Prigioniero palestinese Awta 70° giorno di sciopero della fame | Notizie del conflitto israelo-palestinese

Ramallah, Cisgiordania occupata – La salute del prigioniero palestinese Khalil Awwada si sta rapidamente deteriorando dopo la fine di uno sciopero della fame di 70 giorni all’inizio di questa settimana.

Avda, 40 anni, si oppone alla detenzione continua nelle carceri israeliane senza processo o accusa.

Il padre di quattro figli è stato arrestato dalle forze israeliane nel dicembre 2021 dalla sua casa nel villaggio di Idna, a sud della città di Hebron, nella Cisgiordania occupata.

530 Come altri palestinesi Attualmente detenuto In base a tali ordini, Avvada è stata trattenuta in custodia amministrativa. Questa politica consente alle autorità israeliane di imprigionare i palestinesi a tempo indeterminato sulla base di “informazioni riservate” inaccessibili a un prigioniero o al loro avvocato.

“Khalil ha condotto questo sciopero della fame contro una questione palestinese comune – in custodia amministrativa – che è la spada al collo di tutto il popolo palestinese”, ha detto a sua moglie, Talal al-Jazeera.

“Cosa stanno aspettando i gruppi per i diritti e le altre organizzazioni? Dovrebbe arrivare a 100 o 140 giorni come gli altri prigionieri? Invito tutte queste istituzioni a intervenire per salvare la vita di Galilea prima che, Dio non voglia, qualcosa gli accada.

Le autorità israeliane hanno trasferito Avda in un ospedale civile israeliano mercoledì scorso, ed è tornato all’ospedale della prigione di Ramley (Ramla) dove è attualmente detenuto.

L’avvocato di Awwadda, Ahlam Hadat, che lo ha incontrato domenica, ha dichiarato in una dichiarazione che soffriva di “stanchezza e grave depressione” e “forte dolore in tutte le parti del suo corpo”. Ora è costretto su una sedia a rotelle e non è in grado di stare in piedi o di vedere chiaramente, ha osservato.

READ  Playoff NBA: il dominio di Kavya fa sembrare i clipper dei finalisti

Avoda ha detto al suo avvocato che i funzionari della prigione avevano organizzato il suo trasferimento in un ospedale israeliano con un contratto per l’assunzione di droghe extra, cosa che ha rifiutato, vivendo solo sull’acqua.

La moglie di Avvada ha detto che aveva perso 17 kg dall’inizio dello sciopero della fame il 3 marzo. Sta arrivando al punto di un grave pericolo.

Digiuno individuale

Awawda e Raid Rayyan, un prigioniero palestinese di 27 anni, sono stati gli ultimi due prigionieri in custodia amministrativa dall’anno scorso in uno sciopero della fame personale per chiederne il rilascio.

Ryan, del villaggio di Beit Duku alla periferia di Gerusalemme, è senza cibo né bevande da 35 giorni.

Nell’ottobre 2021, sei prigionieri palestinesi erano in sciopero della fame, alcuni della durata di più di 140 giorni e rischiando la vita prima che le autorità israeliane accettassero di concedere loro le date di rilascio. Le loro cause hanno fatto notizia a livello internazionale Ne chiede il rilascio.

I gruppi per i diritti umani hanno condannato a lungo la politica di detenzione amministrativa di Israele contro migliaia di palestinesi che vivono sotto il governo militare nei territori occupati, che è illegale, arbitraria e sistematica.

UN Rapporto Il mese scorso, Amnesty International, un gruppo per i diritti internazionali, ha affermato che “l’arresto arbitrario diffuso e sistematico, la restrizione amministrativa e la tortura contro i palestinesi da parte dei funzionari israeliani facevano parte della politica statale di dominio e controllo sul popolo palestinese.

“Queste azioni equivalgono a crimini come il razzismo, la prigionia e la tortura contro l’umanità”, ha affermato Amnesty.

Tra il 2017 e il 2021, le autorità israeliane hanno emesso 5.728 ordini restrittivi amministrativi contro i palestinesi nei territori occupati, secondo Adamir, un gruppo locale per i diritti dei prigionieri.

READ  "Out Eater" di Ashok festeggia il 5 ° compleanno con la festa italiana "New Era"

Il numero di ordini restrittivi è in aumento dopo gli arresti di massa in seguito allo scoppio delle diffuse proteste palestinesi lo scorso anno. Nel 2021, c’è stato un aumento di 1.695 ordini, rispetto agli oltre 1.100 ordini del 2020, ha affermato Adamir.

Israele dice che gli ordini sono necessari quando c’è “una base ragionevole per credere che la regione abbia bisogno di sicurezza o pubblica sicurezza”.

Ignora la Corte Congiunta

In una repressione del 1° gennaio, tutti i detenuti in custodia amministrativa hanno rifiutato di comparire per il loro processo in connessione con il boicottaggio collettivo e la politica dei tribunali militari israeliani.

Ciò include la mancata partecipazione alle udienze preliminari per l’accoglimento della presente ordinanza, alle udienze di appello e alle successive sessioni della Suprema Corte.

Nonostante siano ignorati da più di 130 giorni, i gruppi per i diritti affermano di continuare a documentare l’aumento degli ordini emessi.

“Purtroppo non ci sono stati progressi. Al contrario, la detenzione amministrativa è aumentata negli ultimi due mesi. I tribunali militari continuano il loro lavoro come al solito senza detenuti o loro avvocati”, ha detto ad al-Jazeera il leader di Adamir, Sahar Francis.

Francis ha osservato che lo scopo del boicottaggio era creare una lotta collettiva per controllare l’uso della pratica israeliana e ridurre gli scioperi della fame individuali.

“Purtroppo, quando i prigionieri pensano che non ci siano cambiamenti o miglioramenti, non puoi impedire loro di pensare di poter combattere a livello personale”, ha detto.

Separatamente, gruppi di prigionieri palestinesi hanno avvertito del pericolo immediato per la salute di molti prigionieri, tra cui Nasser Abu Hameed e Ali Groob, a cui è stato diagnosticato un cancro.

READ  La madre di "Seanfield" Liz Sheridan è morta a 93 anni

Interattivo - Prigionieri palestinesi - Prevenzione amministrativa

‘Con lui in questa battaglia’

Tornata a Itna, prima dello sciopero della fame del 13 febbraio, Talal è stata autorizzata a visitare suo marito solo una volta dopo il suo arresto. Le sue quattro figlie, la maggiore delle quali ha 9 anni, non vedono il padre da quando sono state arrestate.

Awawda, un tassista, ha trascorso un totale di 12 anni nelle carceri israeliane dall’inizio degli anni 2000, inclusi cinque anni di detenzione amministrativa, che sono stati divisi in due periodi.

“Gli anni della vita di un individuo passano senza processo o accusa”, ha detto Talal. “Sa di essere in custodia amministrativa per molti anni se non lo fa”.

A causa dei suoi continui arresti non è stato in grado di completare la sua laurea in economia presso la Al-Guds Open University.

“Siamo stati con Khalil dal primo momento in cui ha deciso di unirsi allo sciopero della fame – siamo con lui in questa battaglia per la sua libertà perché è ingiusta”.

Emanuele Schiavone

"Appassionato ninja della birra. Risolutore di problemi estremi. Pensatore. Appassionato di web professionista. Avido comunicatore. Piantagrane hardcore. "

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Post Il Presidente del Consiglio italiano chiede di approfondire le relazioni e il commercio equilibrato con i Paesi del Mediterraneo
Next Post Ho “bloccato” i numeri per quelli dell’establishment: Imran Khan