Perché tagliare il periodo di isolamento è illogico?

Prima di utilizzare omicron, le persone nel Regno Unito con sintomi COVID o un risultato positivo hanno dovuto autoisolarsi per dieci giorni. Ma quando sono arrivate le nuove specie allarmanti, il governo ha cambiato il periodo di autoisolamento a sette giorni.

Dall’altra parte dell’Atlantico, i Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie hanno affermato che, dato ciò che si sa sulla variante dell’omicron, stanno cambiando il periodo di autoisolamento a cinque giorni.

Ora, il segretario alla salute Sajid Javid ha annunciato che il periodo di autoisolamento per le persone che sono risultate positive al COVID è stato ridotto a cinque giorni interi in Inghilterra (non è chiaro, a questo punto, se altri paesi del Regno Unito faranno lo stesso) .

Da lunedì 17 gennaio, le persone in Inghilterra potranno lasciare l’isolamento dopo due test di flusso laterale negativi (a distanza di 24 ore) a partire dal quinto giorno.

Le regole sono le stesse indipendentemente dallo stato del vaccino. In qualità di microbiologo medico, sono preoccupato per la mancanza di prove scientifiche che giustifichino la sicurezza di queste misure ridotte.

Alcuni sostengono che Omicron sia “lieve” e non porti a un forte aumento dei ricoveri, ma va ricordato che questa ondata sta investendo una popolazione con un significativo grado di protezione derivato dalla combinazione di infezione naturale e immunità indotta dalla vaccinazione .

Invece, l’impatto più grande – certamente nel Regno Unito – sembra essere l’assenteismo che ha portato molti servizi essenziali a faticare a lavorare. Quindi, abbiamo visto i driver economici andare oltre la logica scientifica dei piani di gestione del COVID?

READ  La riunione del proprietario e del cane dopo un decennio potrebbe farti piangere gli occhi | تبكي | Comune

Diamo un’occhiata alla logica scientifica per i periodi di isolamento raccomandati. Una revisione sistematica completa nel Regno Unito di 79 documenti di tutto il mondo (esclusi quelli con un numero di casi molto basso) ha eliminato il virus da 5.340 persone infette.

Ha valutato non solo la carica virale determinata dal test PCR, che può rimanere positiva per qualche tempo dopo la guarigione clinica, ma anche la capacità di far crescere un virus vitale da queste persone, il che significa che sono ancora chiaramente contagiose.

La revisione ha mostrato una bassa carica virale nei primi due giorni, ma poi ha raggiunto il picco nei giorni da tre a sei, svanendo nei giorni da sette a nove fino a quando nessun virus vitale poteva essere curato entro il decimo giorno. In altre parole, i dati hanno supportato un periodo di isolamento di dieci giorni.

Alcuni studi hanno suggerito un periodo leggermente più breve di eliminazione del virus nelle persone asintomatiche, ma le decisioni politiche nazionali dovrebbero essere basate su tutte le infezioni, non solo su un sottogruppo.

Un recente studio preliminare dal Giappone (uno studio non ancora pubblicato su una rivista scientifica) ha esaminato la precipitazione del virus attribuita a Omicron. Lo studio ha invertito i risultati della revisione sistematica, mostrando che la diffusione virale è massima entro tre o sei giorni dall’inizio dei sintomi.

E un piccolo studio dell’Università di Exeter, pubblicato lo stesso giorno dell’annuncio di Javid, ha rilevato che una persona su tre era ancora contagiosa dopo cinque giorni.

Le prove indicano che entro il quinto giorno molte persone perderanno ancora un virus vitale, che potrebbe portare a una significativa diffusione del COVID. Quindi quali prove utilizza il governo su cui basare questi ultimi tagli ai periodi di isolamento?

READ  L'ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump critica il leader della Corea del Sud, ma afferma di amare Kim Jong Un in Corea del Nord

pressioni sociali ed economiche

I test del flusso laterale sono un modo rapido e pratico per misurare l’infezione, ma questi test vengono eseguiti a casa e potrebbero non essere eseguiti sempre secondo standard rigorosi, il che significa che potrebbero fornire risultati errati.

La corretta raccolta del campione del tampone è fondamentale per le prestazioni del test e ciò richiede al laboratorio di riportare il risultato del test in modo appropriato. Molte pressioni sociali o economiche possono indurre il tester a scendere a compromessi sui test e sui protocolli di segnalazione.

Ridurre il periodo di isolamento a cinque giorni rischia di riportare le persone infette nella comunità nel momento di punta per la diffusione del virus infettivo.

Questo è sia sconsiderato che pericoloso per coloro che li circondano. Le persone vogliono sentirsi al sicuro quando escono, sapendo che gli altri sono adeguatamente testati e isolati in modo da non essere più un pericolo per gli altri.

Invito vivamente i nostri responsabili politici a considerare i dati scientifici ea giungere a una conclusione ragionevole, informata e valida.

Scritto da Sally Cutler, professore di microbiologia medica, University of East London

partecipazione a Newsletter di menta

* Inserisci un’e-mail disponibile

* Grazie per esserti iscritto alla nostra newsletter.

Non perderti nessuna storia! Rimani connesso e informato con Mint. Scarica subito la nostra app!!

Baldovino Fiorentini

"Scrittore impenitente. Appassionato di bacon. Introverso. Malvagio piantagrane. Amico degli animali ovunque."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Badosa sconfigge Kryzhikova per vincere il titolo di Sydney – Gioco
Next Post Dying Light 2 riceverà “almeno” 5 anni di contenuti post-lancio