Queste sono le 10 moto italiane più famose di tutti i tempi

Le motociclette italiane sono famose nel mondo per misure impressionanti di prestazioni, perfezione estetica e design innovativi ed eleganti. Gli italiani si sono sempre distinti con un tocco esotico di raffinatezza e raffinatezza che fluisce dal ricco patrimonio tramandato religiosamente attraverso le generazioni. Per questo motivo è quasi impossibile replicare o sostituire la cultura italiana e la sua influenza sull’industria motociclistica.

CORRELATI: Queste fantastiche motociclette hanno dominato le piste da corsa e le classifiche di vendita

Marchi marchigiani come Ducati, MV Agusta, Benelli, Piaggio, Aprilia, Moto Guzzi e Vespa hanno alzato in alto la bandiera italiana, presentando alcuni dei modelli di moto più sorprendenti che il mondo abbia mai visto. Sebbene innumerevoli bici classiche italiane siano scivolate attraverso le tacche del successo, finora alcuni ottimi modelli hanno goduto dei riflettori. Ecco alcune delle moto italiane più famose di tutti i tempi.

10 Laverda 750 SFC

Laverda 750 SFC
Tramite classicdriver.com

Nonostante il loro aspetto impressionante, le moto italiane sono sempre rimaste indietro rispetto alle moto americane in termini di capacità. Il mercato statunitense era dominato negli anni ’60 da moto di grande capacità in grado di coprire le distanze con facilità, e Laverda aveva questo in mente quando costruì la Laverda 750 SFC.

Laverda 750 SFC
Tramite youtube.com

Laverda ha messo a frutto la sua esperienza nella produzione di macchine agricole per costruire una bici indistruttibile, veloce e instancabile. La Laverda 750 SFC è equipaggiata con un motore 4 tempi SOHC a 4 tempi a quattro tempi, con più trofei e titoli in gara al suo primo anno. La moto è stata classificata come la concorrente per eccellenza nell’endurance negli anni ’70, anche se Laverda finì per produrre solo 550 unità.

9 Ducati 916 SPS

Ducati 916 SPS
Tramite raresportbikesforsale.com

Quando la Ducati ha rilasciato la 916 SPS, l’azienda è stata in grado di omogeneizzare un nuovo motore in preparazione per la sua competizione Superbike. Le fratture da stress e i problemi di crepe hanno ostacolato i modelli base 916 in condizioni di gara; Pertanto, i modelli 916 SPS sono arrivati ​​sotto alte aspettative.

Ducati 916 SPS
Tramite youtube.com

Usando la loro esperienza di corsa Desmoquattros, Ducati ha aggiornato il basamento, l’albero a camme, le teste del motore e le canne per la 916 SPS. I bracci e i binari leggeri di questo modello hanno permesso curve più veloci rendendolo la migliore Ducati sul mercato. Sebbene la 916 SPS fosse un incubo da guidare nel traffico lento, la sua fenomenale erogazione di potenza e la sua coppia veloce erano innegabilmente superiori.

8 MV Agusta F4CC

MV Agusta F4CC
Tramite raresportbikesforsale.com

Dopo le scarse vendite di biciclette alla fine degli anni ’90, la serie Agusta F4 è stata l’unica responsabile del rilancio del marchio MV Agusta. La MV Agusta F4CC è presente nella serie di biciclette F4 Da quando è nata da un’idea di Claudio Castiglioni. La moto ricevette le iniziali del CC dell’amministratore delegato e fece uso delle ultime tecnologie e dei materiali esclusivi disponibili all’epoca.

CORRELATI: Queste sono le 10 motociclette MV Agusta più impressionanti di sempre

MV Agusta F4CC
Tramite raresportbikesforsale.com

Equipaggiato con un motore da 1.078 cc, l’Agusta F4CC ha gestito un impressionante 200 CV a 12.200 giri / min. La bici è caratterizzata da un ampio uso di fibra di carbonio, ammortizzatori posteriori Sachs, freni Brembo, ruote Brembo Y-Speak, forcellone e pannelli del telaio in magnesio. Dal momento che MV Agusta ha pianificato solo 100 unità della F4CC, le moto hanno ordinato un prezzo enorme di $ 120.000 che includeva una speciale giacca di pelle Trussardi e un orologio numerato Girard-Perregaux.

7 Cagiva V589

Cagiva V589
Tramite classicdriver.com

Le bici da corsa italiane non mancano mai di fare bella figura, come testimonia la splendida Cagiva V589. Cagiva ha progettato il V589 per le gare motociclistiche del Gran Premio degli anni ’80 e presenta un innovativo telaio monoblocco Massimo Tamburini e braccio a banana.

Cagiva V589
Tramite dhrofgo.com

La Cagiva V589 monta ruote in carbonio, pneumatici Michelin, freni Brembo, Ohlins e sospensioni in plexiglas sull’avantreno. La moto era basata su un motore V4 a quattro tempi raffreddato a liquido con una cilindrata di 498 cc e un albero motore a doppia rotazione. Il motore era in grado di erogare 150 cavalli, potenza sufficiente per spingere la Cagiva V589 a una velocità massima di 190 mph.

6 L’originale Ducati Scrambler

L'originale Ducati Scrambler
Tramite rideapart.com

Sebbene gli appassionati di motociclette di oggi abbiano familiarità con lo Scrambler Ducati, l’originale Scrambler ispirato a Berlino si guadagna una nicchia rispetto alla sua controparte V-Twin del 2015. Lo Scrambler Ducati originale era destinato principalmente al mercato statunitense negli anni ’60, nonostante le sue caratteristiche pratiche Ha anche aumentato la sua popolarità in Europa.

L'originale Ducati Scrambler
Tramite mecum.com

Questo modello Scrambler ha un design classico con posizione di seduta, baricentro basso e attraenti colori luminosi. Per tutta la produzione, tutte le moto originali della serie Scrambler Ducati sono apparse con un motore stretto da 250 cc. La Ducati ha introdotto un motore variabile da 450 cc nel 1969 e lo ha venduto per conto dell’acquirente nel mercato statunitense.

5 Moto Guzzi V7

Moto Guzzi V7
Tramite motorbiscuit.com

All’inizio degli anni ’60, la produzione di massa di automobili ottenne più successo che mai a scapito del mercato motociclistico. La Moto Josie ha risposto al rallentamento entrando in nuovi mercati, decisione che ha portato al motore bicilindrico V7 di Giulio Carcano.

CORRELATI: Aprilia vs Ducati che è la migliore casa motociclistica italiana

Moto Guzzi V7
Tramite revivalcycles.com

Sebbene Moto Guzzi inizialmente utilizzasse il motore V7 del V7 700 orientato alla politica, il motore è apparso anche nelle varianti V7 Special, V7 Ambassador, V7 California e le famose varianti V7 Sport. La Sport Edition ha costituito un segno distintivo della serie V7 con risultati impressionanti nelle gare di resistenza della 24 ore di Le Mans e di Liegi. Probabilmente il V7 di Moto Guzzi si colloca tra le moto sportive italiane più popolari degli anni ’70.

4 Moto Guzzi V8.0

Moto Guzzi V8.0
Tramite pinterest.com

Già a metà degli anni Cinquanta Moto Guzzi aveva già stupito il mondo motociclistico con la sua abilità ingegneristica. Tuttavia, L’azienda ha raggiunto un traguardo storico di ingegneria con la Moto Guzzi V8Progettato da Julio Cesar Carcano. La Moto Guzzi V8 è chiamata la motocicletta Otto e ha servito la squadra di corse Moto Guzzi Grand Prix tra il 1955 e il 1957.

Moto Guzzi V8.0
Tramite pinterest.com

Moto Guzzi ha spinto i limiti dell’ingegneria con il V8 DOHC 500 cc a quattro tempi raffreddato ad acqua con 8 carburatori Dell’Orto, capace di 78 CV a 12.000 giri / min. La moto ha raggiunto una velocità massima senza precedenti di 172 mph, un record che è durato quasi 20 anni. Sebbene alla fine i problemi tecnici abbiano costretto la Moto Guzzi a ritirare la moto dalle corse competitive, rimane un modello italiano iconico senza precedenti fino ad oggi.

3 Bimota DB7

Bimota DB7
Tramite robbreport.com

Bimota ha costruito la DB7 con l’obiettivo di produrre una motocicletta forte, leggera e superiore che mantenga la posizione e lo stile Bimota. Con un corpo rotolante elegantemente realizzato, la DB7 presenta la potenza di un bicilindrico a V Ducati Testastretta da 1098 cc che eroga 160 cavalli e 90 piedi di coppia.

Bimota DB7
Tramite pinterest.com

Il motore è completato da un sistema di scarico progettato da Bimota dotato di un silenziatore in titanio per rispettare gli standard sulle emissioni Euro3. L’iconica DB7 vanta un lussuoso telaio in fibra di carbonio decorato nei colori Bimota bianco, nero e rosso. Il telaio leggero in fibra di carbonio della bici ne esalta l’aerodinamica, rendendola elegante con una maneggevolezza eccezionale.

2 Aprilia RSV4 FW

Aprilia RSV4 FW
Via piaggiogroup.com

RSV4 FW faceva parte dei “Factory Works” di Aprilia, un programma di marketing che forniva ai clienti Aprilia la massima attenzione con servizi premium che solo pochi potevano permettersi. L’Aprilia RSV4 FW monta un motore V4 derivato dalla sua moto vincitrice del Campionato del Mondo 2015, la RS-GP 15.

Aprilia RSV4 FW
Via piaggiogroup.com

L’Aprilia RSV4 FW è dotata di forcella anteriore regolabile Ohlins Racing, batteria al litio, accensione completamente programmabile, scarico Akrapovic in titanio e freni Brembo. La bici rimane uno dei pochi modelli popolari poiché i proprietari hanno discusso direttamente con gli ingegneri di fabbrica sulla configurazione e la configurazione della bici.

1 Ducati Desmosedici RR

Ducati Desmosedici RR
Via wikipedia.org

Per quanto riguarda i popolari modelli Ducati, la Desmosedici RR mette in ombra molti modelli. Ducati ha progettato la Desmosedici RR a produzione limitata come alternativa legale su strada alla moto da corsa Desmosedici MotoGP. È difficile convertire una macchina solo per cingoli in una macchina adatta alla circolazione su strada; Pertanto, la Ducati ha fatto esplodere molti appassionati e fan con una simmetria speciale.

Ducati Desmosedici RR.
Tramite bike-urious.com

La Ducati Desmosedici RR monta un motore Desmodromico V4 da 989 cc che produce 197,3 cavalli e una coppia massima di 85 libbre. La bici presenta un corpo ibrido tubolare in acciaio con un corpo e un telaio ausiliario in fibra di carbonio, ruote in magnesio forgiato e sospensioni Ohlins. Anche se lodato La prima bici replica da corsa seria, Desmosedici è anche l’ideatore del suo kit da corsa standard.

Successivo: Cavalcheremmo queste pazze moto italiane su una Harley ogni giorno

Herby


successivo
8 cose che tutti hanno dimenticato di Herby


Circa l’autore

READ  L'Argentina concede il pareggio all'ultimo minuto con la Colombia nelle qualificazioni ai Mondiali
Ravenna Bianchi

"Esperto di tv estremo. Fanatico della birra. Amichevole fan del bacon. Comunicatore. Aspirante esperto di viaggi."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Terza dose di vaccino COVID-19 potenziato “potenzialmente” richiesta: CEO di Pfizer
Next Post Il Maine Center for Disease Control ha segnalato 579 casi aggiuntivi di COVID-19, una nuova morte