Perché il capo della pallavolo del Wisconsin Dana Ritke ha scelto di firmare con una squadra di professionisti in Italia | scuola di pallavolo

Da lì, ho lasciato in gran parte a Partucci il compito di ordinare i diversi spettacoli per trovare ciò che funziona meglio per lei. Ferro Volli Monza, alle porte di Milano, si è distinto su tutti i fronti.

“Penso che abbiano avuto un grande interesse fin dall’inizio”, ha detto Ritke. “Abbiamo un po’ rotto e hanno un giocatore davvero eccezionale e la squadra sta facendo davvero bene. Ora sono terzi in Serie A, il che è davvero impressionante. Sono un gruppo forte e talentuoso”.

La posizione di Monza è un bonus, in quanto è il terreno di casa per la compagna di squadra UW Giorgia Civita, che ha già fornito alcune informazioni di base e ha una lunga lista di contatti per Rettke, compresa la sua famiglia a Milano.

“È così entusiasta che io vada nella sua città natale in pratica”, ha detto Ritke. “Si assicura che tutti sappiano che sono sua sorella e che mi prendo cura di lei lì”.

I piani di viaggio di Rettke stavano ancora prendendo forma ma lei prevede di essere in Italia entro martedì.

Ma prima di partire ha fatto un ultimo viaggio a Madison questa settimana per mettere in valigia il resto delle sue cose, fermandosi all’ufficio di pallavolo per vedere l’allenatore Kelly Sheffield e l’assistente Gary White e fare i tour per visitare gli amici.

“È stato fantastico passare 36 ore a Madison, provare tutte le emozioni e salutare”, ha detto Ritke. “Sono molto soddisfatto della chiusura che ho dovuto affrontare e ora è il momento di passare a cose più grandi e migliori”.

READ  Meloni neofascista in discussione come capo del governo italiano
Ravenna Bianchi

"Esperto di tv estremo. Fanatico della birra. Amichevole fan del bacon. Comunicatore. Aspirante esperto di viaggi."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Razer presenta la maschera Razer Zephyr Pro con altoparlante al CES 2022
Next Post Gli scienziati hanno assistito per la prima volta al dolore della morte della stella gigante rossa