestra, diventa rosso. Quando guidava, il tocco caldo del sole sul suo braccio era molto pruriginoso. Quando avesse raggiunto la sua destinazione, la sua pelle sarebbe stata di un rosso vivo. Dopo aver ascoltato questa descrizione, Cohen si rese improvvisamente conto che aveva ragione la prima volta. Il paziente ha sviluppato un’allergia alla luce solare, una condizione nota come orticaria solare.

Cohen ha spiegato che questa non era una scottatura solare. Le scottature sono causate dalla luce con lunghezze d’onda più corte note come raggi ultravioletti B o UVB. Questa forma di luce non può penetrare nel vetro. Il fatto che sia stato in grado di ottenere quel rossore attraverso la sua finestra suggerisce che la sua reazione sia stata innescata dalla luce a lunghezza d’onda più lunga, nota come UVA. Questa è la forma di luce che fa abbronzare e invecchiare la pelle, ed è la forma usata nei saloni di abbronzatura.

READ  Un mandato d'arresto per una donna malata di tubercolosi che ha rifiutato le cure

Ha spiegato che l’orticaria solare è una malattia rara e poco conosciuta. Quando i raggi del sole penetrano nella pelle, interagiscono in modi diversi con cellule diverse. Le più comuni sono quelle cellule che, se esposte, producono un pigmento noto come melanina, che abbronza la pelle e fornisce una certa protezione dagli altri effetti del sole. Nelle persone con orticaria solare, il corpo ha una reazione allergica immediata a un componente delle cellule che è stato alterato dalla luce solare. Come e perché si verifica questo cambiamento è ancora sconosciuto. Le allergie possono iniziare nell’adolescenza e possono durare tutta la vita. È difficile da trattare.

Cohen gli ha detto che la protezione solare è un must, anche al chiuso. Dovrà anche assumere una dose più alta dell’antistaminico che gli è stato prescritto, almeno il doppio della dose abituale raccomandata. Si consiglia inoltre ai pazienti di indossare indumenti protettivi. L’orticaria solare può essere pericolosa. L’esposizione prolungata alla luce solare può portare a reazioni gravi e raramente ad anafilassi fatale.

Il paziente ha ricevuto la diagnosi poco più di un anno fa e da allora utilizza una protezione solare con SPF 50. Raddoppia la dose di antistaminici. E la maggior parte delle volte, farmaci più pantaloni lunghi, maniche e cappello lo tengono al sicuro. La maggior parte delle volte. E quando dimentica, sa che può contare su sua moglie per fargli sapere che sta ricominciando a diventare rosso.


Lisa Sanders è una scrittrice collaboratrice della rivista. Il suo libro più recente è Diagnosis: Solving Medical’s Most Perplexing Mysteries. Se hai un caso risolto che desideri condividere, scrivi a [email protected].

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *