Perché Peter Jackson dice che la serie “Disney +” dei Beatles “Ritorna” sorprenderà i fan – Orange County Register

Scritto da David Boder

Per 50 anni, la narrativa consolidata ha visto la sessione di registrazione di “Let it Be” dei Beatles come un’esperienza miserabile con una band mentre i membri si stancavano l’uno dell’altro, stanchi del loro lavoro e in procinto di sciogliersi.

Il documentario di quasi 8 ore prodotto da Peter Jackson, tratto da filmati e registrazioni di brani tratti da quelle sessioni, rivela una squadra consapevole con una rara rilevanza ed etica del lavoro che sapeva ancora come divertirsi, ma era anche in procinto di sgretolarsi terminato.

La serie “Get Back” si svolge in tre giorni a partire dal Ringraziamento su Disney+.

Prodotto da The Beatlemaniac per un collega

Beatlemaniaci, può essere un’esperienza stressante per chi non è nel club. Ma il club è molto grande. Oltre ai regali per i fan, “Get Back” è un’anteprima del processo creativo di una band ancora popolare mezzo secolo dopo che ha cessato di esistere.

Jackson, il creatore della serie “Il Signore degli Anelli” vincitrice dell’Academy Award, stava discutendo un altro progetto con i Beatles quando ha chiesto cosa fosse successo a tutti gli estratti del film del 1970 del regista Michael Lindsey Hough “Let it Be”.

C’erano quasi 60 ore di film girate in tre settimane, la maggior parte invisibili, e la band stava pensando a cosa farne. Jackson ha preso quel materiale, oltre a 150 ore di registrazioni audio, e ha trascorso quattro anni a costruire una storia.

Mi sono avvicinato a lui per paura che sarebbe stato un atto frustrante.

Il film di Lindsay-Hogg è visto come un resoconto della morte della band – ingiustamente, secondo Jackson – perché è stato rilasciato poco dopo l’annuncio della rottura. I Beatles hanno rafforzato l’idea con commenti negativi sull’esperienza, dandosi una scadenza ravvicinata per scrivere e registrare nuovo materiale in preparazione di uno spettacolo dal vivo, seguito da tutte le telecamere.

John Lennon, Roads Manager, Mal Evans, Yoko Ono Lennon, Ringo Starr e Paul McCartney ai Twickenham Film Studios, 13 gennaio 1969. (Photo credit: Ethan A. Russell / © Apple Corps Ltd.)

“Ho solo aspettato che le cose peggiorassero”, ha detto Jackson. Ho aspettato che iniziassero le discussioni. Ho aspettato che iniziasse il conflitto. Ho aspettato la sensazione che si odiano. Ho aspettato tutte le cose che ho letto nei libri e non si sono mai presentate”.

READ  Il "gioco del calamaro" è adatto ai bambini? Ecco cosa devono sapere i genitori

Oh, c’è una lotta. La storia mette in ombra i momenti divertenti rivelati negli estratti, come John Lennon che canta “Two of Us” come imitatore di Bob Dylan, o lui e Paul McCartney che si sfidano a vicenda per una corsa veloce senza muovere le labbra. Jackson ristabilisce l’equilibrio.

“La connessione è stata fantastica”, ha ricordato il batterista Ringo Starr in una recente intervista con Zoom. Sono figlio unico (ma) ho tre fratelli. Ci siamo guardati. Ci siamo presi cura l’uno dell’altro. Abbiamo avuto qualche litigio l’uno con l’altro – questo è quello che fanno le persone. Ma musicalmente, ogni volta che contavamo – uno, due, tre, quattro – eravamo al meglio che potevamo essere”.

Jackson segue le sessioni quotidiane dal loro debutto su un set cinematografico cavernoso che alla fine è stato abbandonato in favore del familiare studio di registrazione londinese, alla breve esibizione sul tetto che è stata l’ultima volta che i Beatles hanno suonato in pubblico.

Il regista è sensibile all’idea di essere stato chiamato per “eliminare” le sessioni, osservando che “Get Back” raffigura George Harrison che lascia brevemente la band, un evento che a Lindsay-Hogg non è stato permesso di mostrare.

Quel momento si è svolto dopo una mattinata in cui Harrison ha guardato, oscillando silenziosamente, mentre Lennon e McCartney dimostravano la loro stretta connessione creativa con il lavoro su “Two of Us” come se gli altri non fossero presenti. Quando arrivò la pausa pranzo, Harrison aveva qualcosa di più permanente.

“Lascio la band ora”, ha detto, quasi realisticamente, prima di uscire.

Dopo alcuni giorni e un paio di incontri con la band, Harrison fu convinto a tornare. La mattina in cui lo fa, il film mostra che lui e Lennon hanno letto un falso rapporto di stampa che affermava di essere stati colpiti e incontrati in situazioni di boxe per prenderlo in giro.

READ  Riepilogo finale della stagione 8 di 'Chicago PD': Rivelato il destino di Burgess

Lungo la strada, il progetto di Jackson dissipa e rafforza frammenti di saggezza convenzionale che si sono solidificati nel corso degli anni.

Mito n. 1: McCartney era un maniaco del controllo.

Regola: parzialmente vero. Il film mostra Harrison visibilmente arrabbiato con McCartney mentre lui e gli altri membri della band gli danno istruzioni su come suonare e li convincono a decidere per un concerto dal vivo. La band è stata in qualche modo senza scopo dalla morte del manager Brian Epstein nel 1967. McCartney ha assunto il ruolo di “padre”, con cui è totalmente a disagio.

“Ho paura di essere il manager, e lo sono stato per due anni”, dice. “Non ricevo alcun supporto.”

Mito 2: Yoko Ono ha rotto i Beatles.

Regola: errato. È presente a quasi tutte le sessioni di registrazione, ma principalmente come una forza benigna seduta accanto a Lennon. Tutte le altre coppie di scarabei compaiono in studio, anche se non molte. A un certo punto, McCartney ci ha persino fatto una battuta.

“Tra 50 anni sarà qualcosa di incredibilmente comico: si sono lasciati perché Yoko era seduta su un subwoofer”, dice.

Nel pomeriggio dopo la partenza di Harrison, i rimanenti Beatles stanno chiaramente sfogando la loro frustrazione con della musica aggressiva e Ono prende il controllo del suo microfono, un momento magico.

Mito n. 3: I Beatles si sono sostanzialmente trasformati in quattro artisti solisti, con gli altri come curatori delle rispettive canzoni.

Regola: errato. Collaborano costantemente e cercano consigli. Ad un certo punto, Harrison ha ammesso a Lennon che stava avendo problemi a completare la linea che è diventata “attraente per me come qualsiasi altro amante” in “Something”. Lennon suggerisce di usare una frase senza senso – “mi attrae come il cavolfiore” – finché non emerge qualcosa di meglio.

Attraverso il film, gli spettatori possono vedere come “Get Back” di McCartney appare mentre si destreggia a lato, mentre lui e Lennon si scambiano suggerimenti sui testi e hanno un’idea per renderlo una canzone critica del sentimento anti-immigrati, mentre l’intera band lavora su l’arrangiamento. Felicissimo del risultato finale, è Harrison che suggerisce di pubblicarlo immediatamente come singolo.

READ  Rusted Armor è stato oggetto di molte lamentele sul film precedente e sulla star arrabbiata di Nicolas Cage

“Uno sguardo al loro lavoro insieme è un artefatto di fondamentale importanza, non solo per i fan dei Beatles ma per qualsiasi persona creativa”, ha affermato Bob Spitz, autore di The Beatles: The Biography, pubblicato nel 2005.

Mito n. 4: Le riprese hanno mostrato che i Beatles si sono sciolti.

Regola: sostanzialmente vero. Diventa chiaro che l’entusiasmo di Lennon e Harrison per essere i Beatles sta calando. È chiaro che Lennon è affezionato a Ono; McCartney dice a Harrison e Starr che se ci fosse stata una scelta tra lei ei Beatles, Lennon sarebbe andato con lei.

Harrison, che sta crescendo creativamente, si sente a disagio con il suo ruolo secondario. Ha parlato con Lennon di fare un album da solista perché aveva abbastanza canzoni scritte per riempire la sua “quota” di album dei Beatles per un altro decennio. Come per dimostrare il suo punto, i Beatles stanno provando per la maestosa “All Things Must Pass” di Harrison, ma si rifiutano di registrarla.

Nel film, Lennon e Starr discutono anche di un incontro con il manager dei Rolling Stones Allen Klein sull’assunzione degli affari dei Beatles, prefigurando un’amara rottura con McCartney.

“È tutto pieno di piccole storie”, ha detto Jackson.

Jackson, che avrebbe dovuto produrre un documentario tradizionale, ha detto di essere nervoso mentre restituiva il suo prodotto finale del lungometraggio a McCartney, Starr e alle famiglie Lennon e Harrison.

“Ma sono tornati e hanno detto: ‘Fantastico, non cambiare nulla’”, ha detto.

Tra i momenti preziosi che ha scoperto c’era la gioia sui volti dei Beatles mentre suonavano sul tetto dello studio. Il film mostra l’intera performance, mentre i Beatles affrontano la sfida e si divertono molto a farlo.

Quando la polizia ha finalmente finito, la band e l’entourage tornano in studio e ascoltano una registrazione di ciò che hanno fatto.

“Questa è un’ottima esperienza per qualcos’altro”, afferma il produttore George Martin.

Questo, purtroppo, non doveva essere.

Abelie Lombardi

"Pioniere del caffè. Pensatore appassionato. Creatore. Appassionato di Internet a misura di hipster".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Il video mostra uno squalo zombi “mezzo mangiato” che sta ancora cercando una preda
Next Post Perché le elezioni presidenziali in Italia sono importanti?