Omicron potrebbe dirigersi verso un rapido declino in Gran Bretagna e negli Stati Uniti

Gli scienziati stanno vedendo segnali che l’allarmante ondata di COVID-19 di Omicron potrebbe aver raggiunto il picco in Gran Bretagna e sta per fare lo stesso negli Stati Uniti, a quel punto i casi potrebbero iniziare a diminuire drasticamente.

Il motivo: la variante ha dimostrato di essere così contagiosa che potrebbe effettivamente esaurire le persone da infettare, solo un mese e mezzo dopo essere stata scoperta per la prima volta in Sud Africa.

“Scenderà velocemente come sale”, ha affermato Ali Mokdad, professore di scienze della metrica della salute presso l’Università di Washington a Seattle.

Allo stesso tempo, gli esperti avvertono che molto rimane incerto su come potrebbe svilupparsi la prossima fase della pandemia. Il plateau o il riflusso nei due paesi non si verificano ovunque allo stesso tempo o allo stesso ritmo. Settimane o mesi di miseria attendono ancora pazienti e ospedali sovraccarichi anche se l’astinenza svanisce.

“Ci sono ancora molte persone che verranno infettate quando scendiamo dal pendio sul fondoschiena”, ha affermato Lauren Ansel Meyers, direttore del Consorzio modelli COVID-19 dell’Università del Texas, che prevede che i casi segnalati raggiungeranno il picco entro un settimana.

Il modello altamente influente dell’Università di Washington prevede che il numero di casi segnalati al giorno negli Stati Uniti raggiungerà 1,2 milioni entro il 19 gennaio e poi diminuirà drasticamente “solo perché tutti coloro che possono essere infettati verranno infettati”, secondo Miqdad.

In effetti, secondo i complessi calcoli dell’università, il numero reale di nuove infezioni giornaliere negli Stati Uniti – una stima che include persone che non sono mai state testate – ha già raggiunto il picco, raggiungendo i 6 milioni il 6 gennaio.

READ  Medici e funzionari sanitari affermano che gli ultimi pazienti ospedalieri Covid-19 non sono stati vaccinati e sono sempre più giovani

Nel frattempo, la scorsa settimana i nuovi casi di Covid-19 in Gran Bretagna sono scesi a circa 140.000 al giorno, dopo essere balzati a oltre 200.000 il giorno prima di questo mese, secondo i dati del governo.

I dati del Servizio sanitario nazionale del Regno Unito questa settimana mostrano che i ricoveri ospedalieri per coronavirus per gli adulti stanno iniziando a diminuire, con infezioni che cadono in tutte le fasce di età.

Kevin McConway, professore in pensione di statistica applicata presso la British Open University, ha affermato che mentre i casi di Covid-19 sono ancora in aumento in luoghi come il sud-ovest dell’Inghilterra e le West Midlands, l’epidemia potrebbe aver raggiunto il picco a Londra.

Le cifre hanno suscitato la speranza che i due paesi stessero per soccombere a qualcosa di simile a quanto accaduto in Sud Africa, dove in circa un mese l’ondata ha raggiunto livelli record per poi scendere drasticamente.

Il dottor Paul Hunter, professore di medicina, ha dichiarato: “Stiamo assistendo a una chiara riduzione del numero di casi nel Regno Unito, ma mi piacerebbe vederli diminuire molto di più prima di sapere se accadrà ciò che è successo in Sud Africa qui.” presso l’Università dell’East Anglia, Regno Unito.

La Gran Bretagna era “il paese più vicino a uscire da una pandemia”, ha affermato il dottor David Heyman, che in precedenza aveva guidato la divisione malattie infettive dell’OMS, aggiungendo che il COVID-19 si stava lentamente dirigendo verso una pandemia.

I disaccordi tra Gran Bretagna e Sud Africa, inclusa la popolazione anziana britannica e la tendenza della sua gente a trascorrere più tempo al chiuso in inverno, potrebbero significare focolai nel paese e in altri paesi simili.

READ  Central District Health sta aumentando le linee guida per le maschere per il viso per quattro contee

D’altra parte, la decisione delle autorità britanniche di adottare restrizioni minime contro l’omicron potrebbe consentire al virus di penetrare nella popolazione e fare il suo corso molto più velocemente di quanto accadrebbe nei paesi dell’Europa occidentale che hanno imposto restrizioni più severe al COVID-19, come Francia, Spagna e Italia.

Shabbir Mahdi, preside di scienze della salute presso l’Università del Witwatersrand in Sud Africa, ha affermato che i paesi europei che impongono il blocco non supererebbero necessariamente un’ondata di Omicron con un minor numero di infezioni. I casi possono essere distribuiti solo su un periodo di tempo più lungo.

Martedì, l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha affermato che nell’ultima settimana sono stati registrati 7 milioni di nuovi casi di COVID-19 in tutta Europa, descrivendolo come un “maremoto che ha spazzato la regione”. L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha citato un modello del gruppo di Mikdad che prevede che metà della popolazione europea sarà infettata da oomicron entro circa otto settimane.

A quel punto, tuttavia, Hunter e altri prevedono che il mondo avrà superato la corsa all’Omicron.

“Probabilmente ci saranno alcuni alti e bassi lungo la strada, ma spero che entro Pasqua ne usciremo”, ha detto Hunter.

Tuttavia, il dottor Prabhat Jha del Center for Global Health Research presso il St Michael’s Hospital di Toronto ha affermato che il numero di infetti potrebbe essere schiacciante per i sistemi sanitari fragili.

“Le prossime settimane saranno difficili perché in numero assoluto ci sono così tante persone infette che la malattia andrà alle unità di terapia intensiva”, ha detto Jha.

Allo stesso modo, Al-Mokdad ha avvertito negli Stati Uniti: “Saranno due o tre settimane difficili. Dobbiamo prendere decisioni difficili per consentire ad alcuni lavoratori essenziali di continuare a lavorare, sapendo che potrebbero essere contagiosi”.

READ  Il Maine ha riportato 862 nuovi casi di COVID-19 in tre giorni

Myers, dell’Università del Texas, ha affermato che un giorno Omicron potrebbe essere visto come un punto di svolta nella pandemia. L’immunità acquisita da tutte le nuove infezioni, combinata con nuovi farmaci e vaccinazioni in corso, potrebbe rendere il coronavirus qualcosa con cui possiamo convivere più facilmente.

“Alla fine di questa ondata, molte più persone saranno infettate da una qualche forma di COVID”, ha detto Myers. “Ad un certo punto, saremo in grado di tracciare una linea – e l’omicron potrebbe essere quel punto – passando da una minaccia globale catastrofica a qualcosa di più gestibile”.

Questo è un futuro ragionevole, ha detto, ma c’è anche la possibilità che emerga una nuova variante – molto peggiore dell’Omicron.

___

Il Dipartimento della Salute e della Scienza dell’Associated Press riceve il sostegno della Divisione di Educazione Scientifica dell’Howard Hughes Medical Institute. AP è l’unico responsabile di tutti i contenuti.

Elma Zito

"Esperto di cibo per tutta la vita. Geek di zombi. Esploratore. Lettore. Giocatore sottilmente affascinante. Imprenditore. Analista devoto."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Il direttore di EverRise Jenn Duong sullo sviluppo di dApp sicure e sui problemi che affrontano lo spazio DeFi – Intervista a Bitcoin News
Next Post Le voci sulla morte di Adam Sandler mandano i fan nel panico dopo che la bufala TikTok ha spazzato Internet