Per superare il limite critico di aumento della temperatura nei prossimi 20 anni, tutte le regioni dovranno affrontare conseguenze disastrose: il Gruppo intergovernativo di esperti sui cambiamenti climatici | Notizie dall’India

Nuova Delhi: in un momento in cui il mondo sta compiendo sforzi per mantenere l’aumento medio della temperatura globale entro 1,5°C entro la fine del secolo, unIl Gruppo intergovernativo di esperti sui cambiamenti climatici (IPCC) lunedì ha lanciato una piccola bomba nel suo nuovo rapporto, prevedendo che la temperatura globale dovrebbe raggiungere o superare 1,5°C di riscaldamento nei prossimi 20 anni in tutti gli scenari.
La situazione potrebbe, come previsto, portare a un aumento degli eventi di ondate di calore, stagioni calde più lunghe, stagioni fredde più brevi e aumento del livello del mare più rapido a livello globale con l’India che sperimenta effetti simili nelle sue varie regioni, nonché eruzioni più frequenti dei laghi glaciali nell’Himalaya . .

Il Gruppo intergovernativo di esperti sul cambiamento climatico (IPCC) che valuta per la prima volta la scienza alla base del cambiamento climatico ha presentato una “valutazione regionale più dettagliata del cambiamento climatico” (in 11 regioni in tutto il mondo) che aiuterà a valutare i rischi e ad adottare le misure di adattamento necessarie.
Sebbene il rapporto non abbia valutato i dettagli specifici della città durante la proiezione degli impatti urbani futuri, la previsione di un aumento più rapido del livello del mare potrebbe vederne l’impatto sotto forma di inondazioni costiere nella parte inferiore della vasta costa punteggiata di 7.517 chilometri dell’India. Con grandi città costiere come Mumbai, Chennai, Kochi, Kolkata, Surat e Visakhapatnam.

“Per le città, alcuni aspetti del cambiamento climatico possono essere amplificati, incluso il calore (perché le aree urbane sono solitamente più calde delle aree circostanti), le inondazioni dovute a forti piogge e l’innalzamento del livello del mare nelle città costiere”, afferma il rapporto.
Rapporto degli autori (scienziati) – Cambiamento climatico 2021: A Le basi delle scienze fisiche – Approvato da 195 governi membri, compresa l’India, tuttavia, credono ancora che “riduzioni forti e sostenute delle emissioni di anidride carbonica (CO2) e altri gas serra” limiterebbero il cambiamento climatico raggiungendo le emissioni “zero” entro la metà del secolo.
La stabilizzazione del clima richiederà riduzioni forti, rapide e sostenibili delle emissioni di gas serra e l’accesso a emissioni nette di anidride carbonica pari a zero. Ridurre i gas serra e altri inquinanti atmosferici, in particolare il metano, potrebbe avere benefici sia per la salute che per il clima». Panmao Chai, copresidente del gruppo di lavoro del Gruppo intergovernativo di esperti sui cambiamenti climatici (IPCC) I.
Il rapporto ha sottolineato che il cambiamento climatico sta portando a molteplici e diversi cambiamenti in diverse regioni, che aumenteranno con l’aumento del riscaldamento. Questi includono cambiamenti di umidità, siccità, vento, neve, ghiaccio, aree costiere e oceani.
Ha detto: “Il cambiamento climatico sta intensificando il ciclo dell’acqua. Questo sta portando a forti piogge e inondazioni associate, oltre a siccità più gravi in ​​molte aree… Le aree costiere sperimenteranno un continuo innalzamento del livello del mare per tutto il 21° secolo, contribuendo a frequenti e gravi inondazioni costiere nelle zone pianeggianti ed erosione costiera. Entro la fine di questo secolo potrebbero verificarsi ogni anno eventi precedenti gravi del livello del mare che si verificavano una volta ogni 100 anni.
“Un ulteriore riscaldamento amplificherà lo scongelamento del permafrost, la perdita del manto nevoso stagionale, lo scioglimento dei ghiacciai e delle calotte glaciali e la perdita del ghiaccio marino artico estivo. I cambiamenti negli oceani, tra cui il riscaldamento, le ondate di calore marino più frequenti, l’acidificazione degli oceani e la riduzione dei livelli di L’ossigeno è chiaramente indotto dall’uomo. Questi cambiamenti influenzano sia gli ecosistemi oceanici che le persone che dipendono da essi e continueranno almeno per il resto di questo secolo”.
In risposta ai risultati, il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres ha dichiarato: “Oggi”Rapporto del Gruppo di lavoro 1 del Gruppo intergovernativo di esperti sui cambiamenti climatici È un simbolo rosso dell’umanità. I campanelli d’allarme sono assordanti e le prove sono inconfutabili: le emissioni di gas serra dovute alla combustione di combustibili fossili e la deforestazione stanno soffocando il nostro pianeta e mettendo a rischio immediato miliardi di persone. Il riscaldamento globale colpisce ogni regione della Terra, con molti cambiamenti che diventano irreversibili».
Chiedendo un’azione immediata per affrontare la crisi, ha affermato: “Tutti i paesi, in particolare il G20 e altri importanti emettitori, devono aderire alla Net Zero Emissions Alliance e rafforzare i propri impegni con impegni credibili, concreti e rafforzati. Contributi determinati a livello nazionale e politiche prima della COP26 a Glasgow”.

READ  Spiegato: perché Singapore sta chiudendo le scuole a causa delle preoccupazioni per la variante Covid B.1.617 che colpisce più bambini?

Baldovino Fiorentini

"Scrittore impenitente. Appassionato di bacon. Introverso. Malvagio piantagrane. Amico degli animali ovunque."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Marcus Erickson vola in aria prima di battere il Music City GP
Next Post Date calde: due veicoli spaziali per far volare Venere vicino a Venere