Pakistan, Cina, Russia e Stati Uniti dicono ai talebani di tagliare i legami con i gruppi terroristici ed eliminarli

Scene dall’incontro della Troika Plus tenutosi a Islamabad l’11 novembre 2021. | Foto: Twitter / @AmbassadorSadiq

dimensione del font:

Nuova Delhi: Pakistan, Cina, Russia e Stati Uniti giovedì hanno chiesto ai talebani di tagliare i legami con tutti i gruppi terroristici internazionali, smantellarli ed eliminarli “in maniera decisa” e “privare dello spazio qualsiasi organizzazione terroristica che opera all’interno” dell’Afghanistan.

La dichiarazione è arrivata a nome di Islamabad Ha ospitato la conferenza Troika Plus, alla quale hanno partecipato rappresentanti speciali della Cina (Yu Xiaoyoung), Russia (Zamir Kabulov) e gli Stati Uniti (Thomas West). Ha partecipato anche una delegazione talebana guidata dal ministro degli Esteri ad interim afgano Amir Khan Mottaki.

Mottaki ha anche tenuto incontri separati con alti funzionari del governo pakistano, incluso il primo ministro Imran Khan.

Secondo la dichiarazione congiunta rilasciata dopo l’incontro, i quattro Paesi hanno affermato di aspettarsi che i talebani “adempiano al loro impegno di prevenire l’uso del territorio afghano da parte dei terroristi contro i suoi vicini, altri Paesi della regione e il resto del mondo”.“.

Hanno condannato “con la massima fermezza” i recenti attacchi terroristici in Afghanistan. Hanno inoltre invitato i talebani ad adottare un approccio amichevole nei confronti dei paesi vicini, ad adempiere agli obblighi legali dell’Afghanistan, compresi i principi universalmente accettati del diritto internazionale e dei diritti umani fondamentali, e a proteggere la sicurezza e i diritti legittimi dei cittadini stranieri e delle istituzioni straniere nel paese. .

La Commissione tripartita ha inoltre espresso preoccupazione per il “potenziale” di un “crollo economico” dell’Afghanistan, un “significativo aggravamento della crisi umanitaria e una nuova ondata di profughi”. Però , “Hanno accolto con favore l’urgente fornitura di assistenza umanitaria della comunità internazionale “a Kabul.


Leggi anche: I talebani vogliono stabilire un contatto con il mondo: l’incontro del ministro degli Esteri pakistano in Troika Plus


Qureshi spinge il mondo verso un “impegno positivo” con i talebani

Il Pakistan ha nuovamente invitato la comunità internazionale a un “impegno positivo” con il governo ad interim dei talebani, aggiungendo che Islamabad L’immediato vicino ha un “interesse diretto” per la pace e la stabilità dell’Afghanistan.

Essendo presenti, abbiamo sopportato il peso di quattro decenni di conflitti e instabilità sotto forma di rifugiati, droga e terrorismo. “Vediamo la situazione attuale come un’opportunità per porre fine al lungo conflitto”, ha detto il ministro degli Esteri pakistano Shah Mahmood Qureshi durante l’incontro.

Riteniamo che i talebani siano interessati a partecipare, poiché cercano l’accettazione e il sostegno internazionali. Pertanto, è di fondamentale importanza che la comunità internazionale eviti di ripetere gli errori del passato e continui a impegnarsi positivamente”. aggiunto.

La Troika Plus, che si è riunita tre mesi dopo, ha incontrato separatamente la delegazione talebana, per la prima volta da quando i talebani hanno conquistato l’Afghanistan ad agosto.

“La Troika Plus ha anche incontrato il ministro degli Esteri afghano ad interim per discutere i risultati della riunione della Troika Plus e per ascoltare la prospettiva del governo provvisorio afghano” cinguettare Muhammad Sadiq, rappresentante speciale del Pakistan per l’Afghanistan.

I due paesi hanno anche discusso dei passi che il Pakistan ha già intrapreso per aiutare le persone in Afghanistan. “Ciò include l’esenzione dai dazi doganali sugli alimenti deperibili per sostenere gli agricoltori in Afghanistan, fornire assistenza umanitaria, facilitare il movimento dei pedoni, mantenere aperte le frontiere durante il Covid-19 e il visto all’arrivo per i casi medici”, afferma la nota.

READ  Regno Unito: 11enne denunciato per estremismo dopo che l'insegnante considera "l'elemosina" un'"armi"

La delegazione talebana è arrivata in Pakistan, mercoledì, in una visita che coincide con quella dell’India Dialogo sulla sicurezza regionale di Delhi Sull’Afghanistan, guidato dal consigliere per la sicurezza nazionale Ajit Doval.

Imran Khan afferma che il Pakistan starà dalla parte del popolo afghano

La delegazione talebana ha anche incontrato la leadership pakistana a margine della riunione della Troika Plus.

Il Pakistan è sempre stato al fianco del popolo afghano nel momento del bisogno. Abbiamo assicurato al ministro degli esteri afghano Amir Khan Mottaki e alla sua delegazione che forniremo tutta l’assistenza umanitaria possibile all’Afghanistan. Il primo ministro pakistano Imran Khan ha dichiarato in una nota: “Stiamo inviando generi alimentari essenziali, forniture mediche di emergenza e rifugi invernali per fornire soccorso immediato al popolo afghano. tweet Giovedi.

Forniremo anche vaccini Covid 19 gratuiti a tutti gli afgani che viaggiano attraverso il confine verso Pak. Esorto ancora una volta la comunità internazionale ad adempiere alla sua responsabilità collettiva di evitare una grave crisi umanitaria che affligge il popolo afghano”.

Qureshi ha confermato che il prossimo round della riunione della Troika Plus si terrà a Pechino, dove è stato invitato il governo provvisorio afghano.

(a cura di Amit Upadhyaya)


Leggi anche: Terrorismo, diritti delle donne e aiuti umanitari – I talebani ricevono un messaggio duro dall’incontro dell’NSA a Delhi


Iscriviti ai nostri canali su Youtube & cavo

Perché i media sono in crisi e come puoi risolverlo

L’India ha bisogno di una stampa libera, equa, non connessa e più scettica in un momento in cui sta affrontando molteplici crisi.

Ma i media sono in crisi. Ci sono stati licenziamenti brutali e tagli salariali. Il meglio del giornalismo sta diminuendo, portando a una scena maleducata in prima serata.

READ  Il Consiglio di sicurezza dell'ONU diviso esorta i talebani a consentire viaggi, aiuti

ThePrint ha i migliori giovani giornalisti, editorialisti ed editori che lavorano per questo. Mantenere un giornalismo di questa qualità ha bisogno di persone intelligenti e premurose come te che lo paghino. Che tu viva in India o all’estero, puoi farlo Qui.

sostieni la nostra stampa