Questa dieta può ridurre il rischio di declino cognitivo, anche se hai già sintomi

Una ciotola di cavolo riccio con parmigiano

Ci sono una serie di considerazioni aggiuntive sulla salute che derivano dall’età. Uno dei più importanti è il declino cognitivo. Mentre tutti dimentichiamo le cose una volta ogni tanto, il declino cognitivo include più di semplici lapsus temporanei di memoria. Sintomi subdoli del declino cognitivo Può includere preoccupazione costante, mancanza di capacità di trovare le parole e un sentimento di indifferenza per le cose che ti piacevano.

Il declino cognitivo è più comune di quanto ci si potrebbe aspettare e lo influenza Un adulto su nove Per fortuna negli Stati Uniti ce ne sono tanti Abitudini che possono ridurre il rischio, anche facendo attenzione a cosa c’è nel piatto. Uno studio recente ha rivelato che la dieta può aiutare a ridurre – e persino a prevenire – i sintomi del declino cognitivo.

un Un recente studio del Rush University Medical Center Scopri le cause dei sintomi del declino cognitivo, del morbo di Alzheimer e della demenza e come una dieta può aiutare. Il focus dei loro studi era su Mente Dieta, una miscela di Mediterraneo e La dieta DASH approccio, che mira a promuovere la salute del cervello. Questo modello alimentare dà la priorità a cereali integrali, verdure a foglia verde, verdure, bacche, noci e persino un bicchiere di vino durante la notte. La dieta MIND incoraggia fagioli, pesce e pollame ad essere le proteine ​​primarie, mentre la carne rossa, il burro e gli alimenti trasformati sono più limitati.

Lo studio ha seguito 569 partecipanti di età pari o superiore a 65 anni dal 1997 fino alla morte. Ogni partecipante ha completato valutazioni annuali e test cognitivi. Nello sviluppo della malattia di Alzheimer, le proteine ​​possono essere depositate in tutto il cervello, il che può interferire con la risoluzione dei problemi e la cognizione. Questi depositi proteici portano a manifestazioni cliniche di demenza e declino cognitivo associati alla malattia di Alzheimer.

READ  Il medico legale afferma che `` non ci sono prove dirette '' che il vaccino COVID-19 abbia provocato la morte dello studente UCSD

Una volta che i ricercatori hanno stabilito la salute cognitiva e i depositi di proteine, hanno esaminato i modelli alimentari dei partecipanti. A partire dal 2004, hanno aggiunto un questionario annuale sulla frequenza alimentare per valutare l’aderenza al modello alimentare della dieta MIND. Hanno scoperto che, indipendentemente dalla diagnosi di Alzheimer, il gruppo con la più stretta aderenza alla dieta MIND aveva il minor numero di sintomi di declino cognitivo. Questo è noto come “flessibilità cognitiva”.

Che cosa significa questo? E perché questo è importante? In sostanza, i ricercatori hanno scoperto che seguire la dieta MIND non solo può ridurre la probabilità di sviluppare il morbo di Alzheimer e la demenza, ma può anche ridurre i sintomi che le persone sperimentano, anche dopo una diagnosi. Sono necessarie ulteriori ricerche per chiarire il ruolo della dieta e dei depositi proteici che le malattie cognitive possono lasciare nel cervello, ma questo studio è incoraggiante per coloro che presentano sintomi di declino cognitivo. Per metterlo in pratica, prova Un pasto giornaliero per promuovere una sana memoria.

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Il rapporto ha rilevato che il PIL dell’America Latina è legato alla Francia, che è più grande dell’Italia
Next Post Google onora il nativo di Denver Rodolfo “Karki” Gonzalez, fondatore del Movimento per la Giustizia