Per gli ucraini all’estero, la guerra ha significato anche il fiorire dell’identità

La star della ginnastica ucraina è saltata sul pavimento di una palestra nel nord Italia al ritmo di una famosa canzone di guerra ucraina, mentre osservava con soggezione dozzine di giovani ragazze italiane.

Evelina Tovoliti, l’istruttrice di ginnastica che ha accompagnato i suoi studenti alla master class, una raccolta fondi per l’Ucraina, si è unita agli applausi fragorosi.

“Non sapevamo che ci fosse un tale primato tecnico nella ginnastica ucraina”, ha detto. “Ora lo vediamo”. “Sono qui”, ha aggiunto.

L’Italia aveva la più grande comunità ucraina dell’Europa occidentale anche prima della guerra, ma l’invasione russa ordinata dal presidente Vladimir Putin e la feroce resistenza ucraina hanno puntato i riflettori sul paese e hanno portato all’emergere di una comunità di cittadini e espatriati ucraini più forte. Un’identità invisibile a molti.

“La nostra gente è stata riscoperta”, ha detto Olina Samoylenko, organizzatrice del corso di ginnastica artistica, nata in Ucraina ma che vive in Italia da 22 anni.

La guerra ha portato l’attenzione globale alla storia, alla politica, alla cultura e persino alla musica pop spesso sconosciuta dell’Ucraina, ma in Italia molti ucraini hanno affermato che la guerra ha anche cambiato il loro rapporto con le loro radici e, talvolta, con il paese in cui vivevano.

Alcuni ucraini hanno detto che in passato si sono trovati spesso a spiegare agli italiani che non erano russi o che non erano musulmani. Ora i milanesi si riuniscono per guardare documentari sugli eroi indipendentisti ucraini, i camerieri servono fiori di zucca ai romani in un ristorante le cui pareti sono decorate con dipinti di un artista ucraino e persino un piccolo villaggio alpino ligure suona la musica di un violinista ucraino.

Mentre gli ucraini in Italia resistevano alle paure, all’impotenza e talvolta al senso di colpa, lo spirito patriottico che alimentava lo spirito combattivo in Ucraina si stava diffondendo nella diaspora del paese, portando un senso di orgoglio in molti qui e il desiderio di fare affari con enti di beneficenza e altri gruppi che aiutano gli ucraini in Italia ea casa.

READ  Accesso alla valutazione del mercato della proprietà intellettuale in Corea del Sud

“Ora mi rendo conto che ci sono molti ucraini”, ha detto Marina Sorina, che vive nella città di Verona, nel nord Italia, da 27 anni e lavora incessantemente nella sua comunità dall’inizio della guerra. “Le persone che hanno rinunciato alla loro identità ucraina si sono fatte avanti”.

La sua associazione ucraina, l’Ucraine Mallows, ha triplicato i suoi membri dall’inizio della guerra. Per la prima volta, la comunità aveva una propria chiesa parrocchiale ortodossa ucraina, con un cappellano rifugiato, nella cripta di una chiesa cattolica vicino alla piazza romana della città.

Per coloro che, come Surena, hanno sempre abbracciato con orgoglio le proprie radici, la guerra ha cementato la loro lealtà nazionale e l’ha resa ancora più forte. Per altri ha portato una nuova consapevolezza.

“Se c’è una cosa che ho imparato da questa situazione, è essere orgogliosa delle mie origini”, ha detto Antonina Bekisch, 18 anni, nata in Italia da genitori ucraini. “Purtroppo, mi ci è voluto così tanto tempo per capirlo.”

Bekesh, che vive anche lei a Verona, ha detto di aver detto in precedenza di essere di origine ucraina solo ai suoi amici più stretti o quando necessario, ma era riluttante a rivelare le sue radici in grandi gruppi o con persone che non conosceva.

“Era questa paura di essere giudicata”, ha detto. “Gli ucraini erano visti come una classe inferiore”.

Gli ucraini hanno iniziato a trasferirsi in Italia alla fine degli anni ’90 per sfuggire alla disoccupazione e all’inflazione nel periodo post-sovietico, ma l’afflusso è aumentato notevolmente negli anni 2000 dopo che i programmi di regolarizzazione in Italia hanno legalizzato i lavoratori migranti, contribuendo a soddisfare la crescente domanda di lavoratori migranti. nell’invecchiamento di quel paese. la società. Dallo scoppio della guerra a fine febbraio, l’Italia ha accolto 150.000 profughi ucraini, molti dei quali si sono uniti a parenti che già vi abitavano.

READ  Una settimana di elezioni e propaganda elettorale

Anche prima dell’invasione, la maggior parte dei 230.000 ucraini in Italia erano donne; Sebbene abbiano un’istruzione superiore alla media degli immigrati non comunitari, la maggior parte lavora con le famiglie per prendersi cura di anziani e bambini, secondo il Ministero del Lavoro italiano.

La nonna di Bekesh è venuta in Italia per lavorare come badante negli anni ’90 perché suo marito era malato e aveva bisogno di soldi. Alcuni anni dopo, i genitori di Bekesh si trasferirono qui per costruire un futuro migliore. Suo padre iniziò a lavorare come venditore in un negozio, per poi aprire la propria azienda vendendo prodotti alimentari dall’Europa orientale.

A differenza dei suoi genitori, Bekes parla con un accento nord italiano senza alcuna traccia di influenza ucraina, che quando temeva di essere stereotipata le ha permesso di evitare di menzionare le sue radici straniere. “Sentivo che mi avrebbero visto in modo diverso”, ha detto dei non ucraini.

La guerra e la resistenza all’Ucraina eliminarono ogni esitazione. Ha iniziato a organizzare, fare volontariato, parlare a folle e giornalisti, i colori dell’Ucraina avvolti intorno al suo collo. “Non aveva davvero intenzione di diventare un’attivista contro la guerra, ma eccoci qui”, si legge nella sua biografia su Instagram, seguita da una bandiera oro e blu.

Serena Parikh, professoressa di filosofia alla Northeastern University di Boston, vedeva la dinamica Bekesh descritta come parte di uno schema più ampio. Sebbene gli ucraini siano sopravvissuti a gran parte del razzismo e della discriminazione vissuta dagli immigrati neri in Europa, ha affermato di dover affrontare molti degli stereotipi affrontati da altri immigrati economici.

“Il bianco è un costrutto sociale”, ha detto. “Questo significa un gruppo socialmente privilegiato. C’è un modo in cui gli ucraini erano un po’ fuori di testa”.

READ  L'Italia presenta il piano di risanamento alla Commissione dell'Unione Europea poco prima della scadenza

Ha detto che la guerra ha cambiato le cose. Molti in tutto il mondo hanno iniziato ad ammirare il coraggio degli ucraini che sono rimasti e hanno combattuto. Questo in qualche modo ha cambiato la percezione che le persone hanno di loro da estranei all’Europa a “uno di noi”.

Samoylenko ha detto di essere sempre stata orgogliosa di essere una “storia di successo” ucraina, con il suo club di ginnastica e di lavorare come allenatrice. Aveva invitato ginnaste ucraine a tenere lezioni in Italia già prima della guerra, ma ora l’interesse è aumentato, ha detto, e la prospettiva è generalmente cambiata.

“Ora quando dici ucraino, non si pensa necessariamente a ‘caregiver’, ma piuttosto a persone che si arrangiano da sole”, ha detto. L’immagine è cambiata.

Marina Chutik, 25 anni, nata in Ucraina ma che vive in Italia da più di 10 anni, sente un desiderio ancora più forte di mostrare il suo orgoglio nazionale. Ora si ritrova a indossare le sue camicie ricamate ucraine nell’hotel di famiglia, dove lavora come receptionist. Prima della guerra, lo faceva solo raramente, di solito, durante le festività religiose che celebrava con altri ucraini.

Ha detto che le magliette stavano “iniziando a diventare trendy”.

Shotyuk ha aderito anche all’Associazione ucraina di Verona creata da Sorina, il quale ha affermato che l’aumento della popolazione ucraina sta contribuendo a un numero crescente di centri culturali, servizi ed eventi incentrati su questa comunità.

Ha detto che anche le percezioni di coloro che sono al di fuori della comunità ucraina stanno cambiando.

“Quando prima dicevi di essere ucraino, ti dicevano: ‘Anche l’aiuto di mia nonna è ucraino”, ha detto Sorina. “Ora ti guardano con rispetto”.

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Post Vaccino contro il vaiolo delle scimmie: dove trovarlo | Notizia
Next Post La più grande banca di Dubai offre ai dipendenti un aumento degli stipendi dovuti all’inflazione