Partnership Intercos legate alla ricerca dell’Università italiana, Laboratorio congiunto – WWD

Milano – Senza precedenti nel panorama italiano della bellezza, il principale produttore di cosmetici Intercos Group ha siglato un accordo quinquennale con l’Università degli Studi di Milano-Picco.

Un laboratorio condiviso che ospiterà ricercatori e attrezzature tecniche di entrambe le parti sarà installato in uno dei campus universitari, precisamente a Vedano Al Lampro, a 20 minuti di auto dalla sede di Intergos.

Chiamato “Laboratorio congiunto”, il laboratorio inizierà ufficialmente le operazioni a settembre. L’investimento iniziale condiviso nel processo è stato di oltre 1 milione di euro.

Un comitato scientifico tecnico composto da quattro rappresentanti di ciascuna parte formulerà le linee guida generali per lo sviluppo delle attività e la definizione dei piani d’azione.

Al momento della firma dell’accordo, il fondatore e presidente di Intergos, Tario Ferrari, ha ricordato precedenti collaborazioni una tantum con università multidisciplinari, ma ha definito il nuovo accordo a lungo termine “unico nel suo genere”.

“Fin dall’inizio di questa azienda, abbiamo capito che la ricerca e l’innovazione sono l’unico modo per crescere. Volevamo essere un’azienda che potesse investire più denaro, energia e manodopera in innovazioni nel mondo dei cosmetici, e siamo stati in grado di farlo “, ha detto Ferrari, sottolineando il fatto che la R&S impiega più di 1.000 dipendenti Intercos.

“Lavoriamo sempre da casa. Sappiamo che la ricerca e l’innovazione sono cose che non puoi permetterti: sono il risultato di tanti anni di lavoro e devi crearle dall’interno verso l’esterno”, ha continuato Ferrari, dimostrando come Intercos porta il suo conoscenza alla collaborazione, soprattutto grezza e attiva Tra i prodotti, sviluppata negli ultimi 25 anni, nonché la sua conoscenza del mercato.

READ  L'errore del duo Detroit Tigers Minnesota sta monetizzando la strada verso il successo

L’esecutivo ha identificato la principale sfida della federazione nella creazione di un linguaggio comune, dicendo: “Da oggi parliamo due lingue diverse”, ma ha detto che la collaborazione sarà fruttuosa e porterà a nuove soluzioni nella cosmetica.

“Il risultato sarà proporzionale alle nostre capacità [discoveries] Portali sul mercato come opportunità di business efficienti. Questo sarà il nostro obiettivo, e congetture a parte, credo che Intercos sia il miglior veicolo per promuovere qualsiasi nuova idea e prodotto nel settore della bellezza perché conosciamo tutti i marchi e abbiamo rapporti privilegiati con aziende chiave “, ha detto Ferrari.

Secondo il preside dell’università Giovanni Inontuoni, questa collaborazione può fornire un apprendimento chiave che aiuterà l’azienda a far progredire i suoi corsi per soddisfare le reali esigenze del settore.

“I cosmetici sono spesso considerati ‘parenti poveri’ dei farmaci, ma molte persone si rivolgono a questo settore perché sta avanzando sempre più velocemente e si muove più velocemente dei farmaci. Ci stiamo muovendo in un modo molto agile, che è radicato nel natura della nostra attività, pensiero così innovativo e veloce Possiamo portarlo “, ha detto Ferrari.

Fondata nel 1972, Intercos fornisce cosmetici e prodotti per la cura della pelle a circa 450 clienti in tutto il mondo. Impiega circa 5.800 persone in tutto il mondo ed è distribuito attraverso 11 centri di ricerca, 15 stabilimenti di produzione e 15 uffici vendita in tre continenti.

Emanuele Schiavone

"Appassionato ninja della birra. Risolutore di problemi estremi. Pensatore. Appassionato di web professionista. Avido comunicatore. Piantagrane hardcore. "

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Post Il giocatore di Coppa America Joseph Sullivan è doppiamente felice di aver finito il suo lavoro italiano
Next Post Nuovi contadini e rinascita della campagna italiana