Questo campione di asteroidi potrebbe rivelare la storia delle origini del nostro sistema solare

Questo è stato il primo materiale restituito sulla Terra da un asteroide ricco di carbonio. Questi asteroidi potrebbero rivelare come si è formato l’angolo cosmico dell’universo.

I minerali organici e idratati intrappolati all’interno di questi asteroidi potrebbero anche far luce sull’origine degli elementi costitutivi della vita.

Ryugu è un asteroide scuro a forma di diamante largo circa 3.000 piedi (1 chilometro). Hayabusa2 ha raccolto un campione dalla superficie dell’asteroide il 22 febbraio 2019, dopo di che Ha sparato un “proiettile” di rame sull’asteroide Per creare un cratere da impatto largo 33 piedi.

Un campione da questo buco è stato raccolto l’11 luglio 2019. Hayabusa2 è poi volato dal suolo e ha lasciato cadere il campione in Australia lo scorso dicembre.

L’asteroide di tipo C, o carbonioso, è molto più scuro di quanto gli scienziati pensassero originariamente, riflettendo solo il 2% circa della luce che lo colpisce, secondo uno studio È stato pubblicato lunedì sulla rivista Nature Astronomy.

Dopo aver aperto il campione, gli scienziati sono rimasti sorpresi nello scoprire che il veicolo spaziale ha raccolto 5,4 grammi dell’asteroide, molto più di un grammo che si aspettavano, ha affermato Toru Yada, autore principale dello studio e co-investigatore presso l’Istituto per l’esplorazione dell’aerospazio del Giappone. Esplorazione dello spazio. Scienze spaziali e astronautica.

Nel secondo studio, pubblicato anche su Nature Astronomy, i ricercatori hanno determinato che Ryugu è fatto di argilla e altri minerali umidi, con un numero di carbonati e materia organica all’interno del campione.

Questi risultati sono i primi ad essere pubblicati sul campione Ryugu.

Ryugu sembra simile alla rara condrite di carbonio, un meteorite primitivo ricco di materia organica. Ci sono circa 65.000 meteoriti conosciuti sulla Terra, secondo il Museo di Storia Naturale di Londra. Sono caduti solo 1.206e Di questi, solo 51 sono condriti carboniose.

READ  L'energia sprigionata dalle profonde eruzioni vulcaniche nei nostri oceani potrebbe alimentare tutti gli Stati Uniti

Ma Ryugu è più scuro, più poroso e fragile del previsto rispetto alle condriti carboniose. Anche la densità dei campioni è molto inferiore a quella di qualsiasi altro meteorite studiato. La bassa densità di Ryugu è coerente con l’idea che un asteroide sia un piccolo mucchio di macerie tenuti insieme dalla gravità.

La missione Hayabusa2 conferma il ritorno sulla Terra di un campione di asteroide, gas incluso

Questi campioni hanno aiutato i ricercatori a confermare le scoperte fatte mentre Hayabusa2 era vicino a Ryugu.

“Alcune di queste proprietà dei materiali sono vicine a quelle delle condriti carboniose trovate nelle nostre collezioni, mentre alcune sono chiaramente distinte, il che è molto eccitante”, ha affermato Cédric Pilorget, autore principale del secondo studio e assistente professore all’Università di Parigi. L’Istituto di Astrofisica Saclay, Spatiale, Francia.

“Pertanto, questi campioni costituiscono una collezione di valore unico, che può contribuire a un riesame dei modelli per l’origine e l’evoluzione del nostro sistema solare”.

Campioni di asteroidi come Ryugu offrono ai ricercatori una rara opportunità di studiare direttamente i resti dell’origine del Sistema Solare e dei suoi pianeti. Questo perché non sono stati inquinati cadendo nell’atmosfera terrestre e atterrando sulla sua superficie, come i meteoriti.

I ricercatori hanno affermato che questa visione originale dell’origine e dell’evoluzione della materia organica rappresenta il materiale più primitivo disponibile fino ad oggi nei laboratori della Terra.

“Come membro del team della missione, mi sono sentito molto felice di gestire e analizzare i primi campioni di asteroidi di tipo C con le mie mani”, ha detto Yada.

“Questa è stata (ed è tuttora!) Una grande esperienza”, ha detto Bellorgate via e-mail. “Il lavoro di squadra e la cooperazione internazionale sono davvero perfetti e sono davvero felice e orgoglioso di far parte di una missione così grande”.

Quello che gli scienziati hanno scoperto dopo aver lanciato un piccolo proiettile su un asteroide vicino alla Terra

Yada ha affermato che alcuni campioni sono stati condivisi con altri team di ricerca e che presto saranno attesi altri risultati su Ryugu.

READ  La NASA difende debolmente l'astronauta dopo le accuse dei media russi di sabotare la Stazione Spaziale Internazionale

Campioni di Bennu, un asteroide che potrebbe assomigliare a Ryugu, sono attualmente in viaggio verso la Terra dopo essere stati raccolti dalla missione OSIRIS-REx della NASA nell’ottobre 2020. I campioni torneranno sulla Terra nel settembre 2023.

“Ci piace confrontare i campioni Ryugu con i campioni Bennu per vedere cosa è simile e cosa è diverso tra loro”, ha detto Yada.

Patrick Michel, direttore della ricerca presso il Centro nazionale francese per la ricerca scientifica a Parigi, è un investigatore di entrambe le spedizioni. Sebbene non sia stato coinvolto in questa ricerca, considera questi primi risultati storici “perché forniscono i primi risultati dell’analisi iniziale dei campioni di un asteroide carbonioso”.

Due diversi asteroidi visitati da un'astronave potrebbero far parte di un asteroide più grande

Campioni di asteroidi come questo forniscono uno sguardo diverso alle rocce spaziali.

“Il nostro gruppo è orientato verso il componente più forte degli asteroidi che può sopravvivere al rientro nell’atmosfera”, ha detto Michel. “Dobbiamo raggiungere gli asteroidi e restituire i campioni per arrivare al componente più debole, e forse il più primitivo, di questi oggetti”.

Ricerche precedenti suggerivano che entrambi Ryugu e Bennu sono frammenti di un globo molto più grande che è stato colpito da qualcosa.

“La possibilità che entrambi i corpi possano avere un’origine comune o che il loro corpo materno provenga dalla stessa regione esiste ancora”, ha detto Michel. “Possiamo verificare se hanno una storia comune o determinare cosa differisce e perché”.

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post La base statunitense in Spagna cerca di garantire l’accesso ai permessi europei COVID-19 per i membri del servizio
Next Post Ecco il nostro primo sguardo allo spettacolo Shocking Season 12 di RHONJ