Pegasus Maker afferma che milioni di persone dormono bene la notte grazie a queste tecnologie

Il gruppo NSO ha affermato di avere accesso ai dati raccolti dai suoi clienti (rappresentante)

Gerusalemme:

Tra le polemiche sul programma di sorveglianza Pegasus, la società di sicurezza informatica israeliana NSO Group si è difesa affermando che milioni di persone in tutto il mondo dormono bene la notte e camminano per le strade in sicurezza a causa di queste tecnologie disponibili con l’intelligence e le forze dell’ordine.

La società ha inoltre dichiarato di non utilizzare la tecnologia e di non avere accesso ai dati raccolti dai propri clienti.

Il presunto uso di Pegasus per spiare giornalisti, difensori dei diritti umani, politici e altri in un certo numero di paesi, inclusa l’India, ha sollevato preoccupazioni per la privacy.

Politici, attivisti per i diritti e giornalisti sono stati tra quelli presi di mira con spyware telefonici venduti da società israeliane a vari governi, secondo un consorzio di media internazionali.

Milioni di persone in tutto il mondo dormono bene la notte e camminano in sicurezza per le strade, grazie a Pegasus e tecnologie simili che aiutano l’intelligence e le forze dell’ordine in tutto il mondo a prevenire la criminalità e il terrorismo e indagano e indagano sugli episodi di abuso sessuale su minori nascosti sotto l’ombrellone di app di crittografia da un capo all’altro”, ha affermato un portavoce della NSO.

“NSO, insieme a molte altre società di intelligence elettronica nel mondo, fornisce strumenti di intelligence elettronica ai governi perché le forze dell’ordine di tutto il mondo sono all’oscuro e non esiste una soluzione normativa che consenta loro di monitorare azioni dannose su messaggistica istantanea e social media “, ha detto la società. .

READ  Al-Kazemi: l'Iraq non ha bisogno delle forze di combattimento americane | Notizie ISIL/ISIS

Sulla controversia che circonda il programma di hacking che ha scosso il mondo, il portavoce ha sottolineato che “NSO non gestisce la tecnologia e non possiamo vedere i dati raccolti”.

“Stiamo facendo tutto il possibile per contribuire a creare un mondo più sicuro”, ha detto.

In una risposta scritta a PTI nell’ottobre 2019, quando la questione è emersa per la prima volta con segnalazioni di abusi in India, NSO ha affermato di considerare “qualsiasi uso dei nostri prodotti diverso dalla prevenzione di reati gravi e terrorismo come abuso, che è contrattualmente vietato”.

“Agiamo se rileviamo un uso improprio. Questa tecnologia è radicata nella protezione dei diritti umani, incluso il diritto alla vita, alla sicurezza e all’integrità fisica, motivo per cui abbiamo cercato di allinearci con i Principi guida delle Nazioni Unite su imprese e persone Diritti, per garantire che i nostri prodotti rispettino tutti i diritti umani fondamentali”.

Senza confermare o negare se il software è stato venduto in India, la società ha affermato che i suoi “prodotti sono concessi in licenza all’intelligence governativa e alle forze dell’ordine al solo scopo di prevenire e indagare su terrorismo e crimini gravi”.

“Per proteggere le missioni di sicurezza pubblica in corso dei suoi clienti dell’agenzia, date significative limitazioni legali e contrattuali, il Gruppo NSO non è in grado di rivelare chi è o non è un cliente o discutere usi specifici della sua tecnologia”, afferma la dichiarazione scritta.

In mezzo alla recente controversia, Israele ha istituito un comitato per esaminare le accuse di uso improprio del programma di monitoraggio del gruppo NSO e ha accennato a una “potenziale revisione dell’intera questione delle licenze”.

READ  Spiegazione: Forti piogge in Cina 1.000 anni fa, con conseguenti inondazioni devastanti

“L’establishment della difesa ha nominato un comitato di revisione composto da una serie di organi”, ha detto giovedì a Army Radio il rappresentante Ram Ben Barak, capo del comitato per gli affari esteri e la difesa della Knesset.

“Quando finiranno la loro revisione, chiederemo di vedere i risultati e valutare se dobbiamo apportare correzioni”, ha aggiunto Ben Barak, che in precedenza era l’ex vice capo dell’agenzia di spionaggio israeliana, il Mossad.

Ha sottolineato che la priorità di Israele è “rivedere l’intera questione delle licenze”.

Il CEO della NSO Shalev Hulio ha accolto con favore la mossa, dicendo a Army Radio che “sarebbe molto contento se ci fosse un’indagine in modo da poter riabilitare il nostro nome”.

Hulio ha affermato che c’era uno sforzo per “distorcere l’intera industria di Internet israeliana”.

Ben Barak ha indicato che Pegasus ha aiutato a “smascherare molte cellule terroristiche”,
Ma “se viene usato in modo improprio o venduto a parti irresponsabili, è qualcosa che dobbiamo verificare”.

(Ad eccezione del titolo, questa storia non è stata modificata dalla troupe di NDTV ed è pubblicata da un feed sindacato.)

Baldovino Fiorentini

"Scrittore impenitente. Appassionato di bacon. Introverso. Malvagio piantagrane. Amico degli animali ovunque."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Olympics-Cycling-Dutch Armada Road punta a essere dipinta di arancione
Next Post DeepMind AI afferma che rilascerà la struttura di ogni proteina conosciuta per aiutare meglio i ricercatori