Quello che verrà dopo in Europa potrebbe sorprenderci

Nelle parole della scrittrice Anis Nin, “Tutta l’arte dell’analisi consiste nel dire la verità solo quando l’altra persona è pronta per essa”. L’analisi del rischio politico, che è essenzialmente un’arte piuttosto che una scienza, non meno importante per essa, richiede di pensare in anticipo in modo da essere sempre pronti a qualunque cosa accada o, dice Nin, di essere sempre preparati alla verità. Non essere mai sorpresi quando si verificano eventi apparentemente improbabili è un prerequisito tecnico per fare bene il rischio politico.

Attualmente nel cuore dell’Europa si stanno sviluppando due correnti politiche alquanto inconsapevoli, ma del tutto possibili. Mentre sono state valutate le possibilità di ascesa al potere dell’italiana Giorgia Meloni e della francese Valerie Pecres, è anche possibile che si verifichi almeno uno di questi eventi “sorprendenti”. Per vedere cosa accadrà dopo in Europa, è essenziale prendere sul serio la possibilità del loro successo e farlo ora.

Al di fuori dell’Italia, quasi nessuno ha pensato al fatto che esiste una possibilità molto reale che Meloni, il leader della Fratellanza di estrema destra italiana, possa presto diventare primo ministro. Dimostrò di essere un’abile attivista politica e, con un certo successo, lavorò per disintossicare un partito che aveva ancora molti legami con l’incubo fascista di Benito Mussolini.

La Meloni, inoltre, ha saggiamente scelto di rimanere fuori dal governo di unità nazionale ispirato a Mario Draghi19, criticando giustamente il governo multiforme di Draghi in merito alla politica pandemica, oltre ad apparire come un eloquente (anche se alquanto improbabile) difensore della sovranità parlamentare e necessità che il governo La tecnocrazia pesante presenti il ​​suo programma in modo più aperto e democratico agli italiani. Persone. Tutto questo le ha fatto un mondo di bene, con il suo partito che è salito al secondo posto negli ultimi sondaggi italiani in vista delle prossime elezioni previste per il 2023.

READ  L'Italia riapre i battenti nella speranza di un vero rilancio economico

I sondaggi di Politico del 10 gennaio mettono il Partito Democratico di centrosinistra al 22 per cento, con Meloni dietro i Fratelli d’Italia al 20 per cento, la Lega di estrema destra al 19 per cento e il populista Movimento Cinque Stelle al 15 per cento. Questi numeri mostrano che la destra sarà fortemente favorita per vincere le elezioni parlamentari del 2023.

Ancora meglio per la Meloni, ha stretto un accordo con Matteo Salvini della Lega – da tempo il ragazzo d’oro dell’estrema destra – secondo cui qualunque partito si esibirà meglio alle prossime elezioni avrà il candidato primo ministro favorito da entrambi i partiti, rendendoli i probabili candidati a prendi il potere. . Mentre la politica italiana è nella migliore delle ipotesi bizantina, e mentre ci sono molti colpi di scena che si verificheranno nei prossimi diciotto mesi, al momento si può affermare con forza che l’estrema destra Meloni (con tutte le ramificazioni politiche che ciò implica) è come chiunque altro sarà primo ministro, non appena l’anno prossimo.

Allo stesso modo, in Francia, una donna in gran parte sconosciuta ha ottenuto tranquillamente successi politici. Pecres, il leader del Consiglio regionale di Parigi ed ex ministro di gabinetto nel governo Sarkozy, si è presentato a sorpresa come candidato di Gaulle alla presidenza francese, con i due turni di votazione che si terranno tra la tarda primavera e l’inizio dell’estate di quest’anno.

Gli ultimi sondaggi di Politico mostrano il presidente Emmanuel Macron con il 25% dei voti, l’estrema destra Marine Le Pen con il 17% del numero probabile, Pecres con il 16% ed Eric Zemmour – l’estrema destra. La star di un talk show – del 13%. Data la complessità del sistema di voto francese, ciò significa che Macron arriverà facilmente al secondo turno cruciale, ma gli altri tre hanno ancora una reale possibilità di passare al secondo slot.

READ  Jackson Hole, PMI dell'Eurozona, decisione sui tassi di interesse della Corea

In contrasto con le campagne guidate dal personaggio di Macron, Le Pen e Zemour – che hanno solo fazioni e nessun partito dietro di loro – Becresse è l’erede del partito gollista, il partito al governo della Quinta Repubblica francese. Il partito ha filiali in tutto il paese, connessioni comunitarie ben consolidate e denaro e influenza organizzativa, che gli conferiscono un livello di sostegno ineguagliato dagli altri tre candidati. Inoltre, Pecres, a differenza dei suoi rivali di estrema destra, non può essere considerata una minaccia per l’integrità della repubblica: lei, come Macron, è un politico moderato di centrodestra e non rappresenta una chiara minaccia per lo stato francese.

Pertanto, se c’è un ballottaggio tra Macron e Pepres, l’incumbent non potrà contare su una sinistra scontenta per votarlo senza entusiasmo ma con decisione, come hanno fatto nella resa dei conti del 2017 tra Macron e Le Pen. In alternativa, molti dei critici del presidente – data la sua natura intellettuale fanatica non è mai stato amato dai suoi connazionali, se ammirati come capaci – ora hanno una reale possibilità di votare contro di lui. Con Pecresse a un solo punto da Le Pen con la campagna elettorale in pieno svolgimento, ha una reale possibilità di reclamare l’Eliseo.

Sia per Meloni che per Beckers la vittoria è tutt’altro che garantita. Tuttavia, come chiarisce l’ordine analitico di Nin, i risultati apparentemente sorprendenti del rischio politico non dovrebbero sorprenderci se si verificano rapidamente.

  • John C. Hulsman è Presidente e Managing Partner di John C. Hulsman Enterprises, un’importante società di consulenza sui rischi politici a livello mondiale. È anche editorialista senior per City AM, il quotidiano della City di Londra. Può essere contattato su johnhulsman.substack.com.

Disclaimer: le opinioni espresse dagli autori in questa sezione sono proprie e non riflettono necessariamente le opinioni di Arab News

READ  Il Direttore Generale di Webuild Massimo Ferrari: Pnrr è un'opportunità unica per liberare il potenziale dell'Italia

Copyright: Notizie arabe © 2022 Tutti i diritti riservati. Fornito da SyndiGate Media Inc. (Syndigate.info).

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Juventus vs Udinese Serie A 2021-22 online gratis e tempo della partita in India: come guardare la partita della Serie A in diretta in TV e aggiornamenti sui risultati del calcio IST?
Next Post No. 10 Yukon ha sconfitto Xavier per la vittoria della 165a Conferenza