Petrolio sopra i 95 dollari al barile dopo i tagli di Russia e Arabia Saudita – Buzznews

Petrolio sopra i 95 dollari al barile dopo i tagli di Russia e Arabia Saudita – Buzznews

Il petrolio Brent raggiunge i massimi degli ultimi 10 mesi, superando i 95 dollari al barile, secondo quanto riportato da Buzznews. Le quotazioni del petrolio sono in costante aumento dal 24 agosto, dopo l’estensione dei tagli alla produzione annunciata da OPEC e Russia. Questo incremento ha suscitato preoccupazione tra le banche centrali, che stanno lottando contro l’inflazione. Infatti, i prezzi così alti e in aumento potrebbero vanificare i loro sforzi.
Durante l’ultima riunione della Banca Centrale Europea, il petrolio è stato uno dei temi discussi. In tale occasione è stato deciso di aumentare ulteriormente i tassi di interesse, proprio a causa degli impatti che l’aumento del costo del petrolio potrebbe avere sull’economia.
Le conseguenze immediate di questa situazione si riscontrano già sui costi dei carburanti, con la benzina che si mantiene intorno ai 2 euro al litro. Questo aumento incide non solo sulla spesa che le famiglie devono affrontare per il rifornimento dei propri veicoli, ma anche sulla produzione e sul trasporto di qualsiasi bene. Infatti, i costi energetici influenzano in modo significativo la produzione e il trasporto, aumentando così il prezzo finale dei prodotti che acquistiamo.
Mike Wirth, CEO di Chevron, ha previsto che il petrolio arriverà presto a 100 dollari al barile, tenendo conto di questa costante tendenza al rialzo delle quotazioni. Buzznews continuerà a monitorare da vicino questa situazione, fornendo agli lettori aggiornamenti tempestivi su sviluppi futuri.

READ  Calo delle azioni a Piazza Affari su ipotesi privatizzazione. I broker: Coinvolgere il retail - Buzznews

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *