Perché l’India è arrabbiata per l’obiettivo di spostare il cambiamento climatico nei paesi sviluppati alla COP 26?

I paesi sviluppati stanno spostando i loro obiettivi nell’esercizio per affrontare i problemi del cambiamento climatico e l’idea di “emissioni nette zero” entro il 2050 viene promossa come una panacea per il male del cambiamento climatico, ma mina il raggiungimento di un “clima- mondo giusto”, hanno detto a News18 alti funzionari del governo.

Il primo ministro Narendra Modi sarà presente Ventiseiesima Conferenza delle Parti (COP-26) per la Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici l’1 e 2 novembre a Glasgow. Giovedì Modi ha dichiarato in una dichiarazione che evidenzierà la necessità di affrontare in modo completo le questioni relative ai cambiamenti climatici, tra cui l’equa distribuzione dello spazio del carbonio, il sostegno alle misure di mitigazione e adattamento e la costruzione della resilienza, la mobilitazione dei finanziamenti, il trasferimento di tecnologia e l’importanza della sostenibilità. stili di vita per un ambiente verde. e crescita complessiva.

Alti funzionari del governo hanno dichiarato a News18 che, sebbene non vi sia alcuna decisione dell’India sulla questione delle “emissioni nette zero”, il concetto in questione ritarda l’azione per il clima da parte dei paesi sviluppati ed è utilizzato per eludere la responsabilità storica e spostare gli oneri sui paesi in via di sviluppo come l’India.

Leggi anche: ESCLUSIVO | L’India avanza per la giustizia climatica, crediti verdi alla COP26, lancia il proprio Climate Tracker

“Il mondo sviluppato era in una posizione privilegiata essendo in primo luogo il più autentico inquinatore”, ha affermato un funzionario. L’India ritiene che paesi come gli Stati Uniti e 28 paesi dell’Unione europea, responsabili rispettivamente del 25% e del 22% delle emissioni storiche, dovrebbero assumersi la responsabilità maggiore ora.

Un funzionario ha affermato che l’India ritiene che l’obiettivo di ridurre le emissioni a zero entro la metà del secolo, come suggerito da alcuni paesi, non sarà sufficiente dato il rapido esaurimento dello spazio globale di carbonio.

Leggi anche: L’inviato britannico afferma che l’India è la massima priorità del Regno Unito negli accordi commerciali, elogia gli ambiziosi obiettivi climatici del primo ministro Modi

“Tenendo presente la legittima necessità di crescita dei paesi in via di sviluppo, l’India ha esortato i paesi del G20 a impegnarsi a ridurre le emissioni pro capite alla media globale entro il 2030. L’India ha esortato i paesi del G20 a non modificare i propri obiettivi e a stabilire nuovi parametri di riferimento per l’ambizione climatica globale “, ha affermato. Accelererà l’azione sui cambiamenti climatici solo quando ci sarà un sostegno sufficiente dai paesi sviluppati attraverso la finanza e la tecnologia.

L’India ha già ottenuto una riduzione delle emissioni del 28% rispetto ai livelli del 2005, contro l’obiettivo del 35% entro il 2030 fissato nei suoi contributi determinati a livello nazionale (NDC), afferma l’India alla COP 26.

Cambiare le regole degli obiettivi

Funzionari indiani sottolineano che “mantenere in vita 1,5°C” è diventato il mantra dei paesi sviluppati alla pre-COP26 di Glasgow di quest’anno, ignorando l’obiettivo di 2°C adottato alla COP15 di Copenaghen nel 2009.

Alla COP21 2015 di Parigi, è stato fatto un tentativo di spingere l’obiettivo di temperatura a 1,5°C come preferito rispetto a 2°C. – Zero impegno da parte di tutti, che non è richiesto dall’accordo di Parigi e dalla bandiera alla COP21 nel 2015, “hanno affermato funzionari governativi. L’accordo di Parigi includeva solo una fissazione volontaria di contributi determinati a livello nazionale con l’impegno a promuovere un processo di ‘ambizione’ , che ora i funzionari indiani dicono essere “Una scusa per aumentare la pressione” sui paesi in via di sviluppo.

I funzionari notano inoltre che non si sono verificati impegni finanziari e relativi al meccanismo di trasferimento tecnologico da quando l’impegno finanziario è stato fissato nel 2009 a 100 miliardi di dollari all’anno entro il 2020. “6 anni dopo, la data prevista per la mobilitazione di 100 miliardi di dollari all’anno è stata posticipata al 2025. Ora sviluppato i paesi stanno cercando di porre fine ai negoziati sul finanziamento a lungo termine dopo il 2025. L’India ritiene che ciò abbia lo scopo di spostare l’onere sulle economie in via di sviluppo come l’India, ha affermato il funzionario.

Leggi tutti i file ultime notiziee Ultime notizie e Notizie sul coronavirus Qui. Seguici Sito di social network Facebooke Twitter e cavo.

READ  Hiroshima Day 2021: Storia, significato ed effetti del bombardamento atomico della seconda guerra mondiale | notizie dal mondo
Baldovino Fiorentini

"Scrittore impenitente. Appassionato di bacon. Introverso. Malvagio piantagrane. Amico degli animali ovunque."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Randall Cope si avvicina alla frizione nella zona rossa
Next Post Tempesta solare: la NASA avverte di un “grande” bagliore che colpisce la Terra: “Colpo diretto ad Halloween” | scienza | Notizia