Pfizer, Moderna e J&J si impegnano a fornire 1,3 miliardi di dosi di vaccini Covid-19 al Global Health Summit

Le aziende farmaceutiche Pfizer, Moderna e Johnson & Johnson si sono impegnate al Vertice mondiale sulla salute a Roma a fornire 1,3 miliardi di dosi di vaccini Covid-19 su base senza scopo di lucro ai paesi a basso e medio reddito nel 2021.

Il Vertice mondiale sulla salute, organizzato venerdì dall’Italia nel suo ruolo di Presidente del G20 in collaborazione con la Commissione Europea, ha sottolineato l’urgente necessità di intensificare gli sforzi, anche attraverso sinergie tra il settore pubblico e privato, per promuovere vaccini, trattamenti e diagnostica per Covid-19 Efficaci ed economici.

Pfizer, Moderna e Johnson & Johnson si sono impegnati a fornire vaccini ai paesi a basso reddito a basso costo per la produzione e ai paesi a reddito medio a basso costo. Ciò include 1 miliardo di dosi da Pfizer, 200 milioni da Johnson & Johnson e 100 milioni da Moderna. La maggior parte di queste dosi verrà somministrata tramite la struttura COVAX supportata dall’OMS.

Il presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen, che ha ospitato il vertice con il primo ministro italiano Mario Draghi, ha affermato che l’Unione europea donerà anche 100 milioni di dosi ai paesi a basso e medio reddito entro la fine dell’anno.

L’epidemia ha dimostrato l’importanza della cooperazione internazionale per affrontare l’attuale crisi sanitaria e qualsiasi futura crisi sanitaria. In generale, ha affermato l’ambasciatore italiano Vincenzo Di Luca, dobbiamo guardare oltre i confini e attraverso le discipline se vogliamo affrontare le sfide del nostro tempo.

“Questo include non solo l’epidemia, ma anche la disuguaglianza globale e il cambiamento climatico”, ha detto, aggiungendo che questo è lo spirito della Dichiarazione di Roma adottata al Vertice mondiale sulla salute.

READ  Casi di morte del virus Corona in India 26 giugno in diretta, statistiche del virus Corona India in diretta, vaccinazione Covid-19 in India, ultimo aggiornamento della variante Delta Coronavirus, Delta Plus Live News

La Dichiarazione di Roma stabilisce una serie di principi e impegni che si rafforzano a vicenda che garantiranno una migliore preparazione, una risposta coordinata, resilienza, recupero dalla pandemia COVID-19 e una migliore preparazione per le future emergenze sanitarie.

Nel quadro del Vertice mondiale sulla salute, tutti i partecipanti hanno annunciato impegni aggiuntivi volti a garantire una risposta solida e coordinata alla pandemia.

Finché il virus continua a circolare liberamente in tutto il mondo, potrebbe mutare e minare anche la campagna di vaccinazione di maggior successo. De Luca ha detto che il libero flusso di materie prime e vaccini attraverso i confini è essenziale.

Finora l’Europa ha esportato circa 200 milioni di dosi di vaccini in 90 paesi. L’Italia ha promesso una nuova donazione di 15 milioni di dosi di vaccini ai paesi a basso reddito entro la fine del 2021.

Al Vertice mondiale sulla salute, l’Italia ha anche annunciato un impegno di ulteriori 300 milioni di euro per l’equa distribuzione dei vaccini e un impegno separato di 200 milioni di euro per iniziative per rafforzare il clima e la sicurezza sanitaria nei paesi a basso reddito.

I partecipanti al Vertice mondiale sulla salute si sono impegnati a promuovere e compiere progressi concreti verso i principi della Dichiarazione di Roma emanata dal vertice del G20 a Roma in ottobre.

A tal proposito, ha detto De Luca, sarà necessario rafforzare il ruolo delle istituzioni multilaterali nella salute globale e non solo, a partire dall’Organizzazione mondiale della sanità (Oms).

“Dobbiamo fornire all’Organizzazione mondiale della sanità finanziamenti sostenibili e prevedibili e consentirle di diventare più efficace. È fondamentale garantire che sia in atto un efficace sistema di allerta precoce e che i governi possano condividere rapidamente le loro migliori pratiche per prevenire, contenere e gestire l’epidemia “, ha detto.

READ  La Cina inizia le esercitazioni navali nel Mar Cinese Meridionale prima dello spiegamento dell'India

De Luca ha affermato che la cooperazione scientifica internazionale è uno dei fattori alla base del rapido sviluppo dei vaccini Covid-19 e che è necessaria una migliore condivisione dei dati e un maggiore trasferimento di conoscenze per consentire una distribuzione ampia ed equa dei frutti dell’innovazione.

“I vaccini Covid-19 sono il prodotto di complesse catene di approvvigionamento, che si estendono in molti paesi, ognuno dei quali si basa sulla propria capacità industriale e competenza”, ha affermato. “Dobbiamo mantenere il commercio transfrontaliero, rimuovere barriere commerciali ingiustificate e un divieto generale di esportazione”.

Baldovino Fiorentini

"Scrittore impenitente. Appassionato di bacon. Introverso. Malvagio piantagrane. Amico degli animali ovunque."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Portland Timber vs LA Galaxy: live streaming online e risultati (3-0) | 22/05/2021
Next Post Come collegare le cuffie Bluetooth a Xbox One