Perché l’India vuole che la guerra in Ucraina finisca

Quarant’anni fa, il 21 settembre 1982, l’India e l’Unione Sovietica hanno convenuto che il compito principale davanti al mondo era quello di evitare la guerra nucleare. In una riunione al Cremlino, l’allora primo ministro Indira Gandhi e il presidente sovietico Leonid Brezhnev hanno concordato sulla necessità di ridurre la tensione promuovendo la distensione e aumentando la fiducia.

Mentre il primo ministro indiano ha invitato le superpotenze a smettere di accumulare armi, Breznev ha suggerito che Nato Il Patto di Varsavia ha annunciato che si sarebbero astenuti dall’estendere le proprie attività all’Asia, all’Africa e all’America Latina.

Descrivendo i colloqui come “caldi e amichevoli”, l’agenzia di stampa russa TASS ha affermato che i due leader “si oppongono alla creazione di basi militari straniere sul territorio dei paesi asiatici e alle pressioni militari, politiche ed economiche sui paesi sovrani”.

Gandhi, che ha dichiarato l’India uno stato non allineato, non ha condannato l’intervento sovietico in Afghanistan.

È interessante notare che, nello stesso incontro, l’allora Primo Ministro indiano annunciò che i piloti collaudatori dell’aeronautica indiana erano stati selezionati per l’ambito volo spaziale indo-sovietico nel 1984, che includeva il comandante di squadriglia Rakesh Sharma e il comandante di ala Ravesh Malhotra.

Taglio al 2022: incontra Modi e Putin

Il 16 settembre il primo ministro indiano Narendra Modi Il presidente russo Vladimir Putin si è incontrato a margine del vertice dell’Organizzazione per la cooperazione di Shanghai a Samarcanda, in Uzbekistan.

All’inizio dell’incontro, Modi ha detto a Putin: “So che questo pomeriggio non è guerra e ti abbiamo parlato molte volte al telefono che democrazia, diplomazia e dialogo sono cose che toccano il mondo. Oggi avremo una possibilità per discutere di come possiamo andare avanti sulla via della pace nei prossimi giorni. Avrò anche la possibilità di capire il tuo punto di vista”.

Putin ha risposto a Modi: “Conosco la sua posizione sul conflitto in Iraq UcrainaLe tue paure che esprimi costantemente.”

Il commento di Modi ha catturato l’attenzione del mondo, a sette mesi dall’inizio della guerra. Il primo ministro indiano – che ha fermamente evitato di criticare Putin – ha chiarito cosa sia la musica alle orecchie delle potenze occidentali.

Giorni dopo, il presidente francese Emmanuel Macron e l’Agenzia per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti, Jake Sullivan, hanno espresso la loro voce per sostenere le osservazioni di Modi e hanno chiesto al presidente russo di porre fine immediatamente alla guerra contro l’Ucraina.

READ  Un giudice di origine indiana diventa la prima persona di colore ad essere nominata alla Corte Suprema del Canada

Macron ha anche affermato che quei paesi che hanno scelto di essere “neutrali” e “imparziali” avevano “sbagliato” e avevano la responsabilità storica di parlare francamente.

Martedì, nel suo discorso all’Assemblea generale delle Nazioni Unite a New York, Macron ha dichiarato: “Narendra Modi, Primo Ministro indiano, aveva ragione quando ha detto che non è il momento della guerra. Non è per vendetta contro l’Occidente né per opponendosi all’Occidente sull’Oriente. È un momento collettivo per nazioni uguali e sovrane per affrontare le sfide che dobbiamo affrontare”.

A Washington, DC, Sullivan ha dichiarato: “Penso che ciò che ha detto il primo ministro Modi – una dichiarazione di principi a favore di ciò che crede sia giusto e giusto – sia stato molto gradito dagli Stati Uniti”.

Sullivan ha detto che tutte le nazioni dovrebbero seguire il principio che il territorio dei loro vicini non può essere occupato con la forza.

La Russia di Putin

Tuttavia, il presidente russo Putin ha deciso di “mobilitazione parziale”. Molti analisti in Occidente l’hanno interpretata come una mossa pericolosa di Putin, di fronte al calore di una guerra che doveva essere rapida e indolore.

Ciò che è interessante, tuttavia, è come si è evoluta la retorica di Putin. Anne Applebaum, autrice vincitrice del Premio Pulitzer Gulag: storia ed ex Washington Post Editorialista, in oceano Atlantico“Se un presidente americano annuncia un discorso importante, chiude le reti alle otto di sera e poi scompare fino al mattino dopo, l’analisi sarà immediata e dannata: caos, caos, esitazione. La Casa Bianca deve essere in crisi. “

“Nelle ultime 24 ore è esattamente quello che è successo a Mosca. Il presidente russo aveva già pronunciato un discorso importante, allertato la televisione di Stato, avvertito i giornalisti e poi è scomparso senza spiegazioni. Anche se stamattina Vladimir Putin ha finalmente fatto il suo discorso alla nazione , lui Le stesse conclusioni devono essere applicate: caos, caos, indecisione. Il Cremlino deve essere in crisi”.

READ  La più grande banca di Dubai offre ai dipendenti un aumento degli stipendi dovuti all'inflazione

La mossa di Putin di mobilitare fino a 3 riservisti – individui che hanno completato il servizio di leva – arriva in un momento in cui le forze ucraine e russe stanno combattendo battaglie territoriali nella parte orientale e sudorientale dell’Ucraina.

L’Istituto per lo studio della guerra con sede negli Stati Uniti, che segue la guerra negli ultimi 211 giorni (dal 24 febbraio), ha affermato che l’annuncio di “mobilitazione parziale” di Putin il 21 settembre “riflette molti dei problemi che la Russia deve affrontare nel suo vacillare invasione.” L’Ucraina che è improbabile che Mosca sia in grado di risolvere nei prossimi mesi… non genererà una grande forza di combattimento russa utilizzabile per mesi. Potrebbe essere sufficiente per mantenere gli attuali livelli di manodopera militare russa nel 2023 compensando le perdite russe , anche se questo non è ancora chiaro. Il ministro della Difesa russo Sergei Shoigu ha dichiarato in un’intervista del 21 settembre che ciò avverrà in fasi deliberate, il che probabilmente precluderà qualsiasi afflusso improvviso di forze russe che potrebbero alterare in modo significativo il corso della guerra. Così , la parziale mobilitazione russa non priverà l’Ucraina dell’opportunità di liberare più territori occupati in inverno e durante l’inverno”.

Le manovre del presidente russo, insieme alla minaccia nucleare nascosta, hanno destato allarme anche all’interno della Russia. TASS riferisce che la leggenda del pop sovietico Alla Pugacheva si è espressa contro la guerra in Ucraina sui social media e che le autorità stanno indagando su di lei per aver “diffamato” l’esercito russo.

Politico Ho riferito che i prezzi dei voli dalla Russia sono saliti alle stelle e ora sono esauriti. I voli diretti da Mosca verso paesi che non richiedono visto per entrare – inclusi Turchia, Azerbaigian e Armenia – sono stati esauriti almeno fino a venerdì, secondo il sito web russo RBC. Politico Ha anche affermato che i voli diretti della Turkish Airlines da Mosca a Istanbul sono passati da 350 euro a 2870 euro.

Agenzia di stampa Ha riferito che più di 800 russi sono stati arrestati in proteste contro la guerra in 37 città russe, tra cui Mosca e San Pietroburgo.

Vista dall’esterno

Mentre i commenti di Modi hanno fatto notizia, molto significativi sono stati i commenti di Putin a Samarcanda, nell’incontro con il presidente cinese Xi Jinping, in cui il presidente russo ha riconosciuto che Xi Jinping aveva “domande e preoccupazioni” sulla sua guerra in Ucraina.

READ  Il centro afferma che saranno indagati casi relativi a "Pandora's Papers"

Questo è stato visto da molti analisti come un punto di svolta critico: questo, per la prima volta, indica che Pechino sta cercando di prendere le distanze dalle azioni russe.

L’asse russo-cinese è stato fonte di preoccupazione per l’Occidente, in particolare per l’India.

Le preoccupazioni dell’India

In un momento in cui l’India fa affidamento sulla Russia per il 60-70% dei suoi requisiti di difesa, le forniture di armi russe potrebbero essere sotto pressione, preoccupano i funzionari indiani. Ciò è stato notato in precedenza da funzionari occidentali, che hanno minimizzato Ni Delhi.

Ma mentre l’esercito russo sembra lottare per ottenere più uomini, l’ansia cresce per Delhi. Non è ancora chiaro quanti di questi riservisti siano qualificati per combattere o abbiano armi sufficienti.

Dal punto di vista dell’India, il messaggio a Mosca è forte e chiaro: porre fine alla guerra e tornare agli affari come al solito.

Il capo dell’esercito indiano, il generale Manoj Pandey, ha confermato questa settimana di avere ancora due “punti di attrito” lungo la regione del LAC nel Ladakh orientale, riferendosi indirettamente agli stalli nelle pianure di Dipsang ea Charding la Nola a Dimchok.

Per la prima volta, mentre Delhi si prepara per il suo terzo inverno con circa 60.000 soldati ammassati lungo il confine tra India e Cina e le forniture di difesa da Mosca sembrano deboli e scarse, alcuni a Delhi ritengono che sia anche nell’interesse dell’India che la guerra in Ucraina deve finire in fretta.

Dal punto di vista di Delhi, il premier Modi non ha detto nulla di nuovo. Ma inquadrarlo in modo aperto e chiaro è un messaggio potente che Delhi ha bisogno di Mosca per garantire una catena di approvvigionamento resiliente e affidabile per le sue esigenze di difesa. Quindi, da Indira Gandhi a Narendra Modi, il messaggio alle loro controparti russe sull’abbandono della guerra era più o meno coerente, poiché era nell’interesse dell’India nella cooperazione strategica con la Russia, dallo spazio alla difesa.

Baldovino Fiorentini

"Scrittore impenitente. Appassionato di bacon. Introverso. Malvagio piantagrane. Amico degli animali ovunque."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Post L’economia europea in tempo di guerra proseguirà oltre l’inverno
Next Post Latifi lascerà la Williams al termine della stagione di F1