Puzzle pandemico: gli scienziati si concentrano sulle origini degli animali COVID

A quasi due anni dallo scoppio della pandemia di COVID-19, l’origine del virus che tormenta il mondo rimane avvolta nel mistero.

La maggior parte degli scienziati crede che sia apparso in natura e sia passato dai pipistrelli agli umani, direttamente o attraverso un altro animale. Altri credono che sia fuggito da un laboratorio cinese.

Ora, con il bilancio delle vittime globale di COVID-19 che ha superato i 5,2 milioni nel secondo anniversario dei primi casi umani, un gruppo crescente di scienziati sta cercando di concentrarsi su quella che considerano una teoria “animale” o umana più plausibile. , sperando che quanto appreso aiuti l’umanità a respingere virus e nuove varianti.

“Lo scenario della perdita di laboratorio sta ricevendo molta attenzione, sai, in posti come Twitter”, ha detto Stephen Goldstein, uno scienziato dell’Università dello Utah, che insieme ad altri 20 ha scritto un articolo, ma “non ci sono prove che questo il virus era in laboratorio”. Nella rivista August Cell, delinea le prove di origine animale.

Michael Worby, un biologo evoluzionista dell’Università dell’Arizona che ha contribuito a questo articolo, ha firmato una lettera con altri scienziati la scorsa primavera dicendo che entrambe le teorie sono applicabili. Da allora, ha detto, la sua ricerca e quella di altri lo hanno reso più fiducioso di quanto non fosse sull’ipotesi animale, che è “un metodo più supportato dai dati”.

Il mese scorso, Worobey ha pubblicato una cronologia del COVID-19 che collega il primo caso umano noto al mercato all’ingrosso di frutti di mare di Huanan a Wuhan, in Cina, dove sono stati venduti animali vivi.

“L’idea di entrare in laboratorio è quasi certamente un’enorme distrazione che distoglie l’attenzione da ciò che è realmente accaduto”, ha affermato.

Altri non sono sicuri. Durante l’estate, una revisione ordinata dal presidente Joe Biden ha mostrato che quattro agenzie di intelligence statunitensi credevano con scarsa fiducia che il virus fosse inizialmente passato dall’animale all’uomo e un’agenzia credeva con media fiducia che la prima infezione fosse correlata al laboratorio. .

READ  Il rover persistente graffia la roccia di Marte "per guardare qualcosa che nessuno ha mai visto prima"

Alcuni sostenitori dell’ipotesi della fuga di laboratorio hanno teorizzato che i ricercatori fossero stati accidentalmente esposti a causa di pratiche di sicurezza inadeguate mentre lavoravano con campioni selvatici, o forse dopo che il virus si era formato in laboratorio. I funzionari dell’intelligence statunitense hanno respinto i sospetti che la Cina abbia sviluppato il virus come arma biologica.

La continua ricerca di risposte ha alimentato le tensioni tra Stati Uniti e Cina, che gli Stati Uniti hanno accusato di farne un capro espiatorio del disastro. Alcuni esperti temono che le origini dell’epidemia potrebbero non essere mai conosciute.

Dai pipistrelli alle persone

Gli scienziati hanno affermato nell’articolo cellulare che SARS-CoV-2, che causa il COVID-19, è il nono coronavirus documentato a infettare l’uomo. Tutte le specie precedenti hanno avuto origine negli animali.

Ciò include il virus che ha causato l’epidemia di SARS nel 2003, che è stato anche collegato ai mercati che vendono animali vivi in ​​Cina.

Molti ricercatori ritengono che gli animali selvatici fossero un ospite intermedio per SARS-CoV-2, il che significa che sono stati infettati dal coronavirus del pipistrello che si è poi evoluto. Gli scienziati hanno cercato l’esatto coronavirus dei pipistrelli in questione e a settembre hanno identificato tre virus dei pipistrelli in Laos che sono più simili al SARS-CoV-2 di qualsiasi virus conosciuto.

Worobey sospetta che i cani procioni fossero l’ospite intermedio. Ha detto che i mammiferi simili a volpi sono vulnerabili ai coronavirus e sono venduti direttamente nel mercato di Huanan.

Goldstein ha detto che la “prova d’oro dell’origine animale” sarebbe un animale infetto da lì. “Ma per quanto ne sappiamo, il mercato è stato liquidato”.

All’inizio di quest’anno, un rapporto congiunto dell’Organizzazione mondiale della sanità e della Cina ha descritto la trasmissione del virus dai pipistrelli all’uomo attraverso un altro animale come lo scenario più probabile e una fuga di laboratorio “altamente improbabile”.

READ  Meteor si schianta sul tetto della casa di una donna in Canada e va a letto | Canada

Ma questo rapporto ha anche sollevato sospetti collegando il primo caso noto di COVID-19 a un contabile che non aveva alcun legame con il mercato di Huanan e che per la prima volta ha mostrato sintomi l’8 dicembre 2019. I sostenitori della teoria delle fughe di laboratorio si riferiscono a questo caso affermando che il virus è fuggito dall’Istituto di Wuhan, ha detto Worobey, per virus vicino a dove vive l’uomo.

Secondo la ricerca di Worobey, l’uomo ha dichiarato in un’intervista che la sua malattia dell’8 dicembre era in realtà un problema dentale e che i sintomi del COVID-19 sono iniziati il ​​16 dicembre, data confermata nei registri ospedalieri.

L’analisi di Worobey identifica un caso precedente: un venditore in un mercato di Huanan ha contratto il COVID-19 l’11 dicembre.

minacce animali

Gli esperti temono che lo stesso tipo di trasmissione di virus da animale a uomo possa innescare nuove epidemie e peggiorare questo virus.

Dall’inizio del COVID-19, molti animali sono stati infettati, inclusi gatti, cani e roditori. animali da zoo come grandi felini, lontre e primati non umani; visone d’allevamento; Il cervo dalla coda bianca.

La maggior parte di loro ha preso il virus dall’uomo, secondo i Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie, che affermano che gli esseri umani possono trasmetterlo agli animali durante il contatto ravvicinato, ma il rischio di trasmettere animali agli esseri umani è basso.

Tuttavia, un’altra preoccupazione è che gli animali potrebbero scatenare nuove varianti virali. Alcuni si chiedono se la variante omicron sia iniziata in questo modo.

“In tutto il mondo, potremmo avere animali che potenzialmente incubano queste varianti anche se (COVID-19) è controllato negli esseri umani”, ha affermato David O’Connor, esperto di virologia presso l’Università del Wisconsin-Madison. “Probabilmente non faremo presto un importante programma di vaccinazione per le giraffe”.

Woroby ha detto che stava cercando impronte genetiche che potrebbero indicare se l’omicron è stato creato quando il virus è passato dall’uomo all’animale, è mutato e poi è tornato agli umani.

READ  Scopri i segreti sorprendenti dietro la prima grande estinzione di massa della Terra

Gli esperti affermano che la prevenzione delle zoonosi non richiederà solo la repressione delle vendite illegali di fauna selvatica, ma anche progressi sui principali problemi globali che stanno aumentando il rischioso contatto uomo-animale, come la distruzione dell’habitat e il cambiamento climatico.

La mancata indagine completa sull’origine del virus nell’animale “lascerebbe il mondo vulnerabile a future pandemie derivanti dalle stesse attività umane che ci hanno ripetutamente messo in rotta di collisione con nuovi virus”, hanno affermato gli scienziati sul giornale.

Politiche “tossiche”

Ma ulteriori indagini sono ostacolate dalla politica dei grandi poteri. Lawrence Justin della Georgetown University ha detto che c’è una “battaglia aperta” tra Cina e Stati Uniti.

“La politica relativa alle indagini sui beni ha letteralmente avvelenato il pozzo della cooperazione globale”, ha affermato Justin, direttore del Centro di collaborazione dell’OMS per il diritto nazionale e globale sulla salute. “La politica era letteralmente tossica”.

Un’indagine dell’Associated Press dell’anno scorso ha scoperto che il governo cinese aveva strettamente controllato tutte le ricerche sulle origini di COVID-19 e stava promuovendo teorie marginali secondo cui il virus potrebbe provenire da fuori il paese.

“Questo è un paese molto chiuso per natura che non consentirà mai agli stranieri l’accesso illimitato al suo territorio”, ha detto Justin.

Tuttavia, Justin ha affermato che c’è stato uno sviluppo positivo emerso dall’indagine.

L’Organizzazione mondiale della sanità ha istituito un gruppo consultivo per indagare sulle origini della pandemia. Justin ha detto che mentre dubita che la commissione risolverà il mistero, “avranno un gruppo di scienziati altamente qualificati pronti a schierarsi in un istante nella prossima pandemia”.

___

Il Dipartimento della salute e della scienza dell’Associated Press riceve il sostegno della Divisione di educazione scientifica dell’Howard Hughes Medical Institute. AP è l’unico responsabile di tutti i contenuti.

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Il documentario sul calcio ‘Black and White Stripes: The Juventus Story’, in anteprima al Paramount +
Next Post Dr. Dre celebra il divorzio ufficiale con enormi palloncini