Perché la Business Process Intelligence crea agilità

L’imprevedibilità degli ultimi due anni ha confermato e scosso il progetto Priorità della trasformazione digitale E fai domande su come le aziende pensano alla resilienza e alla resilienza futura.

Quella che potrebbe sembrare una buona idea nel 2019 potrebbe non avere senso oggi, ma in che modo le aziende affrontano davvero ciò che funziona e cosa no, soprattutto con così tanti fattori esterni che influenzano il processo decisionale e le prestazioni aziendali? In che modo le organizzazioni possono utilizzare i dati aziendali in modo più intelligente per migliorare l’accuratezza del processo decisionale?

Per molte aziende, la risposta sta nei processi stessi. Come sottolinea Andy Watts, Senior Director presso la società di consulenza gestionale BearingPoint, “Le operazioni commerciali sono al centro di ogni azienda perché forniscono una struttura per come vengono prodotte le merci e come funzionano i servizi”.

Aggiunge che c’è un processo dietro tutto ciò che fa l’organizzazione, che si tratti di acquistare, vendere, pagare, raccogliere, spedire, ecc. “Quindi, quando le operazioni stanno andando meglio, l’azienda sta andando meglio e i servizi e le merci per i clienti possono essere migliorati”.

Naturalmente, il buon senso impone che può accadere anche il contrario e che le operazioni di un’organizzazione possono minare le prestazioni. Mentre la Business Process Intelligence (BPI) è un modo per scomporre i processi nei loro elementi essenziali, per cercare di comprendere le complessità e gli errori nelle funzioni quotidiane di un’organizzazione, è anche la chiave per trovare miglioramenti e vantaggio competitivo .

BPI è “parte integrante della trasformazione aziendale”, afferma Jero Decker, direttore generale di SAP Business Process Intelligence e cofondatore di Signavio.

Per Dan Johnson, direttore dell’automazione di Future WorkForce, una società di consulenza per l’intelligenza artificiale (AI) e l’automazione dei processi robotici (RPA), il process mining aiuta le organizzazioni a scoprire e migliorare le prestazioni delle loro operazioni, ad esempio, identificando i colli di bottiglia dei processi.

Come funziona? Cosa può fare la funzione di mining nelle operazioni aziendali?

“Se implementato correttamente, il processo di mining riduce i costi e migliora Accordi sul livello di servizio (SLA) e consentendo ai team di risolvere rapidamente le inefficienze”, afferma Johnson. Il process mining combina la scienza dei dati e l’analisi dei processi per estrarre i dati dai sistemi informativi. Ad esempio, ERP [enterprise resource planning] e CRM [customer relationship management] Strumenti, Crea registri eventi con ogni transazione che forniscono un audit trail per i processi. Questo mostra quale lavoro viene svolto, quando e da chi.

Il software di process mining utilizza quindi queste informazioni per creare un “modello” del processo. Ciò consente di esaminare il processo dall’inizio alla fine, mostrando i passaggi dettagliati effettuati e le eventuali differenze”.

Johnson aggiunge che integrato apprendimento automatico I modelli possono quindi aiutare a fornire informazioni su qualsiasi causa alla radice delle deviazioni. Ad esempio, potrebbe indicare che ogni volta che un nuovo cliente ha bisogno di una prova di indirizzo, il processo rallenta. Questi modelli consentono al management di sapere se le sue operazioni stanno funzionando in modo efficiente o meno, forniscono le informazioni necessarie per migliorarle.

READ  Aspettando il wifi: il digital divide in Italia

Usare Tibco in Invitalia

È esattamente il tipo di processo che Invitalia, un’agenzia governativa con sede a Roma per gli investimenti interni e lo sviluppo del business. Per aumentare l’efficienza e lavorare in modo più intelligente con le iniziative di finanziamento e per diventare più innovativo nel suo approccio per alimentare l’economia italiana, Invitalia ha voluto rivalutare e migliorare le sue operazioni aziendali complessive.

Molti dei suoi sistemi operativi, tra cui la gestione delle relazioni con i clienti (CRM), la pianificazione delle risorse aziendali (ERP), la gestione del capitale umano (HCM) e il sistema di gestione dei contenuti (CMS), dovevano lavorare insieme in modo più efficiente, ma capire come identificare i problemi e concentrarsi i suoi sforzi richiedono un profondo livello di analisi. L’obiettivo era quello di risparmiare tempo significativo, aumentare la scalabilità e iniettare maggiore raffinatezza e obiettività nel processo decisionale.

Invitalia ha collaborato con TEPCO Utilizzare la tecnologia di process mining e una piattaforma di intelligence connessa per l’analisi. Secondo Mario Ettore, Head of Data and Analytics di Invitalia, l’organizzazione ha implementato l’analisi visiva come livello di front-end per le scoperte di process mining.

Osservando il numero di richieste di finanziamento gestite, Invitalia ha verificato i tempi di completamento ed ha eseguito un’analisi dei costi basata sui processi per rimuovere le inefficienze nascoste e migliorare l’intero processo di gestione degli ordini.

Ettorre afferma che scoprendo e risolvendo le inefficienze, Invitalia è stata in grado di migliorare l’esecuzione dei processi aziendali, inclusi approvvigionamento, gestione del denaro e supporto del service desk. Attraverso i modelli di processo, acquisisci una comprensione di ogni potenziale percorso o variabile in un processo e sei maggiormente in grado di valutarne con precisione le prestazioni.

“Abbiamo visto il quadro generale sfruttando le nostre fonti di dati interne ed esterne utilizzando Invitalia Knowledge Lake per la scoperta della conoscenza, accelerando i processi aziendali e il processo decisionale e fornendo maggiori informazioni anche ai nostri cittadini e operatori interni”, afferma Ettore. “Integrando questi dati nei sistemi operativi, possiamo prendere le decisioni migliori, prevedere la prossima azione migliore e creare ciò che chiamiamo intelligenza operativa aumentata”.

Concentrarsi sulla pandemia

Per molte organizzazioni, la pandemia di Covid-19 ha messo a dura prova il lavoro. Ha esposto i problemi principali e continua ad avere un impatto sulla continuità aziendale.

Per Jimmy Anderson, chief revenue officer della società software-as-a-service (SaaS) di San Jose Xactly, la pandemia ha esacerbato la mancanza di collaborazione e set di dati disparati, mettendo in luce le debolezze nei piani aziendali e di trasformazione.

“Se i numeri e la pipeline sono solidi, l’azienda dovrebbe essere in grado di vedere dove si trova la domanda”, afferma Anderson. “Per questo motivo, i dati sono la risorsa più preziosa e unica disponibile per ogni azienda. Quando si pianificano le vendite senza utilizzare i dati, i leader devono fare ipotesi su quanto tempo impiegheranno i rappresentanti per chiudere un affare, tassi di abbandono e tempo per assumere sostituzioni.

“Poiché l’inesattezza di ogni ipotesi è elevata, lo spazio cumulativo per l’errore è enorme. Perché i leader aziendali dovrebbero indovinare, quando invece possono prendere decisioni efficaci, rapide e accurate che hanno maggiori probabilità di produrre i risultati desiderati?”

Spesso, le aziende si concentrano sui ricavi grezzi quando un approccio di revenue intelligence è fondamentale. Questo approccio significa che le organizzazioni possono combinare dati strutturati e non strutturati per creare un quadro più ampio e una visione completa della pipeline di vendita, attingendo a informazioni provenienti da tutta l’azienda per valutare lo stato di salute degli account.

“Si tratta di trasformare le entrate in entrate intelligenti e intelligenti”, aggiunge Anderson. Per fare ciò, le aziende devono conoscere continuamente i propri clienti e i propri modelli di acquisto e aggiungere valore per aumentare l’utilizzo del software. Per questi e altri punti, il data mining è tuo amico”.

Watts di Bearing Point concorda sul fatto che la pandemia abbia scosso un po’ le cose, con un futuro che ora sembra molto diverso dal recente passato. I processi devono svilupparsi rapidamente e, in molti casi, in modo inefficace. Trovare soluzioni rapide è stato molto buono, ma senza la flessibilità del modello e la capacità di visualizzare e rivedere in tempo reale, le organizzazioni giocheranno sempre al passo.

“Ciò richiede una tecnologia che fornisca raccomandazioni basate sui risultati aziendali che mostrino chiaramente l’impatto delle decisioni esecutive sul team e sui suoi obiettivi, considerando l’interdipendenza complessiva”, afferma Watts. “Questa soluzione deve anche garantire che le informazioni siano allineate all’interno dell’organizzazione, in modo che la conoscenza fluisca con il minimo attrito”.

Watts aggiunge che una tale soluzione basata sui risultati può essere creata attraverso una combinazione di processo di estrazione Tecnologia, automazione e intelligenza artificiale. La base del core process mining fornisce il contesto di lavoro necessario all’intelligenza artificiale per apprendere le sfumature e le sottigliezze che influiscono sugli obiettivi aziendali, per rilevare gli attriti e per intraprendere azioni intelligenti per eliminare attività e decisioni ripetitive. I leader aziendali possono quindi fissare obiettivi e monitorare le prestazioni, grazie a dati in tempo reale che consentono loro di prendere decisioni informate.

“Le aziende che sfruttano una mentalità di miglioramento dei processi e gli strumenti associati sono in grado di identificare più facilmente le lacune e i cambiamenti nel mercato e nelle loro operazioni e sono in grado di riorganizzare le proprie attività per soddisfare questi requisiti”, afferma Watts.

“Invece di prendere decisioni basate solo sull’intuizione o su mosse arbitrarie per l’azione diretta, l’organizzazione ora sa esattamente quali processi modificare e tecnologia su cui investire”, aggiunge. “Ciò consente loro di stare al passo con la concorrenza, rispondendo al cambiamento del comportamento dei clienti e delle condizioni aziendali rapidamente e dopo aver esaminato i risultati”.

Il governo bavarese usa Pega per l’agilità epidemica

Tuttavia, la pandemia ha anche iniziato a innovare e cambiare rapidamente, cosa che non sarebbe stata possibile senza la capacità di estrarre rapidamente i dati e trovare rapidamente soluzioni nelle operazioni.

Il lavoro di Pega con il governo bavarese nel 2020 ne è un buon esempio, poiché il ministero bavarese degli affari economici e T-Systems hanno collaborato con Pega per sviluppare un sistema di applicazione remota in soli cinque giorni. Le aziende che hanno richiesto il sostegno del governo durante la pandemia possono richiedere finanziamenti tramite un sistema remoto che consente anche approvazioni e pagamenti in tempi record.

L’uso della tecnologia AI e RPA per abilitare e analizzare le operazioni di mining diventerà più intenso, e non solo per necessità (secondo Watts di BearingPoint, Celonis ha riferito che lo scorso anno sono stati generati 64ZB (zettabyte) di dati e che questo salirà a 680ZB in 10 anni), ma anche per accuratezza e complessità.

Mentre le organizzazioni cercano di prepararsi per un futuro sconosciuto e di sviluppare resilienza e resilienza, dovranno aumentare la precisione e l’automazione.

La carenza di competenze sta solo crescendo, quindi la necessità che i processi principali siano efficienti e, ove possibile, automatizzati, diventa ancora più importante. Capire dove effettuare queste chiamate, ovviamente, richiede intelligenza operativa. Trovare l’efficienza decidendo cosa dovrebbe essere automatizzato e cosa non dovrebbe essere automatizzato determinerà la redditività delle organizzazioni per la crescita futura.

Questo è ciò che il cliente Blue Prism Mass General Brigham, una delle principali organizzazioni di ricerca biomedica negli Stati Uniti, ha scoperto quando ha aiutato i dipendenti a rifocalizzarsi sul lavoro clinico introducendo l’automazione nelle loro operazioni. Utilizzando l’intelligenza di processo per identificare e mantenere le opportunità di automazione, il lavoro amministrativo del Mass General Brigham è ora svolto da lavoratori digitali, lasciando ai dipendenti ciò che sanno fare meglio: prendersi cura dei pazienti. Ed è qui che la maggior parte delle organizzazioni vuole essere, concentrandosi chiaramente sulle competenze chiave e quindi sull’efficienza e la competitività.

Anche se potrebbe non essere la soluzione ai disturbi di tutti, il business process mining è sicuramente uno degli strumenti principali per comprendere lo stato attuale delle aziende e dei servizi. Dati i disordini degli ultimi due anni, la catena di approvvigionamento in corso e le sfide socio-economiche in tutto il mondo, c’è qualcosa da dire a riguardo.

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post L’attore di “General Hospital” Ingo Rademacher è stato criticato per il tweet transfobico – Scadenza
Next Post Amazon aggiunge l’opzione di pagamento Venmo del prossimo anno – Tech Crunch