Quanto erano ricchi i McCallister di Mamma, ho perso laereo? I conti in tasca secondo gli economisti USA

“Mamma, ho perso l’aereo”: la famiglia McCallister torna a Natale

Il film “Mamma, ho perso l’aereo” continua a essere uno dei film natalizi più amati in Italia. Gli italiani aspettano con ansia le avventure di Kevin McCallister durante il periodo festivo. Secondo il New York Times, la famiglia McCallister fa parte dell’1% più ricco d’America.

La casa in cui vive la famiglia è una lussuosa villa a tre piani a Chicago. Nel 1990, solo l’1% più ricco avrebbe potuto permettersi una casa del genere. La vera casa dove è stato girato il film è stata venduta nel 2012 per 1,58 milioni di dollari.

Nel film non viene specificato quale lavoro svolgano i genitori di Kevin. Tuttavia, ci sono suggerimenti che la madre potrebbe essere una stilista e il padre un uomo d’affari. Alcuni fan ipotizzano addirittura che il padre possa essere coinvolto nella criminalità organizzata.

La famiglia McCallister vola a Parigi per Natale, un viaggio costoso. Ma non è un problema per loro, poiché il fratello del marito di Kate paga i voli. Inoltre, possiede un appartamento con vista sulla Torre Eiffel, che può ospitare fino a 15 persone.

Questo viaggio promette di essere indimenticabile per i McCallister e per il pubblico, che non vede l’ora di seguire le loro avventure durante le festività natalizie. Il film è un vero e proprio classico, che continua ad affascinare grandi e piccini ogni anno. Nonostante siano passati molti anni dalla sua uscita, la magia e la comicità di “Mamma, ho perso l’aereo” rimangono intatte.

Restate sintonizzati su “Buzznews” per tutte le ultime notizie su questo film e altre storie interessanti che appassionano il grande pubblico. Buone feste a tutti i lettori di “Buzznews”!

READ  Amici 23, Anna Pettinelli critica Stella: Non sei Barbara Streisand, calma il tuo ego [VIDEO] - Buzznews

Ravenna Bianchi

"Esperto di tv estremo. Fanatico della birra. Amichevole fan del bacon. Comunicatore. Aspirante esperto di viaggi."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *