Quanto sono frequenti le epidemie come le epidemie di COVID-19?

  • Un nuovo studio mostra che le epidemie gravi non sono così rare come pensiamo.
  • Lo studio ha esaminato le epidemie negli ultimi 400 anni per stimare la probabilità che si ripresentino ogni anno.
  • Ha scoperto che la probabilità di una pandemia con un impatto simile a COVID-19 è di circa il 2% in un anno.
  • Ciò significa che una persona nata nel 2000 ha il 38% di possibilità di provarne uno adesso.
  • Su questa base, una pandemia di portata simile a quella del COVID-19 è probabile entro 59 anni.

Un nuovo studio mostra che la pandemia di COVID-19 potrebbe essere l’epidemia virale più grave che il mondo abbia visto in più di un secolo, ma statisticamente parlando, eventi così estremi non sono così rari come pensiamo.

Lo studio in Atti dell’Accademia Nazionale delle Scienze Utilizzare un record appena compilato di nuove epidemie negli ultimi 400 anni per stimare la gravità di tali eventi e la probabilità della loro ricorrenza annuale.

E ho trovato la possibilità che una pandemia abbia un effetto simile a COVID-19 Circa il 2% in un dato anno, il che significa che una persona nata nel 2000 avrebbe il 38% di possibilità di provarne uno adesso.

Questa possibilità è solo in aumento, il che secondo gli autori evidenzia la necessità di adeguare le percezioni sul rischio di pandemia e le previsioni di preparazione.

La classe killer dei patogeni

Lo studio, condotto da Marco Marani dell’Università di Padova in Italia, ha utilizzato nuovi metodi statistici per misurare l’entità e la frequenza dei focolai di malattie per le quali non c’è stato un intervento medico immediato negli ultimi quattro secoli.

Analisi che hanno coperto una serie mortale di agenti patogeni tra cui appestarevaiolo, colera, tifo e nuovi virus influenzali, variano notevolmente nell’incidenza delle epidemie in passato. Ma hanno anche identificato modelli che hanno permesso loro di descrivere le probabilità che eventi simili si ripetano.

Quando oggi si verifica un’alluvione di 100 anni, si potrebbe erroneamente supporre che si possano aspettare altri 100 anni prima di sperimentare un altro evento del genere. Questa impressione è sbagliata.

Nel caso della pandemia più mortale della storia moderna, l’influenza spagnola, che ha ucciso più di 30 milioni di persone tra il 1918 e il 1920, la probabilità di una pandemia della stessa entità variava dallo 0,3% all’1,9% all’anno durante il periodo di tempo studiato. . In altre parole, questi numeri indicano che una pandemia di queste dimensioni estreme è statisticamente probabile entro i prossimi 400 anni.

Statisticamente, nei prossimi 400 anni è probabile una pandemia della stessa portata dell’influenza spagnola.

Foto: Visual Capitalist

Ma i dati mostrano anche che il rischio di un’epidemia più intensa sta aumentando rapidamente. In base alla velocità crescente con cui nuovi agenti patogeni come SARS-CoV-2 Il numero di esseri umani si è disintegrato negli ultimi 50 anni e lo studio stima che la probabilità di nuove epidemie triplicherà nei prossimi decenni.

Le epidemie hanno bisogno di una risposta tempestiva

Utilizzando questo aumento del fattore di rischio, i ricercatori stimano che una pandemia di portata simile a quella del COVID-19 si verificherà probabilmente entro 59 anni e il risultato che scrivono è “molto inferiore a quanto previsto intuitivamente”. Sebbene non incluso nel PNAS In un documento di ricerca, i ricercatori hanno anche calcolato la probabilità di una pandemia in grado di spazzare via tutta la vita umana e hanno scoperto che è statisticamente probabile entro i prossimi 12.000 anni.

Ciò non significa che possiamo contare su un rinvio di 59 anni di una pandemia di tipo COVID, né che siamo lontani da una catastrofe sulla scala dell’influenza spagnola per altri 300 anni. Tali eventi sono ugualmente probabili in qualsiasi anno durante il periodo, afferma Gabriel Catul, professore di idrologia e micro-meteorologia alla Duke e uno degli autori dell’articolo.

“Quando si verifica un’alluvione di 100 anni oggi, si potrebbe erroneamente presumere che si possano aspettare altri 100 anni prima di sperimentare un altro evento del genere”, afferma Catol. “Questa impressione è sbagliata. Si potrebbe sperimentare un’altra inondazione di 100 anni l’anno prossimo”.

Come scienziato della salute ambientale, Ban può speculare sul motivo per cui le epidemie sono più frequenti, osservando che la crescita della popolazione, i cambiamenti nelle diete, il degrado ambientale e l’aumento del frequente contatto tra esseri umani e animali che ospitano malattie possono essere tutti fattori importanti. Sottolinea che l’analisi statistica ha cercato solo di caratterizzare i rischi, non di spiegare cosa li spinge.

Questa settimana si è svolta la prima sperimentazione umana di un vaccino contro il COVID-19.

CEPI, che è stato lanciato al World Economic Forum, ha fornito supporto finanziario per lo studio di Fase 1. Questa settimana, l’organizzazione ha annunciato il suo settimo progetto di vaccino COVID-19 nella lotta contro la pandemia.

Il Coalizione per le innovazioni sulla preparazione alle epidemie Il CEPI è stato lanciato nel 2017 in occasione della riunione annuale del Forum, che riunisce esperti di governo, economia, sanità, mondo accademico e società civile per accelerare lo sviluppo di vaccini contro le malattie infettive emergenti e consentire l’accesso a questi vaccini durante le epidemie.

Alleanze come CEPI sono rese possibili attraverso partenariati pubblico-privato. Il World Economic Forum è l’autorevole piattaforma globale per il coinvolgimento delle parti interessate, che riunisce un gruppo eterogeneo di parti interessate del mondo degli affari, del governo e della società civile per migliorare lo stato del mondo.

Le organizzazioni possono collaborare con il Forum per contribuire a soluzioni sanitarie globali. Contattaci per scoprire come.

Allo stesso tempo, tuttavia, spera che lo studio porti a un’esplorazione più approfondita dei fattori che possono aumentare la probabilità di epidemie devastanti e di come contrastarli.

“Questo indica l’importanza di una risposta tempestiva a focolaio della malattia e costruire la capacità di monitorare le pandemie a livello locale e globale, oltre a stabilire un’agenda di ricerca per capire perché si verificano grandi epidemie.

Marani, l’autore principale dell’articolo, ricopre una posizione aggiuntiva alla Duke University, dove in precedenza era professore di ingegneria civile e ambientale. Un altro coautore, Anthony Parolari, della Marquette University, è un ex ricercatore post-dottorato alla Duke University.


Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Post Paul Bettany e Sacha Baron Cohen sono tra i grandi vincitori
Next Post Guarda la scheda della partita