Per gli Stati Uniti, corsa per lasciare l’ambasciata di Kabul a Saigon deja vu

Nuova Delhi: l’ambasciata americana a Kabul testimonierà Saigon, 1975?
I funzionari statunitensi hanno finora escluso la possibilità di un’evacuazione urgente del personale dell’ambasciata di Kabul. Hanno sottolineato che sarebbe stato un problema organizzato. Ma le somiglianze con Saigon sono difficili da perdere.
Ma mentre i talebani si avvicinavano a Kabul, gli Stati Uniti inviarono rapidamente truppe per evacuare il proprio personale diplomatico e migliaia di civili, sia americani che non americani. Qualche migliaio di soldati americani sono già sbarcati a Kabul.
All’operazione di Kabul parteciperanno in totale 3.000 soldati. Un’altra brigata da combattimento composta da 3.500 a 4.000 soldati sarà in attesa in Kuwait.
Sabato, gli elicotteri hanno fatto la spola tra l’aeroporto di Kabul e il vasto complesso diplomatico statunitense nella zona verde fortemente fortificata.
Rivivono i ricordi dell’operazione Vento ripetuto nell’aprile 1975 a Saigon, in Vietnam, un frenetico tentativo di evacuazione all’indomani Esercito del Vietnam del Nord Investire il sud, negli ultimi giorni della guerra del Vietnam.

In questa foto del 30 aprile 1975, il 30 aprile 1975, i residenti locali ammassano i carri armati dell’esercito del Vietnam del Nord mentre prendono posizione vicino al palazzo presidenziale a Saigon, dopo un’ultima battaglia di trincea. (AFP)
Cosa accadde a Saigon nell’aprile 1975
Per quanto riguarda la guerra del Vietnam, i sovietici e i cinesi hanno sostenuto il Nord, mentre il Vietnam del Sud ha sostenuto gli Stati Uniti.
Negli ultimi giorni della guerra, nel marzo 1975, la caduta di Saigon nel Vietnam del Sud sembrava imminente di fronte all’offensiva dell’esercito del Vietnam del Nord. Gli Stati Uniti iniziarono gradualmente a evacuare i diplomatici, le loro famiglie, i loro parenti e i civili, compresi alcuni non americani.
Ma gli Stati Uniti hanno chiaramente calcolato male la rapidità con cui l’esercito del Vietnam del Nord avrebbe potuto invadere il Vietnam del Sud.
Quando una base aerea adiacente all’aeroporto è stata colpita dall’artiglieria il 28 aprile, si è avvertita un’immediata evacuazione. Più di 7.000 persone sono state evacuate in elicottero nel corso di due giorni, compresi molti sfollati direttamente dagli edifici dell’ambasciata.
Gli elicotteri hanno trasportato gli sfollati su navi di stanza in mare. Secondo alcuni rapporti, gli elicotteri hanno iniziato a bloccare i ponti delle navi e alcuni sono stati spinti in mare per consentire ad altri di atterrare. Ai piloti di altri elicotteri è stato chiesto di sbarcare i passeggeri per poi decollare e ammarare in mare, dove sarebbero stati soccorsi.

READ  Il centro afferma che saranno indagati casi relativi a "Pandora's Papers"

In questa foto scattata il 30 aprile 1975, appollaiato su un carro armato, un soldato dell’esercito del Vietnam del Nord (NVA) penetra nel complesso del palazzo presidenziale del Vietnam del Sud il 30 aprile 1975 a Saigon, l’ultima roccaforte del governo del Vietnam del Sud (AFP)
Altre somiglianze
Non sono solo i frequenti voli in elicottero tra l’aeroporto di Kabul e l’ambasciata degli Stati Uniti, ci sono più somiglianze con l’Operazione Saigon.
Migliaia di afgani che hanno lavorato con gli Stati Uniti negli ultimi 20 anni come interpreti o autisti e le loro famiglie stanno cercando di partire il più rapidamente possibile, temendo la punizione dei talebani. Molti di loro cercheranno visti speciali di immigrazione (SIV) per rimanere negli Stati Uniti.
Come a Saigon, possono anche essere ospitati.
Il Pentagono stima che dovrà evacuare circa 30.000 persone prima di completare il ritiro Afghanistan Entro il 31 agosto, la scadenza fissata dal presidente degli Stati Uniti Joe Biden. Un portavoce del Pentagono ha affermato che gli Stati Uniti avrebbero la capacità di trasportare “migliaia al giorno”.
(con input di agenzia)

Baldovino Fiorentini

"Scrittore impenitente. Appassionato di bacon. Introverso. Malvagio piantagrane. Amico degli animali ovunque."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Frio nel fotogramma finale quando le aquile cadono dalle otto
Next Post Avvertimento sull’epidemia di ratti nel Regno Unito: il controllo dei parassiti incolpa la “tempesta perfetta” per i numeri record nelle case | Regno Unito | Notizia