Pechino chiude strade e stadi in mezzo allo smog denso dopo l’aumento del carbone cinese

La Cina è il più grande esportatore mondiale di gas serra responsabili del cambiamento climatico.

Pechino:

Le autostrade e i campi da gioco delle scuole a Pechino sono stati chiusi venerdì a causa del forte inquinamento, mentre la Cina aumenta la produzione di carbone e affronta il controllo del suo record ambientale nei colloqui internazionali sul clima.

I leader mondiali si sono riuniti in Scozia questa settimana per i negoziati COP26 che sono stati descritti come una delle ultime opportunità per evitare il catastrofico cambiamento climatico, sebbene il presidente cinese Xi Jinping abbia pronunciato un discorso scritto piuttosto che apparire di persona.

La Cina, il più grande emettitore al mondo di gas serra responsabili del cambiamento climatico, ha aumentato la produzione di carbone dopo che le catene di approvvigionamento sono state colpite negli ultimi mesi da una crisi energetica a causa di rigidi obiettivi di emissioni e prezzi record per i combustibili fossili.

Una fitta foschia di smog ha coperto le fasce della Cina settentrionale venerdì, con visibilità in alcune aree che è scesa a meno di 200 metri (iarde), secondo il rapporto meteorologico del paese.

Alle scuole della capitale – che ospiteranno le Olimpiadi invernali a febbraio – è stato ordinato di interrompere le lezioni di educazione fisica e le attività all’aperto.

Le autostrade per le principali città, tra cui Shanghai, Tianjin e Harbin, sono state chiuse a causa della scarsa visibilità.

Gli inquinanti rilevati venerdì da una stazione di monitoraggio presso l’ambasciata degli Stati Uniti a Pechino hanno raggiunto livelli noti come “estremamente malsani” per la popolazione generale.

I livelli di piccole particelle, o PM 2,5, che penetrano in profondità nei polmoni e causano malattie respiratorie, si aggirano intorno a 230, ben al di sopra del limite raccomandato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità di 15.

READ  Gli Stati Uniti avvertono che gli estremisti potrebbero colpire mentre le restrizioni COVID-19 vengono allentate

Le autorità di Pechino hanno accusato l’inquinamento di una combinazione di “condizioni meteorologiche sfavorevoli e diffusione dell’inquinamento regionale” e hanno affermato che lo smog potrebbe persistere almeno fino a sabato sera.

“La causa principale dello smog nel nord della Cina è la combustione di combustibili fossili”, ha affermato Danqing Li, direttore del clima e dell’energia per Greenpeace East Asia.

La Cina genera circa il 60 per cento della sua energia dalla combustione del carbone.

sempre più raro

La Cina ha aumentato la produzione di carbone per alleviare la carenza di energia che ha costretto le fabbriche a chiudere negli ultimi mesi.

La produzione media giornaliera di carbone a metà ottobre è stata di 1,1 milioni di tonnellate dalla fine di settembre, secondo una dichiarazione rilasciata domenica dal principale ente di pianificazione economica del paese.

Giovedì, l’agenzia ha dichiarato che le scorte nazionali di carbone hanno raggiunto 112 milioni di tonnellate all’inizio di questa settimana, un “livello normale per un anno medio”.

Come molti luoghi in Cina con un rapido sviluppo industriale, Pechino non è estranea all’inquinamento atmosferico, anche se gli attacchi di grave smog sono diventati meno frequenti negli ultimi anni poiché le autorità danno sempre più priorità alla protezione ambientale.

“L’aria negli ultimi anni è stata buona con pochissimo tempo nebbioso”, ha detto all’AFP Song Ximing, residente a Pechino.

“Questo accade molto raramente.”

Nella sua dichiarazione alla COP26, Jinping ha esortato i paesi sviluppati a fornire un maggiore sostegno al cambiamento climatico ai paesi in via di sviluppo, ma ha smesso di assumere nuovi impegni significativi dalla Cina.

READ  Spiegazione: perché Cuba sta vaccinando contro il Covid-19 bambini di appena due anni?

Pechino si è già impegnata a raggiungere il picco delle emissioni di anidride carbonica dovute al riscaldamento del pianeta entro il 2030 e a ridurle a zero entro il 2060.

La Cina mercoledì ha reagito alle critiche di Joe Biden, affermando che “le azioni parlano più delle parole” dopo che il presidente degli Stati Uniti ha accusato Pechino di non mostrare leadership per combattere il cambiamento climatico.

(Ad eccezione del titolo, questa storia non è stata modificata dalla troupe di NDTV ed è pubblicata da un feed sindacato.)

Baldovino Fiorentini

"Scrittore impenitente. Appassionato di bacon. Introverso. Malvagio piantagrane. Amico degli animali ovunque."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post 31 ufficiali IAS in UP andranno in pensione nel 2022
Next Post Aggiornamento Animal Crossing NH 2.0 – Come sbloccare tutto al più presto