Qualità dell’aria: nuovi standard Oms, ormai quasi tutta l’India è inquinata

L’Organizzazione mondiale della sanità mercoledì ha emesso rigide linee guida sulla qualità dell’aria, abbassando i livelli raccomandati di inquinanti che possono essere considerati sicuri per la salute umana.

Mentre una concentrazione di PM2,5 di 25 microgrammi per metro cubo in un periodo di 24 ore era precedentemente considerata sicura, l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha ora affermato che una concentrazione superiore a 15 microgrammi non è sicura.

I livelli raccomandati per sei comuni inquinanti atmosferici – PM2,5, PM10, ozono, biossido di azoto, anidride solforosa e monossido di carbonio – sono stati rivisti rispetto agli standard attuali in vigore dal 2005.

PM2,5 e PM10 si riferiscono a particelle con dimensioni rispettivamente di 2,5 micron o inferiori e 10 micron o inferiori (un micron è un milionesimo di metro) e sono gli inquinanti più comuni, nonché cause di malattie respiratorie.

Le nuove linee guida tengono conto di diversi studi scientifici degli ultimi anni che hanno indicato che l’inquinamento atmosferico è più dannoso per la salute umana di quanto si sapesse in precedenza. Secondo le stesse stime dell’Organizzazione mondiale della sanità, quasi 7 milioni di morti ogni anno possono essere attribuiti a malattie che sono una causa diretta dell’inquinamento atmosferico.

Le nuove linee guida sulla qualità dell’aria significano che quasi l’intera India sarà considerata un’area inquinata per la maggior parte dell’anno. Ma l’India non è sola. Per stessa ammissione dell’OMS, più del 90% della popolazione mondiale vive in aree che non hanno soddisfatto gli standard di inquinamento del 2005. Con gli standard ora resi più rigorosi, questa percentuale aumenterà.

Ma l’Asia meridionale, e in particolare l’India, rimane una delle regioni più inquinate del mondo, con livelli di inquinanti diverse volte superiori ai livelli raccomandati. A Delhi, ad esempio, uno studio di Greenpeace ha rilevato che la concentrazione media di PM2,5 nel 2020 è circa 17 volte superiore ai livelli raccomandati. A Mumbai, i livelli di inquinamento erano otto volte più alti. A Calcutta è nove volte più alto; E a Chennai è cinque volte superiore.

READ  La copertina della rivista TIME presenta Mark Zuckerberg tra più profitti dalle tasse di sicurezza, vuoi eliminare Facebook?

Secondo il dottor Sandeep Salvi di Pune, un esperto di malattie respiratorie che fa parte dello studio Global Burden of Disease, oltre il 95% della popolazione indiana vive in aree in cui i livelli di inquinamento erano superiori agli standard dell’Organizzazione mondiale della sanità del 2005.

Gli standard di qualità dell’aria nazionali dell’India sono più permissivi, anche rispetto agli standard dell’Organizzazione Mondiale della Sanità del 2005. Ad esempio, la concentrazione raccomandata di PM2,5 nelle 24 ore è di 60 mcg per metro cubo, rispetto ai 25 mcg raccomandati dalle linee guida dell’OMS. Organizzazione della Sanità 2005. Ma anche questi standard minimi sono difficilmente rispettati. Negli ultimi anni, il governo ha lavorato a un piano per ridurre l’inquinamento atmosferico in alcune città del 20-30 percento entro il 2024 sulla base del 2017.

Gli standard dell’OMS non sono vincolanti per nessun paese. Questi sono solo standard raccomandati che sono considerati sicuri per la salute umana, come valutato da studi scientifici. Ma la scarsa qualità dell’aria incide sull’immagine internazionale di un Paese come meta favorevole per turisti e investimenti.

Scienziati ed esperti sanitari hanno affermato che le nuove regole dell’OMS dovrebbero spingere l’India a lavorare di più per rendere la sua aria più pulita e sicura. “Ci sono due cose da notare. In primo luogo, ora ci sono prove scientifiche sufficienti per dimostrare che il particolato nell’atmosfera ha effetti negativi sulla salute umana anche a livelli inferiori agli standard dell’Organizzazione mondiale della sanità del 2005. In secondo luogo, gli standard dell’India, che sono di gran lunga superiori alle linee guida dell’Organizzazione mondiale della sanità del 2005 probabilmente devono essere riviste anche se vogliamo proteggere le vite umane”, ha affermato Salvi.

READ  Le navi da guerra britanniche salpano verso il Mar Nero a maggio mentre le tensioni si intensificano tra Ucraina e Russia: rapporto

L’Organizzazione mondiale della sanità ha affermato che l’80% dei decessi ora attribuibili all’esposizione al PM2,5 potrebbe essere evitato se i paesi fossero in grado di soddisfare i nuovi standard di qualità dell’aria. Anche soddisfare i criteri del 2005, ha detto, eviterebbe il 48 per cento di queste morti.

S.N. Tripathi, professore all’IIT-Kanpur e membro del comitato direttivo del Programma nazionale per l’energia pulita dell’India, ha sostenuto studi sanitari più completi per affrontare i suggerimenti secondo cui la popolazione indiana è più resistente all’inquinamento atmosferico.

“Non ci sono due modi per aggirare la necessità di rivedere gli standard di qualità dell’aria dell’India per renderli più rigorosi. Parallelamente, dobbiamo rafforzare i nostri dati sanitari e rivedere di conseguenza gli standard nazionali di qualità dell’aria ambiente. I dati grezzi sulla salute sono necessari per condurre una vasta gamma di studi sulla salute riguardanti l’impatto dell’inquinamento atmosferico sui diversi dati demografici dell’India e l’esposizione e la diversa composizione di PM2,5.Ha affermato che una singola risposta di prevenzione dell’esposizione non sarebbe adatta alla popolazione indiana.

Baldovino Fiorentini

"Scrittore impenitente. Appassionato di bacon. Introverso. Malvagio piantagrane. Amico degli animali ovunque."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Mercato dei prodotti a effetto serra 2021 Dati sui migliori paesi, industria
Next Post PS5 e Xbox Series X sono disponibili in negozi selezionati per il Best Buy di domani, ed ecco i negozi partecipanti