Perché essere ‘Nature Positive’ è la chiave del nostro futuro

Di recente i leader del G7 annunciare Che “il nostro mondo non deve solo diventare net-zero, ma anche la natura deve diventare positiva, a beneficio sia delle persone che del pianeta”.

Questo rappresenta un vero cambiamento di paradigma nel modo in cui paesi, aziende, investitori e consumatori vedono la natura. In passato, il motto di un numero crescente di leader ispiratori era ridurre al minimo i danni, ridurre l’impatto e camminare con leggerezza nel nostro mondo. Naturalmente, questo slogan è ancora valido.

Ma ora una nuova visione del mondo sta prendendo piede: “La natura è positiva”. Questo chiede: e se andassimo oltre i limiti del danno? E se le nostre attività economiche non solo riducono l’impatto, ma migliorano anche gli ecosistemi?

Un approccio positivo alla natura arricchisce la biodiversità, immagazzina carbonio, purifica l’acqua e riduce il rischio di epidemie. In breve, un approccio positivo alla natura migliora la resilienza del nostro pianeta e delle nostre società.

La natura è positiva idea dirompente. Ci costringe a pensare in modo diverso al nostro posto nel mondo. È una destinazione per l’umanità. È il fondamento del buon governo, di società stabili a lungo termine e di economie sane. È una filosofia che valorizza il nostro futuro comune. È un nuovo modello di business basato su rigenerazione, flessibilità e ricircolo, non distruzione e inquinamento.

L’obiettivo positivo della natura non è un sogno che si avvera per molte generazioni da oggi: è un obiettivo per il prossimo decennio. È sempre più importante.

L’agricoltura, il bracconaggio, l’estrazione mineraria e la deforestazione hanno raggiunto un livello che riduce la resilienza della biosfera, il sottile velo sulla superficie terrestre dove prospera la vita. Circa la metà della terra abitabile della Terra è utilizzata per l’agricoltura, risultando nella più grande singola fonte di gas serra e distruzione dell’ecosistema nel mondo. confini planetari, creando una duplice emergenza natura ed emergenza climatica.

READ  Il LIC è il decimo marchio assicurativo più prezioso e il terzo marchio più forte al mondo

Un approccio di natura positiva contribuisce alla soluzione di entrambi. In sostanza, l’obiettivo è fermare e invertire la distruzione della natura entro il 2030 con il pieno recupero della biosfera resiliente entro il 2050.

Lo slancio per una stella guida positiva della natura sta crescendo di giorno in giorno. Oltre al G7, 88 capi di Stato hanno firmato il I leader si impegnano per la natura ال Invertire la perdita di biodiversità entro il 2030. È anche un obiettivo sostenuto da 126 premi Nobel in Il nostro pianeta, la nostra dichiarazione futura. più di 700 aziende Ha invitato le nazioni a invertire la perdita della natura il prima possibile. Nel nuovo settore finanziario Nature Financial Disclosure Task Force Aiuterà a indirizzare gli investimenti verso un futuro favorevole alla natura. I leader della fede e dei giovani hanno rilasciato dichiarazioni chiedendo che questo decennio sia un punto di svolta verso la vita in armonia con la natura.

La natura positiva è un’idea destabilizzante. Ci costringe a pensare in modo diverso al nostro posto nel mondo. È una destinazione per l’umanità.

La natura positiva è ora un movimento. Questo ha senso per gli affari. Il Il futuro della natura e degli affari Il rapporto stima che l’economia positiva della natura potrebbe sbloccare $ 10 trilioni di opportunità commerciali trasformando le tre economie responsabili di quasi l’80% delle perdite naturali: cibo; Infrastruttura; ed energia.

Ma cosa significa in pratica natura positiva? Questo obiettivo dovrebbe includere obiettivi pertinenti e attuabili che catturino la complessità e l’interdipendenza della natura dai geni agli ecosistemi. Avrai bisogno di obiettivi per migliorare la resilienza dei processi di supporto alla vita: i cicli di acqua, azoto, carbonio e fosforo, solo per citarne alcuni. E deve essere giusto. Senza una gestione equa dei beni comuni globali, non avremo successo.

READ  Rotich ora rivendica due pesi e due misure nella questione delle dighe

L’obiettivo di Nature’s Positive integra l’obiettivo climatico globale concordato di zero emissioni nette entro il 2050. Per raggiungere questo obiettivo, dobbiamo dimezzare le emissioni entro il 2030. Ma come dimostra la scienza del clima, ciò non sarà sufficiente. L’unico modo per mantenere la linea di 1,5°C è ridurre contemporaneamente le emissioni, proteggere i serbatoi naturali di carbonio e trasformare l’agricoltura da una delle maggiori fonti di gas serra in un deposito vitale di carbonio.

Ciò significa che lo scopo positivo della natura non è solo necessario e utile in sé; Per noi è un prerequisito avere qualche possibilità di attuare l’accordo di Parigi sul clima. Ma qualsiasi definizione della natura positiva della “rete” deve affermare chiaramente che le aziende e i paesi non possono distruggere la natura in un luogo e ripristinare in un altro. Questo semplicemente non è accettabile e sarebbe suscettibile di critiche al “greenwashing”.

Ciò significa che i governi, le città e le imprese devono sapere cosa misurare. Gli obiettivi scientifici del percorso positivo per la natura sono ancora oggetto di un intenso dibattito. Ad oggi, gli obiettivi quantitativi proposti sono i seguenti: zero perdite per la natura dal 2020 in poi, natura positiva entro il 2030 e pieno recupero entro il 2050.

Un passo importante per raggiungere questo obiettivo è l’obiettivo di proteggere il 30 percento della nostra terra e dei nostri oceani entro il 2030. Il Gruppo dei sette paesi industrializzati si è impegnato a raggiungere questo obiettivo, aprendo la strada a un accordo internazionale entro la fine dell’anno a Kunming, in Cina, quando incontrarsi per concordare Obiettivi per la tutela della biodiversità nell’ambito della Convenzione delle Nazioni Unite sulla Diversità Biologica.

I leader si incontreranno di nuovo a Glasgow a novembre per il vertice sul clima COP26. Qui, la leadership della COP26 sotto i governi del Regno Unito e dell’Italia è impegnata a mettere la natura allo stesso livello del clima, guidata dal quadro positivo per la natura.

READ  Recovery: CDP rafforza la cooperazione con i partner Ue - Gorno - Economia

Gli stati-nazione sono solo una parte del quadro. Anche le imprese, gli investitori e le città devono abbracciare obiettivi positivi per la natura. All’interno della Global Commons Alliance, che rappresentiamo, rete di obiettivi scientifici (SBTN) sta accelerando questo processo. Le aziende possono già aderire a SBTN per prepararsi a fissare obiettivi per la natura sulla base di un semplice processo in tre fasi: scoprire il suo impatto; sviluppare il proprio modello di business per essere positivo per la natura; e monitorare i loro progressi. SBTN prevede anche di sviluppare strumenti anche per le città.

Data la complessità, rimane lo scetticismo scientifico riguardo ad alcuni degli obiettivi esatti per raggiungere obiettivi così audaci, dalle aziende ai paesi. Questa non è una scusa per l’inazione. Gli obiettivi devono essere sufficientemente flessibili da evolvere man mano che emergono nuove informazioni scientifiche.

All’interno della Global Commons Alliance, abbiamo creato Comitato della Terra Earth per fare esattamente questo. Combina competenze leader a livello mondiale per definire per la prima volta un “Passaggio sicuro ed equo per l’umanità”. Presenterà le sue conclusioni nel 2022, ma nel frattempo abbiamo informazioni sufficienti per agire ora e creare un futuro positivo per la natura.

Contribuiscono anche a questo rapporto: Diane Panino-Holdorf, amministratore delegato per l’alimentazione e la natura, World Business Council per lo sviluppo sostenibile; Carlos Manuel Rodriguez EchandiPresidente e CEO della Global Environment Facility; Marco Lambertini, Direttore Generale del Fondo Mondiale per la Natura; Naoko Ishi, un dirigente senior presso Mitsubishi Chemical; Johan RockstromDirettore dell’Istituto di Potsdam per la ricerca sull’impatto climatico; E il Nigel topCampione dell’azione per il clima di alto livello per la COP26.

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post AEW: Jim Ross risponde dopo aver offerto “WWE Dynamite”
Next Post Chi è stato hackerato e chi è stato hackerato: la lista della USMNT Gold Cup di Breaking Holder