Perché i Warriors sono stati la prima squadra sportiva professionistica ad entrare nella NFT

Quando Brandon Schneider, chief revenue officer di Warriors, ha iniziato a esplorare il Top Shot dell’NBA alcuni mesi fa, ha pensato ai pomeriggi della sua infanzia trascorsi a comprare e scambiare carte sportive.

Non c’era niente come aprire un pacco e trovare un’ambita tessera di apprendista. Ma più Schneider ha imparato a conoscere NBA Top Shot, più si è reso conto che la piattaforma basata su blockchain offriva la stessa eccitazione delle carte sportive senza molte sfide logistiche.

Piuttosto che dover trovare qualcuno che valutasse la carta reale e un posto sicuro in cui conservarla, Schneider sapeva esattamente quanto valeva ogni carta virtuale – un breve video clip di un giocatore NBA noto come “momento” – e poteva adattarsi al suo computer. Questa consapevolezza lo ha fatto pensare: forse i token non fungibili (NFT), le risorse convalidate con la tecnologia blockchain dietro NBA Top Shot, potrebbero fornire un’esperienza di raccolta unica per i fan di Warriors.

Quando Golden State ha lanciato martedì la sua collezione di token non fungine che commemora i sei campionati NBA della squadra e ospita oggetti da collezione per i suoi giochi più iconici, è diventata la prima squadra sportiva professionale ad avventurarsi in uno spazio digitale che ha guadagnato trazione nel mercato dell’arte. Con il valore delle criptovalute che raggiunge livelli record, gli NFT – che rendono le opere d’arte digitali uniche e quindi vendibili – vengono acquistati e scambiati a prezzi sorprendenti.

Secondo il rapporto annuale di Nonfungible.com, il valore di mercato di NFT è aumentato di quasi il 300% nel 2020, quando il suo valore era stimato a oltre $ 250 milioni. I primi quattro mesi del 2021 hanno visto una serie di accordi a sette e otto cifre, tra cui NFT dell’artista Mike Winkelman – noto anche come Beeple – che è stato venduto a marzo per $ 69,3 milioni.

READ  La veterana italiana Camila Giorgi termina la corsa (e la camminata) di Coco Gauff al National Bank Open

Il pezzo, “Everyday – First 5,000 Days”, è una raccolta di tutte le immagini che Beeple pubblica su Internet ogni giorno dal 2007. Ciò che ha reso il suo prezzo così sorprendente per alcuni è che il suo acquirente ha ricevuto nient’altro che un file JPEG di opere d’arte , centinaia di megabyte di grandi dimensioni, con l’esistenza di NFT testimonia che si trattava della copia digitale originale.

L’aggiudicatario non ha ottenuto il diritto d’autore, né l’accesso esclusivo ad esso. Chiunque disponga di una connessione Internet può scaricare “Everyday – First 5000 Days” gratuitamente. Ma anche se il contenuto sarebbe lo stesso, non sarebbero in grado di dire di possedere la cosa reale che può essere verificata. Il fatto che le persone siano disposte a pagare un sacco di soldi per un file multimediale verificato da blockchain è stato un argomento di preoccupazione, ma Schneider non lo trova diverso da qualsiasi altro tipo di vendita.

“È come una carta da baseball o una carta da basket”, ha detto Schneider, che a luglio diventerà presidente e chief operating officer di Warriors. “Puoi andare a prendere una copia del fronte e del retro della carta da basket, e va bene. Hai tutte le informazioni, ma questo non ha valore. È la stessa carta che ha valore.”

Ravenna Bianchi

"Esperto di tv estremo. Fanatico della birra. Amichevole fan del bacon. Comunicatore. Aspirante esperto di viaggi."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Sottolineando la diplomazia, Biden afferma di non essere alla ricerca di conflitti con Cina e Russia
Next Post Gli Stati Uniti stanno affrontando un surplus di vaccino COVID-19 a causa del rallentamento della domanda