Perché l’India dovrebbe riconsiderare la sua dieta a base di iodio dopo la pandemia?

Nuova Delhi: il programma indiano di iodizzazione del sale universale (USI) è spesso considerato tra le storie di salute pubblica di maggior successo, ma l’impatto della pandemia di COVID-19 ha costretto le autorità e gli esperti di salute pubblica a riconsiderare le strategie.

Con l’epidemia che imperversa nel paese da quasi 16 mesi, insieme ad altri programmi governativi, sono stati colpiti anche gli schemi del sale e dello iodio. “C’è bisogno di un’indagine sulla prevalenza a livello nazionale per stimare il contenuto di iodio di tutti gli alimenti indiani in tutti gli stati”, ha affermato A. Laxmaiah, scienziato generale e capo della nutrizione della salute pubblica, Consiglio indiano per la ricerca medica (ICMR).

Il governo centrale ha recentemente chiuso l’Office of the Salt Commissioner, che secondo i funzionari avrà ripercussioni di vasta portata per il raggiungimento del 100% di copertura USI.

La carenza di iodio è una delle principali cause di danni cerebrali a livello globale. I medici affermano che i bambini nati in aree con carenza di iodio hanno tassi più elevati di ipotiroidismo neonatale, sottopeso, scarsa crescita, difficoltà di apprendimento, ritardo mentale, difetti motori, disturbi dell’udito e della parola e un basso quoziente intellettivo. La carenza di iodio prenatale è stata associata a esiti ostetrici avversi tra cui aborto spontaneo, natimortalità e morte neonatale.

L’India è stato uno dei primi paesi al mondo ad avviare un programma di iodizzazione del sale nel 1962. L’Indian Iodine Survey 2018-19, pubblicato dall’International Nutrition Organization, era uno studio nazionale per stimare lo stato di iodio di una popolazione e valutarne l’impatto degli indiani su iodio. Le famiglie hanno sale iodato adeguato.

READ  Il divario di dieci mesi tra le dosi di AstraZeneca vede il più alto aumento degli anticorpi: studio di Oxford

L’indagine, condotta in collaborazione con All India Institute of Medical Sciences, New Delhi, Indian Alliance Society for Control of Iodine Deficiency Disorders e Kantar, ha mostrato che il 76,3% delle famiglie indiane consuma sale iodato (o sale con più o uguale a 15 ppm). di iodio) secondo le linee guida dell’OMS. I risultati supportano la necessità di sostenere e intensificare gli sforzi per raggiungere la iodizzazione del sale (USI), ovvero il 90% delle famiglie che consumano sale iodato.

Lo iodio è un micronutriente vitale che è regolarmente necessario in piccole quantità per uno sviluppo mentale e fisico ottimale. La carenza di iodio è più dannosa durante lo sviluppo fetale e nei primi anni di vita di un bambino e può portare a una crescita stentata e a un danno mentale. I bambini nati in aree con carenza di iodio possono avere fino a 13,5 punti QI inferiori rispetto a quelli nati in aree con sufficiente iodio.

“Il compito non è ancora terminato ed è necessario continuare il programma per raggiungere il 100% di copertura del sale adeguatamente iodato. Tenendo conto dei moderni modelli dietetici delle famiglie indiane medie, è necessario garantire che anche l’industria alimentare trasformata utilizza sale iodato”, ha affermato Rajan Shankar, Senior Adviser, Tata Trusts.

I casi di ipertensione in India hanno attirato l’attenzione di esperti di tutto il mondo, poiché il paese esamina strategie per ridurre il sale e l’ipertensione. I medici affermano che ridurre l’assunzione di sodio tramite il sale può ridurre le possibilità di sviluppare la pressione alta del 30%. L’adulto indiano medio consuma circa 11 grammi di sale al giorno mentre l’Organizzazione Mondiale della Sanità raccomanda 5 grammi al giorno. La 30a coalizione nazionale per l’assunzione ottimale sostenibile di iodio (NCSOII) ospitata dall’Associazione indiana per il controllo dei disturbi da carenza di iodio (ICCIDD) ha visto la partecipazione di molte parti interessate nazionali e internazionali e di coloro che lavorano nel settore privato, tra cui agenzie governative, agenzie di sviluppo, società civili ecc. La coalizione ha sollevato diverse questioni relative al programma.

READ  È chiaro che gli Stati Uniti hanno fallito la loro missione in Afghanistan, afferma Hamid Karzai

“È necessario implementare interventi a basso contenuto di sodio a livello di popolazione che includano abitudini alimentari, gusto, funzionalità, disponibilità, costi e sicurezza”, ha affermato Bhauna Sharma, responsabile nazionale di Resolve to Save Lives.

partecipazione a Newsletter alla menta

* Inserisci un’email disponibile

* Grazie per esserti iscritto alla nostra newsletter.

Non perderti nessuna storia! Rimani connesso e informato con Mint. Scarica subito la nostra app!!

Baldovino Fiorentini

"Scrittore impenitente. Appassionato di bacon. Introverso. Malvagio piantagrane. Amico degli animali ovunque."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Post Julia Roberts posa per una rara foto del 19° anniversario con il marito Daniel Motor
Next Post Diretta Euro 2020: Inghilterra-Danimarca, le ultime news e la preparazione alle semifinali di Italia-Spagna