parere | Vincere: perché il dollaro domina

Il dollaro USA sta per perdere il proprio ruolo dominante nel sistema finanziario globale? Le persone si sono fatte questa domanda nel corso della mia carriera. Seriamente: ho pubblicato il mio primo foglio a riguardo nel 1980.

Molte cose sono cambiate nel mondo da quando ho scritto quel documento, in particolare la creazione dell’euro e l’ascesa della Cina. Tuttavia, la risposta rimane la stessa: probabilmente no. Per vari motivi – frammentazione politica in Europa, capriccio autoritario in Cina – né l’euro né lo yuan sono una ragionevole alternativa al dollaro.

Inoltre, anche se il predominio del dollaro si erode, non importerà molto.

Cosa intendiamo quando parliamo di predominio del dollaro? Gli economisti tradizionalmente assegnano tre ruoli al denaro. È un mezzo di scambio: non tengo lezioni di economia per pagare la spesa. Vengo pagato in dollari per tenere una conferenza e uso quei dollari per comprare cibo. È una riserva di valore: tengo dollari nel portafoglio e nel conto in banca. È una “unità di conto”: gli stipendi sono espressi in dollari, i tassi sono espressi in dollari, le rate del mutuo sono espresse in dollari.

Molte valute svolgono questi ruoli nelle imprese locali. Il dollaro è speciale perché svolge un ruolo sproporzionato negli affari internazionali. È il mezzo di scambio tra valute: una persona che vuole convertire il boliviano boliviano in ringgit malese di solito vende il boliviano in dollari, quindi usa i dollari per acquistare il ringgit. È una riserva di valore globale: molte persone in tutto il mondo hanno conti bancari in dollari. È un’unità di conto internazionale: molti beni prodotti al di fuori degli Stati Uniti hanno un prezzo in dollari; Molte obbligazioni internazionali promettono di essere rimborsate in dollari.

READ  Crescita delle costruzioni nel Regno Unito colpita da interruzioni dell'offerta e aumento dei prezzi | un lavoro

Da dove viene questo continuo dominio, dato che l’economia statunitense non gode più della posizione di leadership che deteneva per due decenni dopo la seconda guerra mondiale? La risposta è che ci sono circuiti di feedback che si autoalimentano, in cui le persone usano dollari perché altri usano dollari.

In quel vecchio giornale del 1980 mi sono concentrato sulle dimensioni e sullo spessore dei mercati. Ci sono molte più persone che vogliono scambiare Boliviano e Ringgit con dollari rispetto a persone che vogliono scambiare Boliviano con Ringgit, quindi è più facile ed economico effettuare transazioni in Ringgit Boliviano indirettamente, usando il dollaro come “mezzo” piuttosto che provare per fare queste transazioni direttamente. Ma tutte queste transazioni indirette allargano i mercati del dollaro, il che aumenta il vantaggio della valuta.

Gita Gopinath, vicedirettore generale senior del Fondo monetario internazionale, e Jeremy Stein, professore di economia all’Università di Harvard descrivono: Anello di altre note Prezzo incluso. Poiché molte materie prime hanno un prezzo in dollari, le attività in dollari hanno un potere d’acquisto relativamente prevedibile; Ciò stimola la domanda di queste attività, il che a sua volta rende l’indebitamento in dollari un po’ più conveniente rispetto all’indebitamento in altre valute. E il prestito a basso costo in dollari, a sua volta, offre alle aziende un incentivo a ridurre il rischio fissando il prezzo in dollari, il che aumenta ancora una volta il vantaggio del dollaro.

Quindi cosa potrebbe togliere il dollaro dal suo stesso posto? Non molto tempo fa, l’euro sembrava un’alternativa ragionevole: l’economia europea è enorme, così come i suoi mercati finanziari. Di conseguenza, molte persone al di fuori dell’Europa possiedono beni in euro e, quando vendono in Europa, fissano i prezzi in euro. Ma il restante vantaggio americano è la dimensione del mercato obbligazionario e la liquidità – la facilità di acquisto o di vendita – che questo mercato fornisce.

READ  L'UE discute le sanzioni energetiche mentre l'Italia si impossessa della villa del pilota russo di F1

Fino alla crisi del debito sovrano del 2009, l’Europa sembrava avere un mercato obbligazionario relativamente ampio, con gli eurobond emessi da diversi governi che sembravano essere intercambiabili e tutti pagavano più o meno lo stesso tasso di interesse. Da allora, tuttavia, i timori di default hanno fatto divergere i rendimenti:

Questo significa che non c’è più un mercato per gli Eurobond: c’è un mercato tedesco, uno italiano e così via, nessuno dei quali può essere paragonato per dimensioni al mercato americano.

E la Cina? La Cina svolge un ruolo enorme nel commercio globale, il che si potrebbe pensare farebbe desiderare alle persone di possedere molti asset in yuan. Ma è anche un paese autoritario con una propensione alla politica irregolare, come dimostra il suo attuale rifiuto dei vaccini Covid occidentali e la sua continua adesione a una strategia insostenibile di lockdown disastrosi. Chi vuole esporre la propria ricchezza ai capricci di un dittatore?

E sì, gli Stati Uniti hanno in qualche modo armato il dollaro contro Vladimir Putin. Ma questo non è il tipo di attività che possiamo aspettarci di diventare familiare.

Nel complesso, quindi, il predominio del dollaro appare ancora ampiamente sicuro, a meno che anche l’America non finisca per essere governata da un eccentrico despota, che temo sembri una reale possibilità in un futuro non troppo lontano.

Ma ecco il punto: anche se mi sbaglio, e il dollaro perde la sua egemonia, non farà molta differenza. Cosa ci guadagnano gli Stati Uniti, dopo tutto, dal ruolo speciale del dollaro? Leggo spesso affermazioni secondo cui la capacità dell’America di imporre dollari appena stampati al resto del mondo le consente di avere persistenti deficit commerciali. Ragazzi, lasciate che vi parli dell’Australia:

READ  Nella nuova serie italiana di Netflix "Zero", l'eroe nero nascosto fa il suo superpotere: NPR

Gli Stati Uniti potrebbero essere in grado di prendere in prestito un po’ meno, grazie al ruolo speciale del dollaro, e ottenere quello che equivale a un prestito senza interessi da tutte le persone che portano banconote da un dollaro, la maggior parte in banconote da $ 100, fuori dal paese . Ma questi sono vantaggi banali per un’economia da 24 trilioni di dollari.

Quindi, il dominio globale del dollaro è in pericolo? Per lo più no. La verità è che non ha molta importanza.

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Post Garth Brooks ha appena confermato che gli amici nei posti bassi sono il suo bar?
Next Post L’Arkansas fornisce sollievo ai proprietari di case colpiti dall’uragano