Piano di risanamento della banca italiana confermato dal miglior servizio di informazione giudiziale dell’UE

Il tribunale ha respinto l’argomento della Commissione europea secondo cui il piano per recuperare una banca italiana fallita utilizzando i fondi di garanzia dei depositi italiani era una forma di assistenza governativa illegale.

(Foto AP / Mindaugas Kulbis, file)

(CN) – Un tribunale europeo martedì ha stabilito che il piano di salvataggio dell’Italia per una banca fallita era legale e non violava le norme europee che regolano l’assistenza del governo alle imprese private.

Seduta nella grande camera, l’Alta Corte dell’UE ha respinto l’argomento della Commissione europea secondo cui il piano di ripresa per Banga Derkas violava le norme dell’UE in materia di assistenza governativa.

L’Alta Corte ha confermato la sentenza del 2019 della Corte di giustizia europea in base alla conclusione della Commissione secondo cui il sistema bancario era un’assistenza governativa ingiusta.

Nel 2014 la banca è stata salvata dal fondo italiano di garanzia dei depositi Fonto Interfangario de Tudella de Depositi (FIDT), un consorzio privato di banche che funge da organizzazione di mutuo soccorso. Il piano di salvataggio è stato elaborato dopo che Banga Bopolare de Barry ha dichiarato di voler acquistare Tercas.

Dopo aver esaminato la transazione, la commissione ha accusato la FIDT di agire illegalmente per conto del governo italiano e ha ordinato all’Italia di recuperare 340 milioni di dollari in presunti aiuti governativi illegali.

La Commissione è un organo esecutivo con sede a Bruxelles con sede nell’UE che regola gli Stati membri del campo in una serie di settori. Nei suoi doveri, la Commissione cerca di garantire che gli Stati membri forniscano un sostegno irragionevole alle imprese private che si ritiene minino il mercato interno dell’UE e di garantire parità di condizioni in tutta l’Unione. Gli Stati possono contestare le conclusioni della Commissione dinanzi ai tribunali dell’UE.

READ  Lee Kwang-soo saluta l'"uomo che corre": "Grazie per aver corso con me"

Il Tribunale ha stabilito che la FIDT ha agito in modo indipendente quando “ha accettato misure a beneficio di Derkos” e che i fondi statali non sono stati utilizzati per recuperare la banca. L’Alta Corte ha acconsentito. Lo scorso ottobre, anche un procuratore generale dell’Alta Corte ha emesso un parere legale che ha archiviato il caso della Commissione.

Nel 2012 Banga Dercas è stata posta sotto gestione straordinaria dopo che la banca centrale italiana, Banga de Italia, ha scoperto irregolarità. Quando Banga Popolare de Barry ha proposto di acquistare Tengas, Banga de Italia ha affermato che la FIDT dovrebbe compensare la carenza di Tengas e controllare Tergas.

Nel 2014 il FITD ha deciso di colmare il deficit della banca in difficoltà e garantirlo. La commissione ha quindi esaminato il piano di risanamento e nel dicembre 2015 ha deciso di violare le norme sugli aiuti di Stato. La decisione della Commissione è stata impugnata dinanzi al Tribunale dal governo italiano, dalla Panga de Italia e dalla FIDT.

La Commissione ha affermato che le prove del Tribunale di assistenza pubblica erano proporzionalmente più elevate per un ente privato che per un ente pubblico. Ha inoltre affermato che il Tribunale aveva erroneamente considerato le prove controverse come “frammentarie”.


Il corrispondente del tribunale Cain Burdio è centrato sull’UE.

Emanuele Schiavone

"Appassionato ninja della birra. Risolutore di problemi estremi. Pensatore. Appassionato di web professionista. Avido comunicatore. Piantagrane hardcore. "

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post User Pizzeria, importatore con sede a New Jersey, porta il vero sapore italiano agli operatori di panifici e ristoranti
Next Post Corona virus: il governo italiano chiude tutte le scuole nelle zone ad alto rischio