Otto pakistani e un soldato afghano sono rimasti uccisi in uno scontro transfrontaliero

  • Entrambe le parti si incolpano a vicenda per aver iniziato i combattimenti
  • Riaprono le frontiere per il commercio e il transito dopo essere state chiuse per un breve periodo
  • Primo ministro pakistano: “Le uccisioni meritano una ferma condanna”

QUETTA, Pakistan (Reuters) – I bombardamenti e gli spari transfrontalieri tra Afghanistan e Pakistan hanno ucciso domenica otto civili pakistani e un soldato afghano, hanno detto funzionari di entrambi i lati del confine, con entrambe le parti che si accusano a vicenda di aver iniziato i combattimenti. .

L’esercito pakistano ha affermato che le forze di frontiera afgane hanno aperto “fuoco non provocato e indiscriminato con armi pesanti, inclusi proiettili di artiglieria/mortaio, sulla popolazione civile” al valico di frontiera di Chaman che collega la provincia occidentale del Baluchistan del Pakistan con la provincia meridionale dell’Afghanistan di Kandahar.

L’esercito pakistano ha dichiarato domenica in una dichiarazione che sei civili sono stati uccisi e 17 feriti dalla parte pakistana dal fuoco afghano, il che ha spinto le forze pakistane a rispondere.

Wasim Baig, un funzionario dell’ospedale, ha detto che il bilancio delle vittime è salito a otto lunedì, poiché due sono morte, tra cui un bambino di 10 anni, in un ospedale nella città di Quetta, nel sud-ovest del Pakistan, dove sono state portate per cure.

Il primo ministro pakistano Shehbaz Sharif ha affermato che l’omicidio “merita la più ferma condanna”.

“Il governo ad interim afghano deve garantire che tali incidenti non si ripetano”, ha affermato in una nota.

Haji Zahid, portavoce del governatore di Kandahar, ha affermato che i combattimenti sono iniziati dopo che il Pakistan si è opposto alle forze afghane che costruivano un nuovo posto di blocco.

“Non volevano che costruissimo questi posti dalla nostra parte del confine”, ha detto, aggiungendo che questo ha portato a uno scontro a fuoco di due ore.

Il portavoce della polizia di Kandahar, Hafez Saber, ha detto che un soldato afghano è stato ucciso e 10 feriti, tra cui tre civili.

L’Afghanistan e il Pakistan hanno avuto decenni di dispute territoriali sui loro confini e il valico di Chaman è stato chiuso per diversi giorni dopo scontri simili il mese scorso.

Chaman è il secondo più grande punto di confine commerciale tra i due paesi dopo Torkham nel Khyber Pakhtunkhwa. È una fonte vitale di entrate doganali per l’amministrazione a corto di liquidità in Afghanistan.

È stato chiuso per settimane a ottobre dalle autorità pakistane a causa di minacce alla sicurezza e disaccordi su questioni che vanno dal COVID-19 alla validità dei documenti di viaggio afgani.

Funzionari di entrambe le parti hanno affermato che il valico è stato chiuso per alcune ore domenica prima della riapertura.

“Questi sfortunati incidenti non sono in linea con le relazioni fraterne tra i due paesi”, ha affermato il ministero degli Esteri pakistano, aggiungendo che alle autorità afghane era stata comunicata la necessità di evitare che si ripetessero.

Il portavoce del ministero degli Esteri afghano Abdul Qahhar Balkhi ha dichiarato lunedì su Twitter che il ripetersi degli scontri al confine è stato “sfortunato”.

Ha detto che l’amministrazione afgana gestita dai talebani ha invitato la parte pakistana a prendere provvedimenti per prevenire “provocazioni che causano violenza e influenzano negativamente le relazioni tra i due paesi”.

Scritto e resoconto di Asif Shahzad a Islamabad. Reportage aggiuntivo di Kabul Newsroom e Gebran Ahmed a Peshawar. Montaggio di Raju Gopalakrishnan e Grant McCall

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

READ  Pechino chiude strade e stadi in mezzo allo smog denso dopo l'aumento del carbone cinese

Baldovino Fiorentini

"Scrittore impenitente. Appassionato di bacon. Introverso. Malvagio piantagrane. Amico degli animali ovunque."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *