Putin afferma che “nessuna prospettiva” per il piano di pace per porre fine al conflitto in Ucraina

Il Cremlino ha inviato un’enorme forza ai confini dell’Ucraina

Il presidente russo Vladimir Putin ha dichiarato lunedì di non ritenere più che il piano generale del 2015 concordato con Francia, Germania e Kiev sarebbe in grado di risolvere il conflitto separatista in Ucraina.

“Comprendiamo che non ci sono prospettive” per l’attuazione degli accordi di pace di Minsk del 2015 concordati nella capitale bielorussa per porre fine ai combattimenti tra l’esercito ucraino e i ribelli filo-mosca nell’est del Paese, ha detto Putin al Consiglio di sicurezza.

Putin ha avvertito che le potenze occidentali stanno usando la disputa di Mosca con l’Ucraina per minacciare la sicurezza della Russia e ha detto che stava considerando di riconoscere l’indipendenza di due regioni separate sostenute dalla Russia.

Il sostegno pubblico alle regioni separatiste di Donetsk e Luhansk nell’Ucraina orientale porrebbe effettivamente fine a un piano di pace già traballante e aumenterebbe notevolmente la probabilità di un’invasione russa a tutto campo.

Mosca sembra aver già iniziato a spianare la strada a un’operazione del genere affermando – con rabbiosa smentita di Kiev – che le sue forze hanno intercettato e ucciso cinque sabotatori ucraini che si erano infiltrati sul suolo russo e accusato l’Ucraina di aver bombardato un posto di frontiera.

Il Cremlino ha inviato un’enorme forza al confine ucraino – e l’intelligence statunitense afferma che ha più di 150.000 soldati ed è pronto ad attaccare.

Il consigliere per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti Jake Sullivan ha detto a NBC News che un’invasione russa del suo vicino sarebbe un’operazione “estremamente violenta” seguita da una brutale occupazione.

READ  L'indice KSE-100 diminuisce poiché l'incertezza politica oscura gli "sviluppi positivi" - Affari

“Sarà una guerra che la Russia condurrà contro il popolo ucraino per opprimere, schiacciare e danneggiare il popolo ucraino”, ha affermato il funzionario della Casa Bianca.

Le potenze occidentali hanno minacciato severe sanzioni in caso di invasione della Russia.

La Russia ha annesso la regione della Crimea all’Ucraina nel 2014 e i separatisti sostenuti da Mosca mantengono un’enclave nelle regioni orientali che disperdono la loro attenzione a Lugansk e Donetsk.

(Ad eccezione del titolo, questa storia non è stata modificata dalla troupe di NDTV ed è pubblicata da un feed sindacato.)

Baldovino Fiorentini

"Scrittore impenitente. Appassionato di bacon. Introverso. Malvagio piantagrane. Amico degli animali ovunque."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post La storia di Sarah Carter, calpestata da Fox News, è una bugia
Next Post Le migliori vendite e offerte di Dell XPS il giorno dei presidenti 2022