Pechino ha il tasso di natalità più basso nel 2020 e la popolazione cinese è in calo

I dati ufficiali hanno rivelato che Pechino ha registrato il numero più basso di nascite nel 2020, poiché un esperto senior ha affermato che la popolazione della capitale cinese potrebbe iniziare a ridursi dal 2022 e la Cina entro il 2027.

Il cambiamento nella demografia di Pechino, una città di oltre 21 milioni, è un’indicazione che il numero di persone in Cina potrebbe iniziare a diminuire tra sei anni, secondo un rapporto pubblicato mercoledì sul Global Times.

Il numero di neonati a Pechino ha raggiunto un nuovo minimo in un decennio nel 2020, scendendo di 32.000 rispetto all’anno precedente per un totale di 100.368.

Non solo Pechino, 12 città cinesi nelle province dello Zhejiang della Cina orientale e nella provincia del Guangdong della Cina meridionale hanno riferito che il numero di neonati nel 2020 ha raggiunto un nuovo minimo negli ultimi sei-dieci anni.

Il rapporto dei media statali arriva il giorno dopo che il Financial Times con sede a Londra ha annunciato che la Cina si sta preparando a segnalare il suo primo calo della popolazione in cinque decenni dopo un censimento della popolazione una volta per decennio, completato lo scorso dicembre.

Il rapporto del Financial Times afferma che gli ultimi dati del censimento in Cina dovrebbero mostrare un calo della popolazione cinese al di sotto di 1,4 miliardi.

Le statistiche erano previste dal nuovo censimento all’inizio di quest’anno, ma sono state ritardate probabilmente a causa di complicazioni intorno alla popolazione.

Il Financial Times, citando le sue fonti, ha scritto che la popolazione è sensibile e non verrà pubblicata fino a quando i dipartimenti governativi non concorderanno i dati e le loro implicazioni.

READ  La polizia ha sparato a un uomo di colore che è stato ucciso in una stazione del traffico vicino a Minneapolis e sono scoppiate le proteste

Il declino della popolazione aumenterà la pressione su Pechino affinché adotti misure per incoraggiare le coppie ad avere più figli ed evitare un declino irreversibile, afferma il rapporto.

Nel complesso, il numero di bambini nati in Cina è diminuito da 580.000 a 14,65 milioni nel 2019 e il tasso di natalità del 10,48 per mille è stato il più basso dal 1949, quando sono iniziati gli attuali metodi di raccolta dei dati, secondo il National Bureau of Statistics.

La politica dei due figli attuata a partire dal 2016 non ha avuto effetto sui bassi tassi di natalità.

Parlando al Global Times, Huang Wensheng, un esperto demografico del Center for Research on China and Globalization, con sede a Pechino, ha affermato che lo stretto divario tra neonati e morti indica che la capitale potrebbe vedere più morti neonatali dal 2022, cosa che accadrà. Crescita demografica negativa naturale.

Ciò ostacolerà lo sviluppo economico della capitale, ha detto Huang.

“Le cifre di Pechino indicano che la popolazione totale della Cina inizierà presto a diminuire, il che potrebbe avvenire prima del 2027”, ha detto Huang. “I demografi prevedono presto una popolazione, che consentirebbe all’India di sostituire la Cina come il paese più popoloso del mondo, forse nel 2022, se non quest’anno.

Ciò supererà le previsioni del rapporto delle Nazioni Unite del 2017, secondo cui la popolazione indiana supererà la Cina entro il 2024. L’attuale popolazione dell’India è di 1,39 miliardi.

Baldovino Fiorentini

"Scrittore impenitente. Appassionato di bacon. Introverso. Malvagio piantagrane. Amico degli animali ovunque."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post L’Europa rischia altre cicatrici economiche mentre si affretta a riaprire
Next Post Il ritorno di Chris Smalling dà speranza alla Roma contro il Manchester United | Roma