Procuratore: Derek Chauvin avrebbe dovuto sapere che la vita di George Floyd era in pericolo

Minneapolis: ufficiale Derek Chauvin Avrebbe dovuto sapere che stava stressando la vita George Floyd Mentre l’uomo nero ha ripetutamente gridato che non riusciva a respirare e poi ha taciuto, il pubblico ministero lo ha detto alla giuria lunedì mentre le discussioni conclusive sono iniziate nel processo Chauvin.
Floyd Tentando di convincere la giuria etnicamente diversa, il procuratore Steve Schleicher ha detto che le azioni di Chauvin erano “solo un uomo, sdraiato sul marciapiede, pressato, che gridava forte. Un uomo adulto che gridava per sua madre. Un essere umano”. Floyd era inchiodato al marciapiede e il suo ginocchio era smarrito, irragionevole e criminale.
Le deliberazioni finali sono iniziate con Medina Minneapolis Sono pronto di fronte alla ripetizione della violenza scoppiata la scorsa primavera a causa del doloroso video dei passanti Chauvin Premendo sopra o vicino al collo di Floyd per un massimo di 9 minuti e 29 secondi, gli astanti hanno gridato all’agente di scendere.
La difesa dell’ufficiale bianco ora licenziato afferma che Floyd si è messo in pericolo usando fentanil e metanfetamina, quindi ha resistito agli ufficiali che hanno tentato di arrestarlo – fattori che combinati con la sua malattia cardiaca hanno portato alla sua morte.
Ma Schleicher ha descritto come Chauvin abbia ignorato le grida di Floyd che non poteva respirare, e ha continuato a inginocchiarsi su Floyd dopo che aveva smesso di respirare e non aveva polso – anche dopo l’arrivo dell’ambulanza – dicendo che “doveva sapere cosa c’è sotto di lui”.
“Le ultime parole di George Floyd il 25 maggio 2020 sono state ‘Per favore, non riesco a respirare’. Ha detto queste parole all’ufficiale e ha detto quelle parole all’accusato”. Schleicher ha detto, riferendosi a Chauvin. il suo ultimo respiro. ”
“L’imputato lo ha sentito dire questo più e più volte. Lo ha sentito, ma non ha ascoltato. Ha continuato a spingerlo verso il basso, macinarlo, scuoterlo, avvolgendo la mano per 9 minuti e 29 secondi.” Schleicher, che ha usato la parola “aggressione “Ripetutamente, ha detto:” George Floyd ha implorato finché non ha smesso di parlare, e l’accusato ha continuato con questo assalto. ”
I pubblici ministeri devono dimostrare l’aggressione di base alla più grave accusa di omicidio di secondo grado.
“Era sulla sua testa per 9 minuti e 29 secondi e doveva sapere”, ha detto Chauvin. “Doveva sapere.”
Ha anche ricordato alla giuria che la polizia di Minneapolis aveva giurato di proteggerla coraggiosamente e ha detto che potrebbe essere difficile “immaginare un agente di polizia che fa qualcosa del genere”, ma ha ricordato alla giuria che durante la selezione della giuria è stato chiesto di mettere da parte eventuali preconcetti sugli agenti di polizia.
“George Floyd non era una minaccia per nessuno. Non stava cercando di fare del male a nessuno. Non stava cercando di fare nulla a nessuno. Affrontare George Floyd in quel giorno non richiedeva un solo briciolo di coraggio. Quel giorno non apparve nulla. Coraggio. non era richiesto. “Tutto ciò che era necessario era un po ‘di simpatia e nulla si è mostrato quel giorno.”
Il giudice Peter Cahill ha aperto la sessione del tribunale di un giorno ordinando alla giuria di esaminare diversi tipi di prove e dicendo loro che avrebbero esaminato separatamente ogni accusa contro Chauvin.
La giuria anonima delibererà in un’aula di tribunale del centro circondata da barriere di cemento e filo spinato, in una città preoccupata e fortemente fortificata dal personale della Guardia Nazionale e pochi giorni dopo una nuova esplosione di rabbia per l’uccisione di un uomo di colore di 20 anni. dalla polizia nelle vicinanze. sobborgo.
Lunedì alcuni manifestanti si sono radunati fuori dall’aula mentre leggeri fiocchi di neve soffiavano nel vento. Un manifestante ha scritto su un cartello di uno dei manifestanti: “Nessun respiro. Nessun polso. 3 minuti e mezzo. Chauvin non si è fermato / si è alzato”.
Chauvin, 45 anni, è accusato di omicidio di secondo grado, omicidio di terzo grado e omicidio colposo di secondo grado. Tutti e tre i conteggi richiedono alla giuria di concludere che le azioni di Chauvin sono state un “fattore causale materiale” nella morte di Floyd – e che il suo uso della forza era irragionevole.
L’omicidio di secondo grado richiede ai pubblici ministeri di dimostrare che Chauvin intendeva danneggiare Floyd, ma non che intendeva ucciderlo. L’omicidio di terzo grado richiede la prova che le azioni di Chauvin erano “estremamente gravi” e sono state eseguite con indifferenza per la perdita di vite umane. L’omicidio di secondo grado richiede a una giuria di credere che abbia causato la morte di Floyd per negligenza e di cogliere l’opportunità di causare lesioni gravi o morte.
Ogni conteggio comporta una pena massima diversa: 40 anni per omicidio colposo di secondo grado, 25 anni per omicidio di terzo grado e 10 anni per omicidio colposo di secondo grado. Le linee guida sulla condanna richiedono molto meno tempo, inclusi 12 anni e mezzo di accuse di omicidio.
READ  L'ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump critica il leader della Corea del Sud, ma afferma di amare Kim Jong Un in Corea del Nord
Baldovino Fiorentini

"Scrittore impenitente. Appassionato di bacon. Introverso. Malvagio piantagrane. Amico degli animali ovunque."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Matthew McConaughey guida l’attuale abate greco nel referendum sul governatore del Texas
Next Post CoD Stagione 3 rivelata: mappe, contenuti zombi e livelli di prestigio in arrivo su Black Ops Cold War e Warzone