Policy brief: i leader del G7 stabiliscono le priorità prima delle riunioni ministeriali dell’OMC | Centro di conoscenza SDG

I leader del Gruppo dei Sette (G7) hanno approvato un’agenda comune su una serie di argomenti commerciali durante il loro recente vertice in Cornovaglia, Regno Unito, con l’obiettivo di informare le riunioni decisionali chiave dell’Organizzazione mondiale del commercio (OMC) previste per quest’anno.

Dicono che questa agenda potrebbe portare a una maggiore prosperità, una ripresa più rapida ed equa dalla pandemia e una migliore protezione dell’ambiente e dei lavoratori. Sottolineano inoltre che potrebbe essere una preziosa opportunità per affrontare le disuguaglianze di vecchia data nel sistema commerciale, creando al contempo quadri giuridici e politici innovativi per il futuro.

“Noi, i leader del Gruppo dei Sette, ci siamo incontrati in Cornovaglia l’11-13 giugno 2021, determinati a sconfiggere il COVID-19 e ricostruire meglio”, hanno detto nelle loro righe di apertura, osservando che le vite perse e colpite hanno fornito un promemoria , anche se doloroso, che la Collaborazione è la chiave per affrontare quelle sfide che trascendono i confini.

Il vertice, tenutosi nella città portuale di Carbis Bay, ha riunito i soliti leader del G7 – Canada, Francia, Germania, Italia, Giappone, Regno Unito e Stati Uniti, oltre alla Commissione Europea – insieme a Leader invitati Da Australia, India, Sud Africa e Repubblica di Corea.

Operazioni multilaterali e multilaterali sotto i riflettori

Dipartimento Comunicato stampa G7 Incentrato su “Commercio libero ed equo” Si concentra sui modi in cui, dal punto di vista dei leader, il commercio può garantire una migliore crescita economica e prosperità in tutte le aree, dalle economie avanzate ai paesi meno sviluppati (LDC).

In questo contesto, i leader fanno ampio riferimento all’azione “multilaterale” e “multilaterale” e al ruolo che entrambe possono svolgere nel raggiungimento di questa visione. Nel contesto dell’OMC, la parola “multilaterale” è solitamente usata per riferirsi a quelle iniziative che coinvolgono tutti i membri dell’organizzazione, mentre “multilaterale” include quegli sforzi a cui ha scelto di partecipare solo un sottoinsieme dei 164 membri dell’organizzazione l’OMC.

Attualmente è in corso una serie di sforzi multilaterali, compresi i negoziati sulla facilitazione degli investimenti, il commercio elettronico e la regolamentazione locale dei servizi. C’è anche un lavoro non negoziale sul sostegno alle MPMI mentre si impegnano nel commercio, nonché nel settore del commercio e dell’emancipazione economica delle donne. Due nuovi sforzi, i Dibattiti strutturati sul commercio e la sostenibilità ambientale (TESSD) e un’iniziativa sul commercio e l’inquinamento da plastica, sono ancora nelle fasi iniziali e devono ancora determinare se la negoziazione di nuove regole farà parte del loro approccio.

A livello multilaterale, esiste un’ampia agenda in seno all’OMC che risale al 2001, nota come known Agenda per lo sviluppo di Doha. Sebbene alcuni aspetti selezionati di tale agenda abbiano portato a nuove regole, in particolare l’Accordo di facilitazione del commercio dell’Organizzazione mondiale del commercio, molte di esse sono state effettivamente sospese per oltre un decennio.

I critici delle iniziative multilaterali, molte delle quali sono ora note come “iniziative di dichiarazione congiunta” dei documenti congiunti che hanno avviato tali processi, avvertono che tali sforzi potrebbero distogliere l’attenzione da aree di questioni di vecchia data che non hanno solo un mandato multilaterale , ma cambierebbe le regole del gioco per le prospettive di sviluppo degli organi.

READ  Nirmala Sitharaman parte per un viaggio di una settimana negli Stati Uniti

Alcuni, come India e Sud Africa, mi chiedevo anche Se esiste o può esserci una base legale per sottoporre queste iniziative all’OMC, dato che non c’è consenso tra i 164 membri dell’organizzazione a farlo. Le domande abbondano anche sul “mission creep” istituzionale e se queste iniziative, soprattutto quelle che fissano le regole, saranno in grado di articolare con successo considerazioni di sviluppo.

Un’eccezione degna di nota sono i colloqui sulla disciplina dei sussidi alla pesca dannosa, mentre i membri dell’OMC si preparano per una riunione a livello ministeriale il 15 luglio volta a raggiungere un accordo.

“Lavoreremo con altri membri dell’OMC per fare progressi su questioni urgenti, compreso il raggiungimento di un risultato significativo per i negoziati multilaterali sui sussidi alla pesca”, hanno affermato i leader. Si sono anche impegnati ad aiutare “a far avanzare i negoziati sull’e-commerce”, riferendosi a iniziativa di dichiarazione congiunta sul tema attuale.

Sussidi industriali, trasferimento tecnologico, lavoro e ambiente

Il termine “riforma dell’OMC” è diventato una parola d’ordine negli ambienti commerciali, riferendosi alle idee che gruppi di membri dell’OMC stanno esplorando su come affrontare le numerose sfide “sistemiche” che l’istituzione deve affrontare. Una preoccupazione comune che è stata sollevata, ad esempio, è che il meccanismo di risoluzione delle controversie dell’OMC è diventato sovraccarico di casi tecnici frequenti e ricorrenti. La paralisi dell’organo di appello dell’istituzione per la mancanza di consenso sull’avvio del processo di selezione dei nuovi giudici ha solo rafforzato queste domande.

Un altro problema ricorrente è se la funzione di controllo del commercio dell’OMC possa rimanere efficace a lungo termine quando molti membri lottano per soddisfare le loro richieste di notificare all’istituzione i livelli di sostegno e altre azioni politiche. Ciò che questo significa per la capacità dei membri di finalizzare i negoziati su questioni attuali è anche una lamentela frequente da parte di alcuni, così come la preoccupazione per “nuove questioni” emergenti che richiedono l’attenzione della comunità commerciale.

Mentre i colloqui sulla riforma dell’OMC abbracciano questi temi, in pratica queste idee tendono a concentrarsi sull’aggiornamento del regolamento dell’organizzazione per coprire questioni che non hanno ancora un mandato multilaterale o regole esistenti.

In Cornovaglia, i leader del G7 hanno chiesto nuove regole che riflettano “le trasformazioni in atto nell’economia globale, come la digitalizzazione e una transizione verde”. Hanno anche affermato che dovrebbero essere prese misure che consentano azioni “contro le pratiche sleali, come il trasferimento forzato di tecnologia, il furto di proprietà intellettuale, l’abbassamento degli standard lavorativi e ambientali per ottenere un vantaggio competitivo, le azioni distorsive del mercato delle imprese statali e l’industria dannosa sussidi, compresi quelli che portano a un eccesso di energia”.

READ  "La maggior parte di loro applica tasse sul carburante simili o più elevate".

Diversi membri del G7 fanno parte di altre formazioni che hanno versioni avanzate di questi obiettivi. Ad esempio, Canada, Unione Europea e Regno Unito fanno parte del “Gruppo di Ottawa” che ha sostenuto Conclusione positiva dei colloqui sulla pesca, progressi sulle iniziative di dichiarazione congiunte e risoluzione della crisi dell’organo di appello, tra le altre priorità. Il Gruppo di Ottawa ha anche sviluppato una proposta di “Iniziativa per il commercio e la salute” che copre alcune delle sfide relative alle materie prime per la distribuzione dei vaccini, come le restrizioni all’esportazione, le procedure doganali e di frontiera e i livelli tariffari.

Imparare dal COVID-19

Uno degli annunci più importanti emersi dal vertice del G7 è stato l’impegno dei leader a garantire alla società che un ulteriore miliardo di dosi di vaccino sarebbe stato reso disponibile per la distribuzione internazionale nel prossimo anno, attraverso il sostegno dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS ).”Accesso al COVID-19 Toolkit Accelerator (ACT)Il COVAX è allegato. Si basa su un miliardo di dosi che hanno lavorato per garantire attraverso quegli stessi meccanismi.

“Riconoscendo che porre fine alla pandemia nel 2022 richiederà la vaccinazione di almeno il 60% della popolazione mondiale, intensificheremo il nostro lavoro per salvare vite”, hanno affermato i leader.

Tuttavia, abbondano le critiche sulla disparità tra le economie sviluppate e in via di sviluppo riguardo all’accesso, alla produzione e alla distribuzione dei vaccini. Il modo in cui affrontare questa disparità nell’arena commerciale ha portato a una spaccatura tra coloro che sostengono gli sforzi del Gruppo di Ottawa per indirizzare le restrizioni sulle merci e coloro che sostengono la proposta di deroga ad alcune delle regole sulla proprietà intellettuale dell’Organizzazione mondiale del commercio per sostenere la produzione e la distribuzione di vaccini . .

L’esenzione, proposta da India e Sud Africa e ora co-sponsorizzata da un gruppo di altri membri dell’OMC, ha anche il sostegno degli Stati Uniti e gli interessi di alcuni Stati membri dell’UE, nonostante l’opposizione pubblica dell’Unione Europea, del Canada e di alcuni altri. economie avanzate.

La Commissione europea ha pubblicato una proposta nelle ultime settimane che suggeriva che invece Problemi di proprietà intellettuale Sulla risposta al COVID-19, dovrebbe concentrarsi sul miglioramento e sul “chiarimento” dell’uso delle licenze obbligatorie, una delle flessibilità sancite dalle norme dell’OMC sulla proprietà intellettuale, anche se i critici osservano che tali licenze possono essere ingombranti da mettere in pratica.

La dichiarazione del G7 accenna a quei diversi punti di vista sui diritti di proprietà intellettuale all’interno della loro alleanza, ma non cerca di risolverli, solo per continuare le conversazioni su entrambi gli approcci.

READ  L'ottimismo aziendale migliora per il secondo mese consecutivo a luglio: sondaggio

Sottolineando la necessità di un accesso equo ai vaccini COVID-19, sosterremo la produzione nei paesi a basso reddito e, pur rilevando l’importanza della proprietà intellettuale al riguardo, ci impegneremo in modo costruttivo nelle discussioni presso l’Organizzazione mondiale del commercio sul ruolo dell’intellettuale proprietà, anche attraverso azioni Coerentemente incluse nell’accordo TRIPS e nella dichiarazione di Doha del 2001 su TRIPS e sanità pubblica.

strada da percorrere

Gli impegni e le ambizioni enunciati al G7 e vertici simili — come il G-20, l’Asia-Pacific Economic Cooperation (APEC) e il vertice BRICS per Brasile, Federazione Russa, India, Cina e Sud Africa — non sono -rilegatura. In natura e non fattibile. Tuttavia, è noto per fare riferimenti politici alle idee che arriveranno ai tavoli dei negoziati a Ginevra e altrove, insieme a quei metodi che potrebbero in pratica andare contro le “linee rosse” dei membri dell’OMC.

L’OMC avrà due momenti politici chiave nel 2021 che mostreranno se questi segnali politici si traducono in azioni concrete, ad esempio attraverso risultati negoziati, piani d’azione concordati e dichiarazioni ministeriali.

Uno è il summenzionato incontro ministeriale del 15 luglio, che avrà effettivamente luogo, in cui l’accento sarà posto principalmente sul sostegno alla pesca. Mentre alcuni altri punti selezionati potrebbero essere all’ordine del giorno della riunione di luglio, la grande eliminazione della pesca avverrà in tempo per la 12a Conferenza ministeriale dell’OMC (MC12) dal 30 novembre al 3 dicembre.

L’evento è destinato a essere un importante punto di controllo per gli attuali processi “multilaterali” o iniziative di dichiarazione congiunta. Sarà anche un momento per vedere se i negoziatori sui temi dell’agenda multilaterale, come la riforma delle regole dell’agricoltura presso l’Organizzazione mondiale del commercio, saranno in grado di concordare un piano d’azione per i prossimi anni e firmare eventuali decisioni, come esentare dalle restrizioni all’esportazione gli aiuti alimentari umanitari acquistati nell’ambito del Programma alimentare mondiale. È probabile che anche la decisione se rinunciare o meno al COVID-19 entrerà nell’agenda dell’MC12, con negoziati basati su testo su come potrebbe essere tale rinuncia. In procinto di lanciare.

Infine, sarà un momento per fare il punto su dove si sta dirigendo l’OMC come istituzione e come vuole che sia il suo futuro, almeno per i prossimi due anni. La conferenza sarà la prima conferenza ministeriale sotto il direttore generale Ngozi Okonjo-Iweala e dovrà anche adattarsi alle sfide in corso della pandemia di COVID-19 e alle sue conseguenze, comprese le sfide pratiche dei viaggi. A livello sistemico, la Fondazione continuerà ad affrontare le richieste di utilizzare la politica commerciale e commerciale per riprendersi meglio dal COVID-19 in modo da non essere sorpresa da altre crisi, esacerbate dal cambiamento climatico e dalla perdita di biodiversità.

* * *

Scritto da Sofia Baleno, Direttore Comunicazione ed Editoriale, Diritto e Politica Economica, Istituto Internazionale per lo Sviluppo Sostenibile

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Jada Pinkett Smith onora il 50° compleanno di Tupac Shakur con una poesia senza precedenti del defunto rapper
Next Post Paris Jackson afferma che l’omosessualità “non è davvero accettata” nella famiglia Jackson