Questo è ciò che Ashraf Ghani ha detto sulla sua decisione di fuggire dall’Afghanistan in ‘due minuti’

Afghanistan: l’ex presidente Ashraf Ghani ha descritto la sua fuga dalla marcia della vittoria dei talebani su Kabul.

Londra:

Giovedì l’ex presidente afghano Ashraf Ghani ha descritto la sua fuga dal raduno per la vittoria dei talebani a Kabul, dicendo che la decisione è stata presa in “minuti” e non sapeva che avrebbe lasciato il paese fino a quando non è decollato.

Ghani ha dichiarato al programma Today di BBC Radio 4 che la mattina del 15 agosto 2021, il giorno in cui gli islamisti hanno preso il controllo della capitale e il suo governo è crollato, non aveva idea che questo sarebbe stato il suo ultimo giorno in Afghanistan. .

Ma ha detto che a mezzogiorno di quel giorno la sicurezza al palazzo presidenziale era “crollata”.

“Se prendo posizione, verranno tutti uccisi e non potranno difendermi”, ha detto Ghani nell’intervista rilasciata dall’ex capo di stato maggiore della difesa britannico, il generale Nick Carter.

Ghani ha detto che il suo consigliere per la sicurezza nazionale, Hamdallah Mohib, era “letteralmente terrorizzato”. “Non mi ha dato più di due minuti.”

Ha detto che le sue istruzioni erano originariamente di far volare un elicottero nella città sud-orientale di Khost.

Ma Khost è caduto in un attacco fulmineo degli islamisti, che ha visto la caduta di capoluoghi regionali in tutto il Paese nei giorni precedenti il ​​ritiro delle forze internazionali previsto a fine agosto.

Ha aggiunto che anche la città orientale di Jalalabad, al confine con il Pakistan, è caduta.

“Non sapevo dove stessimo andando”, ha detto Ghani.

“Solo quando siamo decollati è diventato chiaro che ce ne stavamo andando”.

READ  Il Pakistan offre aiuti all'India in mezzo all'epidemia di coronavirus, il ministro degli esteri afferma che "crediamo prima nell'umanità"

Da allora, Ghani è negli Emirati Arabi Uniti.

È stato preso di mira in Afghanistan per la sua partenza, dove gli afgani sono ora intrappolati sotto il duro governo dei talebani che lo accusano di averli abbandonati e di aver preso milioni di dollari in contanti, un’affermazione che ha “categoricamente” negato di nuovo giovedì.

L’ex funzionario della Banca Mondiale ha rilasciato diverse dichiarazioni precedenti alla sua partenza, riconoscendo che doveva una spiegazione al popolo afghano. Giovedì è stata la sua prima intervista.

Ha detto ancora che la sua prima preoccupazione era prevenire brutali combattimenti di strada nella capitale, che già pullula di decine di migliaia di profughi in fuga dalle violenze in altre parti del paese.

Ha detto che la sua decisione di andarsene è stata “la cosa più difficile”.

“Ho dovuto sacrificare me stesso per salvare Kabul ed esporre la situazione per quello che è: un colpo di stato violento, non un accordo politico”.

Ma ha detto che anche se fosse rimasto, non avrebbe potuto cambiare il risultato, che ha visto i talebani creare il loro nuovo regime mentre il paese affronta una delle peggiori crisi umanitarie della storia.

“Purtroppo l’ho dipinto tutto di nero”, ha detto. È diventata una questione americana, non una questione afgana”.

“Hai distrutto il mio lavoro nella mia vita, hai calpestato i miei valori e sei diventato un capro espiatorio”, ha detto.

Ha detto che gli afghani “giustamente” lo hanno accusato. “Capisco perfettamente quella rabbia, perché la condivido”.

(Questa storia non è stata modificata dalla troupe di NDTV ed è generata automaticamente da un feed condiviso.)

READ  La copertina della rivista TIME presenta Mark Zuckerberg tra più profitti dalle tasse di sicurezza, vuoi eliminare Facebook?
Baldovino Fiorentini

"Scrittore impenitente. Appassionato di bacon. Introverso. Malvagio piantagrane. Amico degli animali ovunque."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Dell. Il governatore Carney dichiara lo stato di emergenza lunedì
Next Post Ecco un elenco di risoluzioni comuni per il nuovo anno che facciamo ogni anno