Progetto italiano di accoglienza dei rifugiati per espandersi a livello nazionale

Troppo presto per riconoscere i talebani, dice il Pakistan prima della sessione dell’OIC sull’Afghanistan

ISLAMABAD: Il ministro degli Esteri pakistano Shah Mahmood Qureshi ha affermato che la fase di riconoscimento del governo talebano afgano “deve ancora arrivare” in vista di una sessione speciale dell’Organizzazione per la cooperazione islamica ospitata da Islamabad mentre l’Afghanistan affronta un imminente collasso economico e catastrofe umanitaria. .

La dichiarazione del governo pakistano, che domenica ospiterà la 17a sessione straordinaria del Consiglio dei ministri degli Esteri dell’Organizzazione per la cooperazione islamica, sarà un duro colpo per i talebani afgani, che da mesi sostengono che il mancato riconoscimento del loro governo prolungare la crisi finanziaria e umanitaria, che potrebbe eventualmente trasformare in un problema globale la gamma.
La nuova amministrazione talebana a Kabul è stata sanzionata dalla comunità internazionale da quando gli insorti hanno preso il potere a metà agosto, il che ha segnato la fine improvvisa degli aiuti finanziari degli Stati Uniti e di altri donatori da cui l’Afghanistan è arrivato a dipendere durante 20 anni di guerra. Più di 9 miliardi di dollari delle attività in valuta forte del paese sono stati congelati dopo l’acquisizione da parte dei talebani.
Ma il mondo sta aspettando prima di offrire un riconoscimento ufficiale ai nuovi governanti di Kabul, avvertendo che i talebani potrebbero imporre un regime altrettanto spietato come quando erano al potere 20 anni fa, nonostante le loro assicurazioni contrarie.

“Questa fase non è ancora arrivata. Non credo che ci sia un appetito internazionale per il riconoscimento in questa fase”, ha detto Qureshi ad Arab News in un’intervista esclusiva venerdì. “La comunità internazionale ha molte aspettative”.
Questi includono un governo inclusivo in Afghanistan e le affermazioni dei diritti umani, in particolare per le minoranze, donne e ragazze, che hanno rigorosamente ridotto il ruolo dei talebani quando hanno governato il paese dal 1996 fino a quando non sono stati cacciati dall’invasione guidata dagli Stati Uniti nel 2001.
Qureshi ha detto di aver detto ai leader talebani che la comunità internazionale si aspettava che realizzassero quattro questioni: “Vogliono che tu abbia un panorama politico inclusivo. Vogliono che tu rispetti i diritti umani, in particolare i diritti delle donne. Vogliono che tu non lasci spazio ai terroristi internazionali. organizzazioni come al-Qaeda e ISIS. E vogliono un passaggio sicuro.” Per quelli che vogliono andarsene.
Parlando del vertice dell’Organizzazione della Conferenza islamica tenutosi domenica, Qureshi si è detto “felice di facilitare” un incontro tra il ministro degli Esteri afghano in carica, Amir Khan Muttaki, e il rappresentante speciale degli Stati Uniti per l’Afghanistan Tom West, entrambi partecipanti al incontro.
Oltre ai ministri degli esteri dei paesi musulmani, alle delegazioni dell’Unione europea e al gruppo P5+1 al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, compresi gli Stati Uniti,
Sono stati invitati anche Gran Bretagna, Francia, Russia, Cina e Germania.
Qureshi ha affermato: “Credo che questo (il vertice) possa fornire un’opportunità alla comunità internazionale, attraverso la Conferenza dei ministri degli esteri dell’Organizzazione della Conferenza islamica, di ascoltare ciò che hanno da dire loro (talebani afgani)”. Quello che mi aspetto è attirare l’attenzione della comunità internazionale attraverso la piattaforma dell’OIC sull’intera situazione in Afghanistan. C’è una crisi internazionale in arrivo”.
La crisi finanziaria in Afghanistan, con il crollo della valuta e l’impennata dei prezzi, ha costretto gli afgani a vendere i propri beni di consumo per raccogliere fondi per il cibo e altri beni di prima necessità.
Le Nazioni Unite avvertono che quasi 23 milioni di persone – circa il 55 per cento della popolazione – affrontano livelli estremi di fame, con 9 milioni a rischio di morire di fame quando l’inverno sta arrivando nel povero paese senza sbocco sul mare.
Qureshi ha affermato che la stabilità economica e la pace in Afghanistan non sono solo una questione locale o regionale, ma una questione che porrebbe sfide ai paesi occidentali se non affrontata. In cima alla lista delle preoccupazioni c’è l’esodo dei migranti economici.
Se le cose peggiorano, vedo un nuovo afflusso di rifugiati. La maggior parte di questi rifugiati saranno migranti economici, ha affermato il ministro degli Esteri. Questi migranti economici non vogliono restare in Pakistan, Iran, Tagikistan o Turkmenistan. Viaggeranno fino in Europa.” Ha aggiunto: “L’Europa dovrebbe prestare attenzione a questo, e la cosa migliore da fare è garantire che ci sia pace e stabilità in Afghanistan”.

READ  Gli investitori britannici esortano il G7 a costringere le aziende a rivelare la loro esposizione ai cambiamenti climatici | Governo d'impresa
Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Oroscopo del giorno 19 dicembre 2021
Next Post Come la Premier League decide se posticipare le partite del Manchester United